24 Ore di Daytona, 12° ora: Rahal si gira, Pagenaud sale in testa

Ancora lotta serrata tra le Acura del team Penske e le Cadillac dell'Aciton Express Racing. Rahal quando era al comando si è girato in Curva 1 ed accusa 16'' di ritardo da Pagenaud ora in vetta. In GTLM le Ford continuano il monologo.

24 Ore di Daytona, 12° ora: Rahal si gira, Pagenaud sale in testa
#6 Acura Team Penske Acura DPi, P: Dane Cameron, Juan Pablo Montoya, Simon Pagenaud, pit stop
#64 Scuderia Corsa Ferrari 488 GT3, GTD: Bill Sweedler, Townsend Bell, Frankie Montecalvo, Sam Bird
#62 Risi Competizione Ferrari 488 GTE, GTLM: Alessandro Pier Guidi, Toni Vilander, James Calado, Davide Rigon
#33 Riley Motorsports Mercedes AMG GT3, GTD: Jeroen Bleekemolen, Ben Keating, Adam Christodoulou, Luca Stolz, pit stop
#66 Ford Performance Chip Ganassi Racing Ford GT: Joey Hand, Dirk Müller, Sebastien Bourdais
#66 Ford Performance Chip Ganassi Racing Ford GT: Joey Hand, Dirk Müller, Sebastien Bourdais, #5 Act
#5 Action Express Racing Cadillac DPi: Joao Barbosa, Filipe Albuquerque, Christian Fittipaldi
#85 JDC/Miller Motorsports ORECA 07, P: Simon Trummer, Robert Alon, Austin Cindric, Devlin DeFrancesco

Rahal e Pagenaud si sono confermati in prima e seconda posizione per il team Penske. Entrambi, in occasione del pit stop, hanno optato per gomme slick, mentre il team Action Express Racing ha effettuato il cambio pilota con Christian Fittipaldi salito in auto al posto di Joao Barbosa sulla #5.

Rahal ha così guadagnato un margine di cinque secondi su Pagenaud, mentre quest'ultimo ha goduto di un vantaggio di tre secondi sulle Cadillac inseguitrici.

Rahal ha poi commesso un errore in Curva 1, andando in testacoda, ed ha perso la testa della gara retrocedendo a sedici secondi di ritardo dalla vetta, mentre Pagenaud, salito in prima piazza, ha mantenuto il margine di vantaggio di quattro secondi su Fittipaldi e cinque su Conway.

Dopo la sosta ai box, Pagenaud ha passato il testimone a Dane Cameron e la leadership è stata così conquistata da Conway.

Quinta piazza per la Nissan di Pipo Derani ma con due giri di ritardo dalla vetta, mentre alle sue spalle con un ritardo di 80 secondi segue Felix Rosenqvist al volante della Oreca del Jackie Chan DC Racing. Settimo Paul Di Resta, sulla seconda vettura dello United Autosport, mentre la vettura di Fernando Alonso, Lando Norris e Phil Hanson, a seguito di un importante problema ai freni, è adesso in ritardo di 26 giri dalla vetta.

GT Le Mans: Ford ancora inarrivabile

Situazione stabile in GTLM con le Ford di Dirk Muller e Ryan Briscoe saldamente in prima e seconda posizione con un giro di vantaggio sulla Corvette di Mike Rockenfeller. Quest'ultimo, a sua volta, vanta un giro di vantaggio sulla vettura gemella di Marcel Fassler.

Quinta piazza per la Porsche di Laurens Vanthoor in ritardo di 30 secondi dalla Corvette #4, mentre Augusto Farfus è riuscito a portare la debuttate BMW M8 in sesta posizione anche se con cinque giri di ritardo dalle Ford.

AJ Allmendinger mantiene il comando in GTD al volante della Acura NSX #86 precedendo le Lamborghini di Rolf Ineichen e Andrea Caldarelli.

condividi
commenti
24 Ore di Daytona, 10° ora: le Acura del team Penske occupano la vetta

Articolo precedente

24 Ore di Daytona, 10° ora: le Acura del team Penske occupano la vetta

Articolo successivo

Alonso: "Nonostante il problema ai freni lotteremo fino alla fine"

Alonso: "Nonostante il problema ai freni lotteremo fino alla fine"
Carica i commenti