500 Miglia di Indianapolis: ecco la griglia definitiva

500 Miglia di Indianapolis: ecco la griglia definitiva

Il Bump Day regala diverse sorprese: esclusi Hunter-Reay e Conway!

Ci sono dei nomi importanti tra coloro che non sono riusciti a strappare il pass per l'edizione del centenario della 500 Miglia di Indianapolis. Anche il Bump Day, cioè la giornata che metteva in palio le posizioni tra la 25esima e la 33esima della griglia di partenza, ha sbarrato la strada a piloti del calibro di Ryan Hunter-Reay e Mike Conway. A complicare la vita a chi doveva tentare gli ultimi assalti ci ha pensato anche alla pioggia, arrivata a più riprese a rallentare la sessione. In particolare Danica Patrick sembrava destinata a pagarne lo scotto, ma una volta calata l'intensità della pioggia la ragazza della Andretti Autosport è andata a prendersi il 26esimo posto, alle spalle del veterano Paul Tracy. Bene anche le altre due ragazze al via nella giornata di ieri, ovvero Pippa Mann ed Ana Beatriz, che alla fine si sono andate a conquistare gli ultimi due posti disponibili sulla griglia: con la De Silvestro già certa del 24esimo posto, saranno dunque quattro le lady che domenica prossima si presenteranno al via. Dentro anche altri tre nomi pesanti che rischiavano l'esclusione, come quelli di Ryan Briscoe, Marco Andretti e Graham Rahal, che prenderanno il via rispettivamente in 27esima, 28esima e 30esima posizione. Il quadro dei piloti qualificati è poi completato da Charlie Kimball e da Alex Lloyd. Da segnalare anche il forfait di Scott Speed, che in mattinata aveva ceduto il volante della sua vettura della Dragon Racing a Patrick Carpentier. Dopo il botto di ieri di Ho Pin Tung, anche il veterano però si è esibito in un altro incidente alla curva 1 nel corso delle prove libere, danneggiando la macchina e dovendo arrendersi ancora prima di arrivare alle prove ufficiali.

Indycar - Indianapolis 500 - Griglia di partenza

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag formula 1, lavoro