Cosworth parla con i costruttori per un motore di IndyCar

condividi
commenti
Cosworth parla con i costruttori per un motore di IndyCar
Di:
Tradotto da: Francesco Corghi
19 dic 2018, 14:24

Cosworth ha parlato con diversi costruttori per capire se imbastire un programma in IndyCar.

L'azienda inglese sta investendo in maniera importante in America dopo l'accordo firmato con Fiat-Chrysler per espandersi e durante una visita alla sede nel Northamptonshire, Motorsport.com ha avuto la conferma che questo sarebbe il prossimo obiettivo di Cosworth.

Già ad inizio anno avevamo riportato che c'era l'intenzione di costruire un motore per l'IndyCar se ci fosse stato il giusto legame con un partner. Ora Bruce Wood, responsabile del settore motori di Cosworth, ha confermato che i contatti sono stati avviati da tempo.

"Abbiamo parlato con due o tre costruttori per un periodo di un paio d'anni - ha detto a Motorsport.com - C'è interesse, questo sì, ma al momento non siamo vicini all'ok definitivo per tramutarlo in realtà. In IndyCar ci sono un sacco di marchi impegnati e sono un po' sorpreso del fatto che non si dica che non è come la F1 o Le Mans. A noi la IndyCar è sempre interessata, forse è un po' trascurata perché tutti sanno quanto costano F1 e Le Mans, parliamo di cifre straordinarie".

"Persino i più grandi costruttori di auto debbono pensare se impegnarsi con esse o meno, se possono permetterselo. In IndyCar le auto sono Dallara e i regolamenti sui motori sono semplici, non ci sono team ufficiali e comunque per un costruttore e una serie piuttosto economica. Si può provare a vincere la 500 Miglia di Indianapolis e uno come Fernando Alonso infatti ci ha provato, sarebbe un successo di grande prestigio".

Wood è anche convinto che i nuovi regolamenti per il 2021 siano più accessibili.

"C'è solo un piccolo aumento di capacità. Honda e Chevrolet resteranno in IndyCar senza dover spendere milioni. Spero che tutti coloro che pensano di continuare su questa linea non buttino via il loro tempo per ricominciare da capo. I regolamenti sono più sensati, noi vorremmo fare un motore, ma ci serve un marchio co cui collaborare".

Cosworth attualmente è fornitore del campionato con l'elettronica mediante componenti vari per il volante e di software per le analisi.

Il ramo elettronico è diventato una chiave del business di Cosworth che ora ha legami con la United States Navy e altri progetti come il motore V12 da 6,5 litri con potenza da 1.000 CV progettato da Adrian Newey.

Secondo Wood, però, il motorsport resta una parte fondamentale di Cosworth.

"Il motorsport è sempre una parte importantissima per Cosworth e non ci metteremo mai nella posizione di rischiare di perdere tutto con strategie ad alto rischio. Facciamo quello che possiamo fare, ma il motorsport è comunque una chiave dell'azienda".

Articolo successivo
Alonso lancia un sondaggio per scegliere il casco con cui correrà alla Indy 500

Articolo precedente

Alonso lancia un sondaggio per scegliere il casco con cui correrà alla Indy 500

Articolo successivo

Brown: "La F1 è poco attraente per gli sponsor. Ecco perché McLaren correrà alla Indy 500!"

Brown: "La F1 è poco attraente per gli sponsor. Ecco perché McLaren correrà alla Indy 500!"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie IndyCar
Autore Tom Errington