Hand e Muller regalano alla Ford una grande vittoria a Lime Rock!

condividi
commenti
Hand e Muller regalano alla Ford una grande vittoria a Lime Rock!
David Malsher
Di: David Malsher
22 lug 2018, 06:29

Joey Hand e Dirk Muller sono riusciti ad imporsi grazie ad un pressing finale che ha indotto all'errore Magnussen. In GTD successo per la Lamborghini di Bryan Sellers e Madison Snow.

#912 Porsche Team North America Porsche 911 RSR, GTLM: Laurens Vanthoor, Earl Bamber
#4 Corvette Racing Chevrolet Corvette C7.R, GTLM: Oliver Gavin, Tommy Milner
#48 Paul Miller Racing Lamborghini Huracan GT3, GTD: Madison Snow, Bryan Sellers
#25 BMW Team RLL BMW M8, GTLM: Alexander Sims, Connor de Phillippi
#63 Scuderia Corsa Ferrari 488 GT3, GTD: Cooper MacNeil, Jeff Segal
#3 Corvette Racing Chevrolet Corvette C7.R, GTLM: Antonio Garcia, Jan Magnussen
#58 Wright Motorsports Porsche 911 GT3 R, GTD: Patrick Long, Christina Nielsen
#96 Turner Motorsport BMW M6 GT3, GTD:
#4 Corvette Racing Chevrolet Corvette C7.R, GTLM: Oliver Gavin, Tommy Milner
#33 Riley Motorsports Mercedes AMG GT3, GTD: Jeroen Bleekemolen, Ben Keating
#912 Porsche Team North America Porsche 911 RSR, GTLM: Laurens Vanthoor, Earl Bamber
#93 Michael Shank Racing con Curb-Agajanian Acura NSX, GTD: Lawson Aschenbach, Justin Marks

Al via il poleman Antonio Garcia ha mantenuto il comando precedendo Laurens Vanthoor sulla Porsche #912, mentre la seconda Corvette affidata a Tommy Milner è riuscita a sopravanzare immediatamente la Ford di Muller per salire così in terza piazza.

Una bandiera gialla è stata immediatamente sventolata per una collisione tra le GTD ed alla ripartenza John Edwards è riuscito a mettere la sua BMW M8 davanti alla seconda Ford condotta da Richard Westbrook, alla vettura gemella di de Phillippi ed alla Porshe di Patrick Pilet.

Prima del trentesimo giro si è assistito al sorpasso di Westbrook su Edwards che ha consentito al pilota Ford di mettersi all’inseguimento del suo compagno di team Muller. Quest’ultimo è rimasto a distanza costante della Corvette di Milner in terza posizione.

Grazie al traffico delle GTD Garcia è riuscito ad aumentare sino a quasi quattro secondi il vantaggio su Vanthoor e dopo la prima sosta le prima due posizioni non sono cambiate, anche se Magnussen e Bamber hanno preso il posto dei rispettivi compagni di team. Le due Ford GT di Hand e Briscoe sono diventate le inseguitrici più dirette del duo di testa.

Al giro 106 Bamber ha commesso un errore che lo ha tagliato fuori dai giochi per la vittoria ed ha poi accusato un problema al pit stop che lo ha fatto tornare in pista in quarta posizione.

Non è andata meglio all’altra Porsche di Tandy che si è visto sopravanzare dalla Ford di Hand quando mancavano 45 minuti al termine.

A 30 minuti dal termine Hand ha ridotto notevolmente il ritardo dalla prima posizione sino a portarsi a 5 secondi dalla Corvette, ma una incomprensione con una Audi del Magnus Racing ha fatto salire a 8 secondi il ritardo.

Hand non si è arreso ed ha pestato nuovamente sul gas e quando mancavano 25 minuti al termine si è trovato in bagarre con Tandy che provava a sdoppiarsi. Questo ha consentito alle Ford GT di avvicinarsi notevolmente alle Corvette.

Quando mancavano 13 minuti al termine Magnussen ha commesso un piccolo errore all’ultima curva dovuto alla pressione di Hand ed ha consentito al pilota della Ford di passare incredibilmente al comando.

Hand ha così vinto con un vantaggio di 11 secondi su Magnussen, mentre Bamber ha completato il podio con la terza piazza davanti a Gavin e Tandy, bravo a passare Briscoe nei minuti finali.

Nella classe GTD il poleman Patrick Long ha preceduto le due Lexus RC F al via, mentre nelle retrovie si è registrato un incidente tra la Acura di Aschenbach e la M6 di Auberlen.

