Alexander Rossi domina a Long Beach e si prende la leadership

L'ex pilota di Formula 1 ha controllato molto bene la corsa scattando dalla pole position e dopo l'ultima Caution ha resistito molto bene al ritorno di Power. Un ottimo Jones completa il podio, mentre Bourdais è stato molto sfortunato.

Dopo la pole position, Alexander Rossi ha dominato la gara di Long Beach della Indycar, conquistando la sua prima vittoria stagionale e portandosi in vetta alla classifica del campionato.

Il pilota della Andretti Autosport è sopravvissuto all'ultima caution, che ha dato un'ultima chance di nove giri per provarci a Will Power della Penske.

Power aveva a disposizione un paio di push to pass in più rispetto a Rossi al quarto ed ultimo restart, ma non è riuscito ad avvicinarsi troppo al rivale ed ha chiuso con poco più di un secondo di ritardo.

Rossi ha subito tratto vantaggio dalla pole position, portandosi subito al comando e resistendo all'attacco di Simon Pagenaud, prima che il pilota della Penske venisse centrato da Graham Rahal, che lo ha colpito in pieno nel posteriore.

Questo ha portato alla prima delle quattro caution, dopo la quale Rossi è stato abile a ricostruirsi subito un vantaggio di circa tre secondi rispetto agli inseguitori.

L'ex pilota di Formula 1 ha perso il comando durante i pit stop, ma di fatto è sempre stato il leader virtuale della corsa e alla fine si è presentato sotto alla bandiera a scacchi con un margine di 1"2 nei confronti di Power.

La vera sorpresa di giornata è stata Ed Jones, capace di artigliare il terzo gradino del podio con la vettura della Ganassi Racing, dopo essere stato bravo ad evitare gli incidenti che hanno condizionato la gara di tanti, compreso il suo compagno di squadra Scott Dixon, che era stato uno degli avversari più vicini a Rossi prima di ricevere un drive through per essere rientrato ai box con la pitlane chiusa: alla fine il neozelandese ha chiuso 11esimo.

Anche Rahal ha ricevuto un drive through per il contatto al via con Pagenaud, ma è stato bravo a recuperare poi fino alla quinta posizione, alle spalle di Zach Veach, che con il quarto posto ha ottenuto il suo miglior risultato in carriera, e davanti invece ad un veterano come Marco Andretti.

Dopo aver commesso un errore nella fase finale delle qualifiche, il campione in carica Josef Newgarden ha chiuso in settima posizione, spuntandola in un bello duello con Tony Kanaan nelle fasi conclusive della corsa. A completare la top 10 ci sono poi il vincitore della gara dello scorso anno, James Hinchcliffe, e Charlie Kimball, che ha portato per la prima volta una monoposto della Carlin nelle prime dieci posizioni.

Sfortunata la gara di Sebastien Bourdais: il vincitore della prova di apertura della stagione si era portato al comando dopo i pit stop, ma la sua corsa è stata rovinata dal compagno di squadra Zachary Claman De Melo, finito contro le barriere alla curva 8, provocando la terza Caution di giornata.

Successivamente, Bourdais ha superato Dixon per la seconda posizione insieme ai due doppiati Spencer Pigot e Matheus Leist, ma secondo la direzione gara ha oltrepassato la linea di uscita dei box per farlo, quindi è stato obbligato a restituire la posizione al pilota della Ganassi Racing.

Dopo averlo fatto, il francese si è ripreso la seconda piazza poche curve più tardi. Le sua disavventure però non sono finite qui: come Dixon, anche lui è rientrato ai box con la pitlane chiusa, quindi la Dale Coyne Racing lo ha fatto transitare, invitandolo a rientrare nel giro successivo, quando però il rookie Jordan King lo ha mandato in testacoda all'ultima curva.

A quel punto la vettura di Bourdais ha colpito quella di Ryan Hunter-Reay, danneggiando la seconda ala anteriore di giornata per il pilota della Andretti Autosport, dopo quella rotta in un contatto avvenuto nel corso del primo giro. Robert Wickens, che era già attardato a causa di problemi al cambio accusati nella prima parte della gara, ha quindi stallato nel tentativo di evitarli entrambi.

Per quanto riguarda la seconda Caution, questa è stata causata da Kyle Kaiser, finito in testacoda alla curva 2, ma poi ripartito per concludere la gara al 16esimo posto.

Cla #PilotaGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPunti
1   27 united_states Alexander Rossi 85 1:53'15.2434     88.622 2   54
2   12 australia Will Power 85 1:53'16.4847 1.2413 1.2413 88.606 2   41
3   10 united_arab_emirates Ed Jones 85 1:53'24.5340 9.2906 8.0493 88.501 3   35
4   26 united_states Zach Veach 85 1:53'25.3484 10.1050 0.8144 88.490 2   32
5   15 united_states Graham Rahal 85 1:53'25.9900 10.7466 0.6416 88.482 5   30
6   98 united_states Marco Andretti 85 1:53'26.7947 11.5513 0.8047 88.472 2   28
7   1 united_states Josef Newgarden 85 1:53'27.4609 12.2175 0.6662 88.463 3   27
8   14 brazil Tony Kanaan 85 1:53'31.3482 16.1048 3.8873 88.412 3   24
9   5 canada James Hinchcliffe 85 1:53'31.7191 16.4757 0.3709 88.408 3   22
10   23 united_kingdom Charlie Kimball 85 1:53'32.2553 17.0119 0.5362 88.401 4   20
11   9 new_zealand Scott Dixon 85 1:53'32.5735 17.3301 0.3182 88.397 3   19
12   60 united_kingdom Jack Harvey 85 1:53'33.5903 18.3469 1.0168 88.383 3   18
13   18 france Sébastien Bourdais 85 1:53'34.1877 18.9443 0.5974 88.376 4   18
14   4 brazil Matheus Leist 85 1:53'34.1900 18.9466 0.0023 88.378 3   16
15   21 united_states Spencer Pigot 84 1:53'36.6326 1 giro 1 giro 87.305 3   15
16   32 united_states Kyle Kaiser 84 1:53'41.1461 1 giro 4.5135 87.247 6   14
17   59 united_kingdom Max Chilton 84 1:53'42.5033 1 giro 1.3572 87.229 5   13
18   20 united_kingdom Jordan King 84 1:53'50.1817 1 giro 7.6784 87.131 5   12
19   88 colombia Gabby Chaves 83 1:53'44.5007 2 giri 1 giro 86.166 6   11
20   28 united_states Ryan Hunter-Reay 81 1:54'13.9227 4 giri 2 giri 83.729 5   11
21   30 japan Takuma Satō 74 1:53'35.2450 11 giri 7 giri 76.927 5   9
22   6 canada Robert Wickens 73 1:53'54.4402 12 giri 1 giro 75.674 7   8
23   19 canada Zachary DeMelo 58 1:14'43.2912 27 giri 15 giri 91.656 3 Accident 7
24   22 france Simon Pagenaud 0 0.1059 85 giri 58 giri     Accident 6

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Evento Long Beach
Sub-evento Domenica, gara
Circuito Streets of Long Beach
Piloti Will Power , Alexander Rossi , Ed Jones
Team Andretti Autosport , Team Penske , Chip Ganassi Racing
Articolo di tipo Gara