GT World Challenge Europe Endurance
17 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
57 giorni
09 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
79 giorni
WSBK
G
Phillip Island
28 feb
-
01 mar
Prossimo evento tra
8 giorni
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
22 giorni
WRC
12 feb
-
16 feb
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
21 giorni
WEC
22 feb
-
23 feb
Prossimo evento tra
2 giorni
18 mar
-
20 mar
Prossimo evento tra
27 giorni
MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
FP1 in
15 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
FP1 in
29 giorni
IndyCar
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
22 giorni
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
43 giorni
Formula E
14 feb
-
15 feb
Evento concluso
G
Marrakesh ePrix
27 feb
-
29 feb
Prossimo evento tra
7 giorni
Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
29 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
01 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
71 giorni
26 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
127 giorni

Marcel Steiner trionfa a Mickhausen: “Fantastico finale di stagione”

condividi
commenti
Marcel Steiner trionfa a Mickhausen: “Fantastico finale di stagione”
Di:
Tradotto da: Riccardo Didier Vassalli
8 ott 2017, 11:12

L’elvetico ha la meglio su Patrik Zajelsnik in Germania. Il campione svizzero bissa il successo della scorsa stagione. Romeo Nüssli primeggia nel Gruppo E1, giornata no per Frédéric Neff.

Bergrennen Mickhausen, Theaterplakat 2017
Frédéric Neff, Porsche 996 Cup, All-In Racing Team
Fausto Bormolini, Reynard K02-Mugen, Furore Motorsport
Fausto Bormolini, Reynard K02-Mugen, Furore Motorsport, Partenza 3. Prove
Christoph Lampert, Osella PA2000-Honda
Simon Hugentobler, Reynard 97D-Mugen, ACS, 1. Rennlauf
Simon Hugentobler, Reynard 97D-Mugen, ACS, 2. Rennlauf
Thomas Kessler, Mitsubishi Evo VIII, ACS
Simon Hugentobler, Marcel Steiner, Romeo Nüssli, podio
Romeo Nüssli, Ford Escort Cosworth, ACS, 1. Rennlauf
Romeo Nüssli, Ford Escort Cosworth, ACS, 2. Rennlauf
Romeo Nüssli, Ford Escort Cosworth, ACS
Patrik Zajelšnik, Norma M20 FC-Mugen V8, JAZ Racing, 3. Training
Pierre Courroye, McLaren MP4 12C GT3, Garage Dosières AUTO Sport
Patrik Zajelšnik, Norma M20 FC-Mugen V8, JAZ Racing
Patrik Zajelsnik, Marcel Steiner, Pierre Courroye, podio
Marcel Steiner, LobArt-Mugen LA01, Steiner Motorsport, 1. Rennlauf
Marcel Steiner, LobArt-Mugen LA01, Steiner Motorsport, 3 Training
Marcel Steiner, LobArt-Mugen LA01, Steiner Motorsport, 1. Training
Josef Koch, Opel Kadett C, MST Zentralschweiz
Josef Koch, Opel Kadett C, MST Zentralschweiz
Karl Schagerl, VW Golf Rallye TFSI-R, MSC Mühlbach am Hochkönig
Karl Schagerl, VW Golf Rallye TFSI-R, MSC Mühlbach am Hochkönig, Paddock
Marcel Steiner, LobArt-Mugen LA01, Steiner Motorsport
Marcel Steiner e la Steiner Motorsport

Gli ultimi raggi di sole d’autunno durante le prove del sabato, la pioggia ad aprire la gara e molta umidità verso le battute conclusive. A queste repentine mutazioni meteorologiche si sono dovuti adattare i 163 partecipanti alla 37esima edizione della corsa di Velocità in Salita di Mickhausen (Germania), tra i quali figurava pure l’elvetico Marcel Steiner. 

 

Soltanto nella prima manche di prove e durante la seconda sessione di corsa, Patrik Zajelsnik, il grande rivale di Marcel, al volante della propria Norma M20 FC è stato il più rapido di tutti sulla pista da 2,2 chilometri della Baviera meridionale. Il riferimento cronometrico di Steiner messo a referto nella prima sessione sotto la pioggia è stato vanificato dal miglioramento delle condizioni dell’asfalto, che ha permesso ai piloti di migliorarsi.

 

Nella seconda manche, due macchie d’olio non lontane dalla partenza hanno rallentato Steiner, mentre lo scalatore rossocrociato Patrick Hedinger ha perso il controllo della sua Peugeot 205 distruggendola. Patrik Zajelsnik, pilota teutonico con licenza slovena, è stato invece un po’ più coraggioso nella zona incriminata. 

