Daytona | Le Ferrari arrancano, ma è presto per valutare la 296

Alla 24h di Daytona debuttano le nuove vetture di Maranello coi team Cetilar, Risi, Triarsi e AF Corse, ma le prime prove e le Qualifiche hanno deluso le aspettative, complici contrattempi multipli che hanno messo in difficoltà tutte e quattro le 296 GT3 iscritte tra le GTD.

Daytona | Le Ferrari arrancano, ma è presto per valutare la 296

La prima settimana di Daytona non è stata sicuramente da ricordare fra le uscite migliori per la Ferrari, che alla 24h del prossimo weekend porterà all'esordio la nuovissima 296 GT3.

Al primo evento dell'IMSA SportsCar Championship prendono parte solamente quattro vetture del Cavallino Rampante, che sono almeno un paio in meno rispetto a quanto auspicato quando l'auto fu presentata a luglio in quel di Spa-Francorchamps, ma anche un numero giusto se consideriamo i tempi che corrono e le difficoltà nel reperire materiale per produrre ogni singolo pezzo.

A schierare le 296 sono Risi Competizione, unica squadra iscritta alla Classe GTD PRO, più Cetilar Racing, Triarsi Competizione e AF Corse in Classe GTD. E quanto visto durante le cinque sessioni di Prove Libere (una delle quali svolta sul bagnato) non ha certamente reso felici gli alfieri del Cavallino Rampante, né alcuni tifosi che si sono subito dichiarati 'vedovi' della gloriosa 488. Un po' troppo frettolosamente, ad essere onesti, e vediamo i perché.

Ad inizio dicembre l'esemplare #21 di AF Corse era volato in Florida per prendere parte ai test collettivi ufficiali, a metà del mese Cetilar ha ricevuto la sua auto portandola in pista ad Homestead per uno shakedown, mentre a Triarsi è giunta poco prima di Capodanno.

#47 Cetilar Racing Ferrari 296 GT3: Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto, Antonio Fuoco, Alessandro Balzan

#47 Cetilar Racing Ferrari 296 GT3: Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto, Antonio Fuoco, Alessandro Balzan

Photo by: Jake Galstad / Motorsport Images

In ordine di tempo, Risi è il team che ne ha avuto meno per lavorare, dato che nelle Libere 1 la squadra italo-americana era ancora all'opera per montare il motore e finire di assemblare le ultime parti. Detto ciò, tutte e quattro le squadre hanno cominciato a conoscere veramente la macchina solo quando è scattato il semaforo verde in fondo alla pit-lane nella giornata di venerdì scorso, entrando in pista per iniziare a prendere mano al mezzo e raccogliere i dati.

Stando alle notizie raccolte da Motorsport.com, qui è emerso anche un piccolo inconveniente tecnico che ora gli ingegneri stanno cercando di analizzare e risolvere in tempo per la gara, prima della quale ci sono comunque altre quattro sessioni di Libere. Il tutto in un contesto ben diverso dalle uscite nei test di sviluppo, dove la 296 aveva soddisfatto le aspettative che tutt'ora in Ferrari nutrono in termini di prestazioni complessive.

Ma oltre al quantitativo del lavoro fatto a casa che ora viene messo 'a nudo' su un tracciato particolare come il Daytona International Raceway, e in condizioni di competizione vera e propria, c'è anche il fattore Balance of Performance da non sottovalutare, dato che la 296 è una vettura nuova che si sta tuffando nella mischia contro altre già ampiamente collaudate, o al massimo aggiornate (vedi Lamborghini, ad esempio).

#62 Risi Competizione Ferrari 296 GT3: Alessandro Pier Guidi, James Calado, Daniel Serra, Davide Rigon

#62 Risi Competizione Ferrari 296 GT3: Alessandro Pier Guidi, James Calado, Daniel Serra, Davide Rigon

Photo by: Jake Galstad / Motorsport Images

I parametri a lei assegnati potrebbero essere modificati alla luce delle prestazioni poco convincenti ottenute, come si può notare dai tempi sul giro registrati fino ad oggi. Nelle Libere il crono di riferimento GT3 è sempre stato attorno all'1'47" basso o netto, tranne l'1'46"842 uscito nella terza sessione. Le quattro 296 hanno sempre viaggiato sull'1'47" alto, se non salendo in diverse occasioni sopra l'1'48" (a volte anche ampiamente).

La migliore nell'arco delle Libere è risultata la #21 di AF Corse, che con Luís Pérez Companc al volante ha ottenuto un 1'47"575 concludendo al quinto posto tra le GTD, ovvero il piazzamento più alto di una Ferrari in questi tre giorni di attività in pista (eguagliato dalla #62 di Risi in GTD PRO nella stessa sessione).

Evidenziato anche il fatto che in queste situazioni non si sa mai quanta benzina abbiano a bordo le vetture, che tipo di lavoro si stia svolgendo su assetti e gomme, e che non sempre i piloti al volante messi dai team sono i migliori dell'equipaggio, il peggio dalle 296 si è però verificato in Qualifica.

