GT World Challenge Europe Endurance
09 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
34 giorni
29 mag
-
30 mag
Prossimo evento tra
54 giorni
WSBK
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
Imola
08 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
33 giorni
WRC
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
46 giorni
WEC
22 feb
-
23 feb
Evento concluso
13 ago
-
15 ago
Prossimo evento tra
130 giorni
MotoGP
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
25 giorni
14 mag
-
17 mag
Prossimo evento tra
39 giorni
IndyCar
13 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Evento in corso . . .
Formula E
27 feb
-
29 feb
Evento concluso
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
61 giorni
Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
ELMS
G
Barcellona
03 apr
-
05 apr
Evento in corso . . .
G
Monza
08 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
33 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
01 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
26 giorni
26 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
82 giorni

Tre Ferrari 488 per dare la caccia alla vittoria della 24 Ore di Daytona

condividi
commenti
Tre Ferrari 488 per dare la caccia alla vittoria della 24 Ore di Daytona
Di:
26 gen 2017, 11:49

Saranno 3 le Ferrari 488 schierate alla 24 Ore di Daytona: una in GTLM per Vilander, Fisichella e Calado (Team Risi), mentre saranno due quelle in GTD.

#62 Risi Competizione Ferrari 488 GTE: Toni Vilander, Giancarlo Fisichella, James Calado
#63 Scuderia Corsa Ferrari 488 GT3: Christina Nielsen, Alessandro Balzan, Sam Bird, Matteo Cressoni

La Ferrari torna a Daytona a poco più di un mese dal successo delle prime Finali Mondiali organizzate in terra d’America. A dicembre il motivo era sostanzialmente celebrare nella maniera migliore il marchio, insieme ai clienti e ai tifosi americani. Questa volta invece si va in pista per provare a battere tanti altri costruttori in occasione della mitica 24 Ore che apre la stagione del campionato IMSA SportsCar Championship e, di fatto, l’intensa stagione delle competizioni GT.

GTLM. Le Ferrari in pista, a cinquant’anni dal celebre arrivo in parata dell’edizione 1967 vinta da Lorenzo Bandini e Chris Amon con la 440 P4 ufficiale, saranno tre, suddivise in due categorie. Una vettura sarà impegnata nella classe GTLM: si tratta della 488 GTE del team Risi Competizione che fa capo a Giuseppe Risi e che potrà contare sull’equipaggio tutto ufficiale formato da Toni Vilander e Giancarlo Fisichella, che disputeranno l’intera stagione del campionato americano, cui si aggiungerà James Calado andando così a riformare il trio che ha vinto l’ultima corsa della stagione 2016, la Petit Le Mans di Road Atlanta. I rivali sono agguerriti, con le vetture statunitensi che vorranno ben figurare nella gara di casa e nuovi modelli all’esordio, proprio come fu per la 488 GTE un anno fa.

GTD. Nella classe GTD le 488 GT3 impegnate saranno due. Attesissima la vettura del team Scuderia Corsa con la danese Christina Nielsen e Alessandro Balzan che saranno chiamati alla riconferma in campionato. In occasione della 24 Ore sulla vettura del team di Giacomo Mattioli ci saranno anche il mantovano Matteo Cressoni e, soprattutto, Sam Bird, pilota ufficiale del Cavallino Rampante per le competizioni GT. L’altra 488 GT3 sarà quella del team Spirit of Race affidata a un grande gentleman driver come Peter Mann. Il pilota famoso per il colore blu che caratterizza le sue vetture potrà contare sul supporto del reggiano Maurizio Mediani, sul pistoiese Rino Mastronardi, sul tortonese Alessandro Pier Guidi e sul vicentino Davide Rigon, pilota ufficiale della Casa di Maranello. Un equipaggio di assoluto livello che può contare anche su un passato vincitore della corsa. Pier Guidi era infatti parte dell’equipaggio che vinse la gara in classe GTD nel 2014 al volante della 458 Italia del team Level 5 Motorsports.

Precedenti. Nella storia la Ferrari ha vinto per due volte la classifica assoluta della 24 Ore: nel 1967 con la 330 P4 ufficiale di Bandini e Amon, quando ci fu il famoso arrivo in parata e sul podio fu tripletta Ferrari con Parkes-Scarfiotti e Rodriguez-Guichet, e nel 1998 quando a vincere fu la 333 SP del team Doran-Moretti Racing con Arie Luyendyk, Didier Theys, Mauro Baldi e Gianpiero Moretti. A queste si aggiungono otto vittorie di classe, l’ultima, già menzionata, nel 2014 in GTD con Segal-Pier Guidi-Bell-Sweedler-Tucker e il team Level 5 Motorsports. Si contano anche altri 11 successi non ottenuti nella 24 Ore. Il primo arrivò nel 1959, in una gara della serie USAC, con Santiago Gonzalez e Skip Hudson su una 250 GT del team di Hans Hirch. Da segnalare pure il trionfo nella 6 Ore del 1972 dalla 312 PB della Scuderia Ferrari con Mario Andretti e Jacky Ickx.

Programma. Il lungo weekend di Daytona prenderà il via oggi con le sessioni di prove libere seguite dalle qualifiche, alle 15.10 locali (21.10 CET) per la classe GTLM e alle 15.35 (21.35 CET) per la GTD. Il venerdì è prevista un’ulteriore sessione di prove che precederà la partenza della gara prevista per le 14.30 locali (20.30 CET). La conclusione, ovviamente, è prevista per la stessa ora di domenica.

Articolo successivo
Davide Rigon alla 24 Ore di Daytona con una Ferrari 488 GTD

Articolo precedente

Davide Rigon alla 24 Ore di Daytona con una Ferrari 488 GTD

Articolo successivo

24 Ore di Daytona, Libere 1: i prototipi Cadillac dominano la sessione

24 Ore di Daytona, Libere 1: i prototipi Cadillac dominano la sessione
Carica i commenti