Indy 500: ecco i 9 che si giocheranno la pole, Power rischia

Primi verdetti alla 500 Miglia di Indianapolis, con Scott Dixon che guida la schiera dei 9 piloti che questa sera si giocheranno la pole position. Non ne fanno parte tanti big come Rossi, Sato, Montoya e Pagenaud, che comunque hanno già centrato uno slot in griglia. Se la passa peggio Power, che oggi dovrà giocarsi una chance per l'ultima fila.

Indy 500: ecco i 9 che si giocheranno la pole, Power rischia

Questa sera scopriremo il nome del poleman, ma nella notte sono già stati scritti i primi verdetti per quanto riguarda la 500 Miglia di Indianapolis, con la prima parte delle qualifiche che ha designato i nomi dei nove piloti che si giocheranno le prime tre file dello schieramento e fissato le posizioni tra la decima e la 30esima, oltre a coloro che oggi avranno ancora una chance di guadagnarsi l'ultima fila.

Il più veloce al termine di questa prima giornata di prove è stato uno dei veterani della grande classica dell'Indiana come Scott Dixon. Il neozelandese della Ganassi Racing ha spinto la sua Dallara motorizzata Honda fino ad un media di 231,828 miglia orarie.

Dietro di lui però c'è il nuovo che avanza, perché in seconda posizione, alla media di 231,648 miglia orarie, si è issato Colton Herta della Andretti Autosport. A completare una prima fila virtuale tutta a propulsione Honda c'è poi un altro vecchio volpone come Tony Kanaan, pure lui con i colori della Ganassi Racing.

Il primo tra i motorizzati Chevrolet è Ed Carpenter, che con la monoposto dell'omonimo team si è spinto fino a 231,616, seguito dal compagno di squadra Rinus VeeKay, che invece si è fermato a 231,483. Segue poi un altro veterano, il tre volte vincitore Helio Castroneves, tornato questa volta per difendere i colori della Meyer Shank.

Gli ultimi tre che questa sera si sfideranno nella caccia alla pole position sono Alex Palou, Ryan Hunter-Reay e l'ex pilota di Formula 1 Marcus Ericsson, con lo spagnolo della Ganassi Racing che è incappato anche in un incidente, perdendo il posteriore della sua monoposto alla curva 2 ed andando ad impattare le barriere piuttosto violentemente. Tuttavia, dopo un primo check, è stato immediatamente dimesso dal centro medico del circuito dell'Indiana ed ammesso a tornare in macchina.

Andiamo ora a vedere invece quelli che sono già certi della loro posizione in griglia, perché tra questi ci sono certamente diversi piloti che ambivano almeno a provare ad entrare nella Fast 9, a partire da Alexander Rossi, vincitore nel 2016, che è il primo degli esclusi con una media di 231,408 miglia orarie.

A dividere la quarta fila con lui ci saranno Ed Jones e Pato O'Ward, mentre bisogna scendere fino alla quinta per trovare un altro due volte vincitore come il giapponese Takuma Sato, che scatterà 15esimo, alle spalle anche di Pietro Fittipaldi e di Felix Rosenqvist.

In grande difficoltà per ora anche i portacolori della Penske, perché la prima delle monoposto della squadra di patron Roger prenderà il via addirittura dalla 17esima casella dello schieramento di partenza con Scott McLaughlin. Più attardati invece Josef Newgarden e Simon Pagenaud, vincitore nel 2019, che si ritrovano addirittura 21esimo e 26esimo.

Non se la passa tanto meglio Juan Pablo Montoya, 24esimo in griglia con la monoposto della Arrow McLaren SP, seguito dal nipote d'arte Marco Andretti. Male anche gli altri ex piloti di Formula 1 Sebastien Bourdais e Max Chilton, che devono accontentarsi degli slot numero 27 e 29.

La sorpresa più grande però è quella che riguarda Will Power, perché il pilota della Penske, vincitore dell'edizione 2018 della Indy 500, si ritrova addirittura tra quelli che oggi si dovranno giocare gli ultimi tre posti disponibili in undicesima ed ultima fila.

