Daytona: WTR penalizzata, podio alla Spirit of Daytona

Daytona: WTR penalizzata, podio alla Spirit of Daytona

La squadra terza al traguardo paga le oltre quattro ore al volante di Jordan Taylor nel finale

La Wayne Taylor Racing ha pagato a caro prezzo l'errore strategico commesso nelle fasi conclusive della 24 Ore di Daytona. Dopo la beffa di veder sfuggire una probabile vittoria, l'equipaggio composto dai due fratelli Taylor e da Max Angelelli si è visto portare via anche il terzo posto.

L'IMSA, infatti, ha verificato che effettivamente Jordan Taylor ha guidato per più delle quattro ore consentite nell'arco delle sei conclusive della corsa. Un limite che secondo il direttore di gara Beaux Barfield sarebbe stato superato di oltre due minuto e che quindi li ha fatti retrocedere all'ultimo posto tra le vetture classificate della classe Prototype.

A nulla quindi è valso il tentativo maldestro di evitare la penalità, quando Taylor è rientrato ai box ad 11 minuti dal termine per cedere il volante della Corvette DP al fratello Ricky, incappando in un drive through visto che in quel frangente la pitlane era chiusa.

Per il terzetto, dunque, i punti nella classifica della United SportsCar scendono a 16 contro i 31 che erano stati totalizzati inizialmente con il terzo posto. Ad ereditare il gradino più basso del podio è stata quindi l'altra Corvette DP della Spirit of Daytona affidata a Westbrook/Valiante/Rockenfeller.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IMSA
Piloti Massimiliano Angelelli , Jordan Taylor , Ricky Taylor
Articolo di tipo Ultime notizie