GTWC | Rossi, gioia e rammarico: "Gran Top5, ma le Qualifiche..."

Il fine settimana di Misano ha messo ancora una volta Valentino davanti alla difficoltà di una serie molto competitiva dove ogni decimo rischia di pesare come un macigno. Ma la bella prova di Gara 2 con Vervisch lo motiva ancor di più. E ora c'è Spa...

GTWC | Rossi, gioia e rammarico: "Gran Top5, ma le Qualifiche..."

Prova del 9 superata per Valentino Rossi? Diciamo... nì. Avevamo detto in fase di presentazione che il fine settimana di Misano era un esame importante per il 9 volte Campione del Motomondiale in quella che è la sua seconda carriera sulle 4 ruote.

Dalla penultima gara di Sprint Cup del Fanatec GT World Challenge Europe powered by AWS 2022 forse era lecito aspettarsi qualcosina di più nel complesso, ma lo stesso 'Dottore' sta continuando a scoprire sulla sua pelle diverse novità, positive e negative.

Al 'Marco Simoncelli' i lavori con il suo compagno Frédéric Vervisch si sono focalizzati su una pista che ben conosceva, ma sulla quale mai aveva girato in gara contro rivali.

"Abbiamo potuto girare anche giovedì in una sessione di test e già lì ci siamo resi conto che faceva molto caldo, cosa che comunque valeva per tutti. E' stata una sessione utile per provare alcune cose assieme a Fred, visto che durante il weekend di gara non abbiamo tanto tempo per allenarci su certi aspetti", spiega Rossi.

"Dopo il lavoro svolto nelle Prove Libere eravamo convinti di essere messi abbastanza bene. Il passo non era male, ma Misano è una pista completamente diversa rispetto alle moto perché con le vetture GT si taglia ovunque e vai spesso oltre i cordoli, dunque lo stile cambia".

"E' una situazione critica mentalmente e fisicamente. Per esempio, l'ultima parte riuscivo a farla bene perché è molto simile alle moto, come linee. Ma i primi due settori sono quelli dove bisogna saper sfruttare ingressi, tagli e uscite".

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

Photo by: Luca Barsali

E in effetti qui è arrivata la doccia fredda che, al di là delle temperature, ha dato una bella botta all'idolo locale, riuscito in Qualifica 1 ad ottenere il proprio miglior crono del fine settimana, ma ritrovatosi appena 16°.

I 0"978 di ritardo pagati al poleman Charles Weerts (Campione in carica e suo compagno di squadra) in una classifica decisamente cortissima la dicono lunga sul livello di competitività che ha questa serie, e dell'impegno tosto che Rossi sta affrontando. Per il quale avrà ancora parecchia strada da percorrere prima di arrivare a certi ambiti traguardi (mai comunque sbandierati con spocchia e superbia, questo va sottolineato).

In Gara 1 è poi giunto il primo ritiro stagionale, perché Valentino - che si era incollato alla Mercedes #86 e stava lottando in 13a posizione, non ha mai trovato lo spunto per sopravanzare il rivale, con cui per altro è avvenuto un contatto fatale all'ingresso della corsia box quando era giunto il momento di cedere il volante a Vervisch.

Il belga si è ritrovato la parte anteriore dell'Audi R8 LMS #46 danneggiata e ha preferito fermarsi dopo aver provato a percorrere un paio di tornate, ma con la carrozzeria che sfregava pericolosamente sulla gomma di sinistra.

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

Photo by: Michele Scudiero

"La partenza era andata bene ed ero riuscito a guadagnare qualche posizione, ma alla 'Quercia' c'è stato un incidente davanti a me; ho dovuto rallentare e una Mercedes mi ha superato di nuovo", racconta Rossi.

"Durante lo stint il passo era piuttosto buono e stavo andando anche bene, probabilmente ero più veloce della Mercedes, ma non abbastanza da poterla passare. Ci ho provato diverse volte, non ce l'ho fatta, per cui siamo entrati ai box nella stessa posizione".

"All'ingresso della pit-lane ci siamo leggermente toccati e purtroppo ho rotto la parte anteriore sinistra della vettura. Per questo ci siamo dovuti ritirare, un peccato perché non stavamo andando male".

Voltata pagina, la giornata di domenica è stata decisamente più positiva, anche se Vervisch con il 12° posto della Qualifica 2 non aveva ottenuto un gran risultato, il che faceva supporre un'altra gara di sofferenza.

Invece 'Fred' è stato fenomenale al via guadagnando subito 5 posizioni, poi ha sudato non poco trovandosi davanti la Lamborghini #663 di Albert Costa e successivamente ha spinto come un dannato quando ha avuto strada libera prima di rientrare per il pit-stop.