L'australiano non è riuscito a fare meglio del 31esimo tempo, sbagliando nell'ultimo giro in un run che lo avrebbe fatto entrare senza troppi problemi. Oggi se la dovrà vedere con Simona De Silvestro, Sage Karam, Charlie Kimball e R.C. Enerson. Per due di loro l'avventura alla Indy 500 2021 sarà finita questa sera.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph
1 New Zealand Scott Dixon
United States Chip Ganassi Racing 4 2'35.287 231.828
2 United States Colton Herta
Andretti Autosport with Curb-Agajanian 4 2'35.408 0.120 0.120 231.648
3 Brazil Tony Kanaan
United States Chip Ganassi Racing 4 2'35.414 0.126 0.005 231.639
4 United States Ed Carpenter
United States Ed Carpenter Racing 4 2'35.429 0.142 0.015 231.616
5 Netherlands Rinus van Kalmthout
United States Ed Carpenter Racing 4 2'35.519 0.231 0.089 231.483
6 Brazil Helio Castroneves
United States Michael Shank Racing 4 2'35.733 0.446 0.214 231.164
7 Spain Álex Palou
United States Chip Ganassi Racing 4 2'35.746 0.458 0.012 231.145
8 United States Ryan Hunter-Reay
United States Andretti Autosport 4 2'35.750 0.462 0.004 231.139
9 Sweden Marcus Ericsson
United States Chip Ganassi Racing 4 2'35.773 0.486 0.023 231.104
10 United States Alexander Rossi
United States Andretti Autosport 4 2'35.813 0.525 0.039 231.046
11 United Arab Emirates Ed Jones
Dale Coyne Racing with Vasser Sullivan 4 2'35.814 0.527 0.001 231.044
12 Mexico Patricio O'Ward
Arrow McLaren SP 4 2'35.936 0.648 0.121 230.864
13 Brazil Pietro Fittipaldi
Dale Coyne Racing with RWR 4 2'35.948 0.660 0.012 230.846
14 Sweden Felix Rosenqvist
Arrow McLaren SP 4 2'36.016 0.729 0.068 230.744
15 Japan Takuma Satō
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 4 2'36.041 0.754 0.024 230.708
16 Canada James Hinchcliffe
Andretti Steinbrenner Autosport 4 2'36.139 0.852 0.097 230.563
17 New Zealand Scott McLaughlin
United States Team Penske 4 2'36.143 0.856 0.004 230.557
18 United States Graham Rahal
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 4 2'36.168 0.880 0.024 230.521
19 United States Conor Daly
United States Ed Carpenter Racing 4 2'36.231 0.944 0.063 230.427
20 United Kingdom Jack Harvey
United States Michael Shank Racing 4 2'36.392 1.104 0.160 225.496
21 United States Josef Newgarden
United States Team Penske 4 2'36.473 1.186 0.081 230.071
22 United States J.R. Hildebrand
United States A.J. Foyt Enterprises 4 2'36.535 1.248 0.061 229.980
23 United States Santino Ferrucci
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 4 2'36.556 1.268 0.020 229.949
24 Colombia Juan Pablo Montoya
Arrow McLaren SP 4 2'36.596 1.308 0.039 229.891
25 United States Marco Andretti
Andretti Herta-Haupert with Marco & Curb-Agajanian 4 2'36.608 1.321 0.012 229.872
26 France Simon Pagenaud
United States Team Penske 4 2'36.673 1.385 0.064 229.778
27 France Sébastien Bourdais
United States A.J. Foyt Enterprises 4 2'36.696 1.409 0.023 229.744
28 United Kingdom Stefan Wilson
United States Andretti Autosport 4 2'36.716 1.429 0.020 229.714
29 United Kingdom Max Chilton
United Kingdom Carlin 4 2'36.919 1.632 0.202 229.417
30 Canada Dalton Kellett
United States A.J. Foyt Enterprises 4 2'37.671 2.384 0.752 228.323
31 Australia Will Power
United States Team Penske 4 2'37.049 1.761 229.052
32 United States Sage Karam
United States Dreyer & Reinbold Racing 4 2'37.096 1.809 0.047 229.158
33 United States Charlie Kimball
United States A.J. Foyt Enterprises 4 2'37.617 2.329 0.520 228.401
34 Switzerland Simona De Silvestro
Paretta Autosport 4 2'37.621 2.334 0.004
35 United States R.C. Enerson
Top Gun Racing 4 2'38.393 3.105 0.771 227.283
condividi
commenti
Grosjean: una seconda vita piena di soddisfazioni in IndyCar
Articolo precedente

Grosjean: una seconda vita piena di soddisfazioni in IndyCar

Articolo successivo

Scott Dixon in pole per la quarta volta alla Indy 500

Scott Dixon in pole per la quarta volta alla Indy 500
Carica i commenti