Qui la Mercedes ha stampato il tempone con Philip Ellis, sceso fino ad 1'46"093, riferimento che non si era mai visto fino a quel momento da parte di nessuno e che sotto un certo punto di vista fa pensare che i team di AMG non abbiano voluto 'nascondersi' più di tanto.

#023 Triarsi Competizione Ferrari 296 GT3: Charles Scardina, Andrea Bertolini, Onofrio Triarsi, Alessio Rovera

#023 Triarsi Competizione Ferrari 296 GT3: Charles Scardina, Andrea Bertolini, Onofrio Triarsi, Alessio Rovera

Photo by: Jake Galstad / Motorsport Images

Le Ferrari sono andate... disperse, tutte addirittura sopra l'1'49", tranne la #47 di Cetilar Racing che Antonio Fuoco ha portato al 9° posto in GTD con il tempo di 1'48"305, dunque restando in linea con quanto visto in precedenza. La #21 di AF Corse ha girato in 1'49"265 con Miguel Molina piazzandosi 17a GTD, seguita al 21° posto di categoria dalla #023 di Triarsi nelle mani di Alessio Rovera, mentre Alessandro Pier Guidi ha chiuso 9° in GTD PRO in 1'49"495.

“Sappiamo che la qualifica qui a Daytona non è importante al cento per cento, perché parliamo di una gara molto lunga. Cercheremo di migliorarci per la prossima settimana“, ha commentato Fuoco, che condividerà il volante con Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto ed Alessandro Balzan.

Ciò che ne emerge è sicuramente una difficoltà dovuta a fattori multipli, cominciando dalle noie manifestatesi che hanno impedito di girare con continuità per lavorare al meglio sugli assetti, seppur in generale almeno una trentina di tornate a testa le 296 le hanno percorse di media. E che i tempi cronometrati hanno mantenuto una certa costanza in linea di massima, senza mai riscontrare miglioramenti clamorosi, come appunto quello delle Mercedes in Qualifica.

Il BoP è senz'altro un'altra nota nell'elenco da tenere in considerazione e bisognerà vedere se e quali accorgimenti i tecnici IMSA apporteranno per i vari mezzi, dato che anche altre Case come Porsche, Corvette e Lamborghini - per citarne alcune - non sono apparse in formissima.

#21 AF Corse, Ferrari 296 GT3, GTD: Toni Vilander

#21 AF Corse, Ferrari 296 GT3, GTD: Toni Vilander

Photo by: Michael L. Levitt / Motorsport Images

E dalla Ferrari stessa ammettono: "Manca ancora una settimana e tradizionalmente la Qualifica a Daytona non è decisiva per il successo finale alla 24 ore. I giorni che separano le squadre dalla gara saranno impiegati da tecnici e ingegneri per analizzare i dati e trovare le prestazioni mancanti al fine di migliorare le prestazioni della vettura".

Ricordando che Daytona è solo la prima gara per questo nuovo prodotto di Maranello, meglio aspettare la bandiera a scacchi di domenica per tirare le somme e fare una prima valutazione, lasciando lavorare tecnici e piloti 'Rossi' sulla risoluzione dei grattacapi e far parlare la pista, alla fine giudice unico di ogni competizione.

I TEMPI DELLE FERRARI NEL ROAR BEFORE THE 24

  LIBERE 1
Rif: 1'47"004
LIBERE 2
Rif: 1'47"020
LIBERE 3
Rif: 1'46”842
LIBERE 4
Rif: 1'47"276
QUALIFICHE
Pole: 1'46"093
#62 RISI COMPETIZIONE
GTD PRO
-
1'47"921
(Rigon)
38 giri
1'47"924
(Calado)
30 giri
1'47"757
(Pier Guidi)
23 giri
1'49"495
(Serra)
#47 CETILAR RACING
GTD
1'55"919
(Lacorte)
4 giri
1'48"112
(Lacorte)
34 giri
1'48"534
(Sernagiotto)
37 giri
1'48"286
(Balzan)
27 giri
1'48"305
(Fuoco)
#023 TRIARSI COMPETIZIONE
GTD
1'47"852
(Triarsi)
14 giri
1'47"847
(Triarsi)
33 giri
1'48"863
(Bertolini)
38 giri
1'49"088
(Triarsi)
23 giri
1'49"763
(Rovera)
#21 AF CORSE
GTD
1'47"789
(Molina)
27 giri
1'47"575
(P.Companc)
38 giri
1'48"913
(Castellacci)
37 giri
1'48"411
(Molina)
27 giri
1'49"265
(Molina)

*Libere 5 non indicate perché svolte sul bagnato

 

condividi
commenti

Daytona | Cadillac prega: "Speriamo negli Dei dell'elettronica"

IMSA | 24h di Daytona: il BoP per LMDh e GTD resta lo stesso