Un'altra tragedia sui pendii: muore Simon McKinley

Un'altra tragedia sui pendii: muore Simon McKinley

Il quattro volte campione irlandese delle cronoscalate esce di strada a Scalp Hill su una monoposto Ralt RT4

Il 25 aprile 2015 sarà purtroppo ricordato come il sabato di sangue delle cronoscalate continentali. Come se non bastasse la tragica scomparsa del veterano Otakar Kramsky, che ha gettato nel lutto il Campionato Europeo della Montagna perdendo la vita al volante della propria Reynard K15 al Rechberg, un'altra tragedia si è abbattuta sul tutto sommato ristretto mondo delle corse di Velocità in Salita.

Simon McKinley, quattro volte campione irlandese della specialità, ha infatti perduto la vita prendendo parte a una delle gare che più amava, la Clare Motor Club's Hillclimb di Scalp Hill, una collina fra i villaggi di Carran e Balharbour, nella zona del Burren, il vasto tavolato calcareo unico al mondo che si estende per gran dell'Eire occidentale.

L'incidente è avvenuto nel primo appuntamento stagionale del campionato nazionale d'Irlanda verso la fine della giornata, quando i concorrenti, complessivamente 493, avevano pressoché tutti coperto tre volte il percorso regolamentare di gara di un miglio.

Verso le 5:30 del pomeriggio, la Ralt RT4 del pilota di Dublino è infatti uscita di strada in un tratto particolarmente curvilineo che piega a sinistra, capottandosi più volte nella scarpata sottostante. Indagini sono in corso per stabilire l'effettiva dinamica e le cause dell'accaduto, la competizione è stata immediatamente sospesa, ma non ci si può non domandare quanto sia giustificata la partecipazione a questo tipo di competizioni di vetture monoposto, in particolare se molto vecchie di costruzione.

Il corpo dello sfortunato "scalatore" è stato rimosso dalla scena, sotto il controllo dei funzionari della Garda Síochána, la polizia irlandese, in ambulanza verso le 20:15 e trasportato al Limerick University Hospital, dove avrebbe avuto luogo l'autopsia. La strada è rimasta chiusa nella notte di sabato in attesa del completamento degli esami tecnici.

Simon McKinley, che aveva appena 34 anni ed è stato dichiarato morto sul colpo nel sinistro, lascia la moglie Deirdre Louise, anch'essa impegnata come pilota nelle cronoscalate, un figlio piccolissimo, Rory, e gli affranti genitori, Margaret e Peter. Da ieri pomeriggio, il profilo Facebook (https://www.facebook.com/simon.mckinley.5) del compianto pilota irlandese è letteralmente inondato dei messaggi di condoglianze di amici, colleghi e tifosi

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati SALITE
Articolo di tipo Ultime notizie