Long ha preso agevolmente il largo, mentre Sellers è riuscito dapprima a passare Baumann per poi mettersi in scia all’altra Lexus di Hawksworth conquistando la seconda posizione quando la Lexus #15 è entrata ai box al giro 41.

Tutti i pit sono stati completati al giro 51 e Long ha ceduto il volante a Christina Nielsen tornata in pista in seconda posizione alle spalle di Hawksworth ma con 4 secondi di vantaggio su Madison Snow.

Al giro 79 Hawksworth ha effettuato la seconda delle tre soste programmate tornando in pista in fondo al gruppo e con meno di un’ora al termine è entrato una terza volta ai box per cedere il volante a Farnbacher.

Long, tornato al volante della 911 del Wright Motorsports, si è trovato in seconda posizione con 26 secondi di ritardo dalla Lamborghini di Snow ma con un vantaggio risicato sulla Audi R8 di Andy Lally.

Il pilota del team Magnus è riuscito a sopravanzare Long quando mancavano 30 minuti al termine e salire così in seconda posizione, mentre lo stesso Long, a 20 minuti dalla fine, ha commesso un errore che ha consenti ad Alvaro Parente di salire in terza posizione ed a Gunnar Jeannette e Farnbacher di sopravanzarlo.

Jeannette è riuscito a beffare Parente nei minuti finali e conquistare, mentre Bleekemolen e Marcelli sono riusciti a sopravanzare un Long in grande difficoltà con le ruote posteriori nei secondi conclusivi.

Pos. Class # Pilota Auto Giri Time/Gap
1 GTLM 66 united_states Joey Hand 
germany Dirk Müller 
Ford GT 178 2:40'12.527
2 GTLM 3 denmark Jan Magnussen 
spain Antonio Garcia 
Corvette C7.R 178 11.431
3 GTLM 912 new_zealand Earl Bamber 
belgium Laurens Vanthoor 
Porsche 911 RSR 178 13.601
4 GTLM 4 united_kingdom Oliver Gavin 
united_states Tommy Milner 
Corvette C7.R 178 37.964
5 GTLM 911 united_kingdom Nick Tandy 
france Patrick Pilet 
Porsche 911 RSR 178 40.949
6 GTLM 67 australia Ryan Briscoe 
united_kingdom Richard Westbrook 
Ford GT 178 45.063
7 GTLM 25 united_states Connor de Phillippi 
united_kingdom Alexander Sims 
BMW M8 GTE 176 2 laps
8 GTD 48 united_states Bryan Sellers 
united_states Madison Snow 
Lamborghini Huracan GT3 172 6 laps
9 GTD 44 united_states Andy Lally 
united_states John Potter 
Audi R8 LMS GT3 172 6 laps
10 GTD 63 united_states Cooper MacNeil 
united_states Gunnar Jeannette 
Ferrari 488 GT3 172 6 laps
11 GTD 86 portugal Alvaro Parente 
united_kingdom Katherine Legge 
Acura NSX GT3 172 6 laps
12 GTD 15 united_kingdom Jack Hawksworth 
germany Mario Farnbacher 
Lexus RC F GT3 172 6 laps
13 GTD 33 netherlands Jeroen Bleekemolen
united_states Ben Keating 
Mercedes-AMG GT3 171 7 laps
14 GTD 14 canada Kyle Marcelli 
austria Dominik Baumann 
Lexus RC F GT3 171 7 laps
15 GTD 58 united_states Patrick Long 
denmark Christina Nielsen 
Porsche 911 GT3 R 171 7 laps
Ret GTLM 24 united_states John Edwards 
finland Jesse Krohn 
BMW M8 GTE 129 49 laps
Ret GTD 93 united_states Justin Marks 
united_states Lawson Aschenbach
Acura NSX GT3 1 177 laps
Ret GTD 96 united_states Bill Auberlen 
united_states Robby Foley 
BMW M6 GT3 0 178 laps
Prossimo articolo IMSA
Antonio Garcia porta la Corvette in pole a Lime Rock

Articolo precedente

Antonio Garcia porta la Corvette in pole a Lime Rock

Articolo successivo

IMSA divide le categorie DPi e LMP2 facendole diventare due classi distinte dal 2019

IMSA divide le categorie DPi e LMP2 facendole diventare due classi distinte dal 2019
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie IMSA
Evento Lime Rock
Piloti Dirk Müller , Jan Magnussen , Joey Hand
Team Ford Racing Acquista adesso
Autore David Malsher
Tipo di articolo Gara