La Ganassi Racing trionfa alla 12 Ore di Sebring

La Ganassi Racing trionfa alla 12 Ore di Sebring

Crescono le LMP2 con la Extreme Speed che chiude seconda. Bella doppietta Porsche tra le GT Le Mans

Non si può di certo dire che il secondo round della United SportsCar, la 12 Ore di Sebring, non abbia regalato spettacolo: nove vetture racchiuse nello spazio di appena un giro dicono molto di una gara che è durata ben mezza giornata e che alla fine ha incoranto vincitrice la Ganassi Racing. La Riley DP spinta dal motore Ford EcoBoost ed affidata a Scott Pruett, Memo Rojas e Marino Franchitti ha tagliato il traguardo con meno di cinque secondi sui diretti inseguitori della Extreme Speed Motorsports (Sharp/Brabham/Dalziel), che comunque hanno concretizzato il grande passo avanti mostrato dalle LMP2 rispetto a Daytona con la loro HDP. E dire che ad un paio di ore dalla fine un testacoda di Marino Franchitti sembrava aver mandato in fumo le loro speranze di vittoria. A rianimarle però è stato l'ingresso della safety car, arrivato ad una ventina di minuti dalla fine, proprio quando la Ganassi aveva appena effettuato il suo ultimo pit stop. Franchitti poi è stato bravissimo nei primi due giri successivi al restart, nei quali ha subito messo oltre cinque secondi tra sé e Dalziel, potendo poi gestire al meglio le tornate conclusive della corsa. Se da una parte ha aiutato i vincitori, l'ultima safety car è invece costata una possibile seconda vittoria stagionale alla Action Express: Sebastien Bourdais si trovava nella scia di Dalziel quando è arrivata la Caution con la Corvette DP che divide con Joao Barbosa e Christian Fittipaldi. Il pit stop successivo però lo ha fatto scivolare al quarto posto, anche se il francese poi è stato bravissimo a scavalcare subito la Morgan-Nissan LMP2 della OAK Racing (Pla/Brundle/Yacaman), riprendendosi almeno il gradino più basso del podio. Dominio Porsche invece nella classe GT Le Mans, con le due 911 RSR della Core Autosport che hanno monopolizzato le prime due posizioni. Ad imporsi è stata quella di Long/Christensen/Bergmeister, che ha preceduto sotto alla bandiera a scacchi quella affidata a Bell/Bomarito/Wittmer. Sul gradino più basso del podio è salita la BMW Z4 GTE di Auberlen/Hand/Priaulx, mentre la prima delle Ferrari 458 è stata quella di Krohn/Jonsson/Bertolini, quarta. Ritirata molto presto invece quella di Fisichella/Bruni/Malucelli. Da segnalare le disavventure della Corvette di Gavin/Milner/Liddell, che sembrava poter dire la sua prima di essere attardata da due testacoda e da un guasto alla pompa della benzina. La giornata trionfale della Core Autosport è stata completata poi con il successo arrivato nella Prototype Challenge, che proprio nel finale è andata a prendersi la testa della classe con Colin Braun, James Gue e Jon Bennett. Infine, gioia per la Porsche anche nella GT Daytona con la vittoria targata Magnus Racing di Lally/Potter/Seefried, che ha preceduto la Ferrari di Sweedler/Bell/Mediani/Segal. Da segnalare anche la bandiera rossa esposta nella quinta ora di gara per un incidente che ha avuto per protagoniste due vetture della classe LMPC: David Ostella ha perso il controllo della sua vettura alla curva 17, colpendo la barriere e rimbalzando in pista, dove ha centrato in pieno Frankie Montecalvo. Fortunatamente entrambi i piloti se la sono cavata senza conseguenze, ma i commissari hanno avuto bisogno di tempo per ripristinare la pista.

United SportsCar - 12 Ore di Sebring - Gara

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IMSA
Piloti Scott Pruett , Memo Rojas , Marino Franchitti
Articolo di tipo Ultime notizie