 

 

Così, per il verdetto finale si è dovuta aspettare la terza e ultima corsa, disputatasi in condizioni d’asciutto. Grazie a una prestazione vicina alla perfezione, Marcel ha staccato il miglior tempo della giornata davanti all’oriundo: 49”258 contro 50”035. Nell’addizione dei due miglior tempi, l’elvetico è riuscito a conservare la prima posizione assoluta con un vantaggio di 0”684 dall’inseguitore.

Dopo le affermazioni del 2010 e 2012 con l’Osella FA30 (quando si mise alle spalle anche un certo Simone Faggioli), quella appena ottenuta è la terza vittoria in carriera nella celebre corsa in Salita tedesca per il 42enne bernese, che ha portato per la prima volta al successo in ambito internazionale la LobArt-Mugen.

 

“L’assenza di Merli e Faggioli ha facilitato sicuramente il mio compito. Sapevo di dover combattere per la vittoria assoluta con Zajelsnik. Chiudere la stagione a Mickhausen è sempre particolare perché si gareggia dinnanzi a un pubblico caloroso”, ammette Steiner.

Come nella manche del campionato elvetico di Gurnigel, Christoph Lampert ha portato la sua Osella PA2000-Honda Evo al terzo rango assoluto, confermandosi in continua crescita.

Stupore e soddisfazione per Simon Hugentobler (Reynard-Mugen 97D), che ha chiuso al quarto posto assoluto e primo in Classe E2 per monoposto la tappa in Germania. 

Problemi al motore della Tatuus-Honda FM della Bossy Racing hanno, invece, tolto l’opportunità a Robin Faustini di partecipare come pilota alla corsa, dovendosi inventare “preparatore” del padre Simon. A giudicare dal risultato sembra poter avere un futuro…

Nulla da fare per Fausto Bormolini, vincitore a Mickhausen nel 2007, il quale si è dovuto accontentare di un quinto posto alle spalle dell’argoviese e davanti all’italiano Renzo Napione, entrambi alla guida di Reynard-Cosworth.

 

Buona la prestazione di altri tre scalatori svizzeri con vetture Turismo. Uno straordinario Romeo Nüssli (Ford Escort Cosworth) ha messo a referto il secondo miglior tempo dopo quello del connazionale Marcel Steiner in condizioni da bagnato.

Con l’asciutto, il terzo classificato nel CSM 2017 ha confermato lo stato di forma, mettendosi alle spalle nel Gruppo E1 Karl Schagerl (VW Golf Rallye) e Karel Trneny (Skoda Fabia WRC), impegnati nella FIA International Hill Climb Cup. 

Nonostante qualche grattacapo col motore, l’esperto austriaco ha ottenuto il miglior tempo assoluto nella terza e ultima sessione, senza essere tuttavia in grado di strappare la vittoria in E1 agli elvetici Romeo Nüssli e Thomas Kesser, quest’ultimo con una Mitsubishi Lancer.

Con Nicolas Werver (Porsche 997 GT2), Herbert Pregartner (Porsche 911 GT2 RSR), Norbert Handa (Lancia Delta) e Hebert Stolz (Porsche 935 dp 4WD), i due svizzeri hanno messo in fila piloti che hanno saputo imporsi in diversi appuntamenti europei. Solo Pierre Courroye, 23enne francese, si è dimostrato più veloce al volante di una McLaren MP4 12C GT3.

 

Giornata negativa per il neo campione svizzero della Classe Turismo, Frédéric Neff. Alla guida della consueta Porsche 996 Cup, ha chiuso in nona posizione a oltre quattro secondi da Romeo Nüssli. 

 

Il quarto sigillo a tinte rossocrociate nel Turismo è stato firmato da Josef Koch (Opel Kadett C 16S). Dopo una prima tornata abbastanza prudente, il driver ha fatto registrare il miglior tempo nelle successive due sessioni nel girone riservato a bolidi 3 litri, balzando dalla quarta alla prima posizione.

In Baviera, quindi, una gran bella prova da parte di (quasi) tutti gli scalatori che hanno rappresentato la Confederazione Elvetica.

Mickhausen - Classifica completa (Scratch)

Mickhausen - Classifica Classi

Articolo successivo
Marcel Steiner a caccia dell’ultimo podio stagionale

Articolo precedente

Marcel Steiner a caccia dell’ultimo podio stagionale

Articolo successivo

Volkswagen punta al record della Pikes Peak con un'auto elettrica

Volkswagen punta al record della Pikes Peak con un'auto elettrica
Carica i commenti