Rossi si è calato nell'abitacolo della #46 con il 6° posto tra le mani, che ben presto è diventato 5° quando l'Audi di Lorenzo Patrese si è fermata per un problema. Il ragazzo di Tavullia è stato bravissimo a difendersi dagli assalti della temibile Mercedes #88, portando a casa quello che ad oggi è il miglior risultato stagionale in Sprint Cup, eguagliando quello di Endurance Cup siglato al Paul Ricard.

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

Photo by: SRO

"Domenica è andata molto bene, in Qualifica 2 ci aspettavamo qualcosina di più, solo che Fred è riuscito solamente a piazzarsi 12°. Ma in gara è stato fantastico fin dalla partenza, dove ha guadagnato 5-6 posizioni, poi al pit-stop siamo stati velocissimi nel cambio pilota".

"La seconda parte è stata positiva secondo me, avevo un gran passo e ho potuto mantenere la posizione. E' il miglior risultato fino ad oggi in una gara Sprint, dunque siamo felici".

Anche Vervisch è d'accordo: "In Gara 1 l'auto era danneggiata seriamente, col team abbiamo preferito non rischiare e ci siamo fermati per salvarla in vista di domenica. In Q2 non andavo male, ma è arrivato solamente un 12° posto, dunque l'unica soluzione era cercare di partire forte e guadagnare posizioni, per poi dare il volante a Vale cercando di prendere punti".

"Era stata una sessione decisamente deludente, ma in Gara 2 siamo riusciti ad ottenere il miglior risultato dell'anno in Sprint Cup. E' bello esserci riusciti nella gara di casa di Vale, che ha fatto un grande stint resistendo anche ad una grande pressione finale da parte dei rivali".

"Il podio sembra essere più vicino, dobbiamo concentrarci sul fare meglio le Qualifiche per partire più avanti, ci proveremo nel prosieguo della stagione".

Dello stesso avviso è anche Rossi, che già altre volte aveva ammesso di trovarsi meglio mentalmente nelle gare sprint - più simili allo stile MotoGP - ma soffrendo non poco la caratura dei rivali.

"Rispetto ai nostri avversari soffriamo ancora un po' in questo tipo di corse, dobbiamo lavorare ancora su determinati aspetti per essere più competitivi. Le Qualifiche sono cruciali e lì non mi sento ancora così forte, per cui dovrò darmi da fare per ottenere una posizione in griglia migliore".

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

Photo by: SRO

Ora ci saranno tre settimane di sosta per ricaricare le batterie, poi ecco il grande appuntamento dell'anno atteso fin dall'inverno: la 24h di Spa-Francorchamps.

Sulle Ardenne si sono svolti i test collettivi un paio di settimane fa, con Valentino che ha potuto prendere le misure al mitico tracciato belga.

"Per me era la primissima volta che ci andavo, non ci ero mai stato neanche da spettatore, per cui ero davvero entusiasta. Mi ero allenato al simulatore, ma dal vivo è veramente grandiosa ed è come me l'aspettavo. Fantastica, è un misto tra una pista vecchio stile con strutture moderne, ma dove si respira la storia".

"Ci sono due o tre punti molto veloci e tecnici, poi abbiamo tanti saliscendi, curve lente e veloci; insomma, ti diverti veramente tantissimo a girarci. Non è semplice mettere insieme il giro perfetto, ci sono tanti punti in cui poter fare la differenza, guadagnare o perdere".

"Il primo giorno non è andato male, le prestazioni erano buone ed eravamo contenti. Nel secondo giorno abbiamo sofferto di più perché sono state provate alcune modifiche alla vettura che però non ci hanno dato soddisfazioni, quindi credo che utilizzeremo la configurazione che avevamo in partenza".

"Per tutti noi sarà la gara più importante dell'anno, per me è una nuova esperienza perché una 24h non l'ho mai fatta, ma credo sia stupendo potervi partecipare".

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

#46 Team WRT, Audi R8 LMS evo II GT3: Valentino Rossi, Frédéric Vervisch

Photo by: SRO

condividi
commenti
GTWC | Weerts-Vanthoor dominano Gara 2, Rossi-Vervisch in Top5
Articolo precedente

GTWC | Weerts-Vanthoor dominano Gara 2, Rossi-Vervisch in Top5

Articolo successivo

GTWC | Ferrari, primo titolo 2022: De Pauw-Jean Campioni Silver

GTWC | Ferrari, primo titolo 2022: De Pauw-Jean Campioni Silver