Raffaele Marciello beffa allo scadere Augusto Farfus e conquista la pole a Macao

condividi
commenti
Raffaele Marciello beffa allo scadere Augusto Farfus e conquista la pole a Macao
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
16 nov 2018, 10:38

Il pilota italiano realizza un giro praticamente perfetto e sotto la bandiera a scacchi precede di oltre mezzo secondo il brasiliano della BMW. Mortara è quarto alle spalle di Maro Engel.

#888 Mercedes-AMG Team GruppeM Racing Mercedes - AMG GT3: Maro Engel
#911 Manthey-Racing Porsche 911 GT3 R: Laurens Vanthoor
#77 Zun Motorsport Crew Audi R8 LMS: Adderly Fong
#42 BMW Team Schnitzer BMW M6 GT3: Augusto Farfus
#28 Audi Sport Team Rutronik Audi R8 LMS: Christopher Haase
#888 Mercedes-AMG Team GruppeM Racing Mercedes - AMG GT3: Maro Engel
#77 Zun Motorsport Crew Audi R8 LMS: Adderly Fong
#66 Audi Sport Team WRT Audi R8 LMS: Robin Frijns

Charlie Lamm, il team principal della BMW Schnitzer, e Augusto Farfus (unico pilota in pista con la voluminosa M6-GT3) sotto la bandiera a scacchi sventolata al termine delle qualifiche della FIA GT World Cup disputate oggi a Macao erano certi di aver conquistato la pole position. Poi, quando le prime pacche sulle spalle del muretto-box della BMW erano già state date, è sfilato sul traguardo Raffaele Marciello.

Fino a quel momento il pilota della Mercedes aveva vissuto un weekend tutto in salita. Nelle prove libere non aveva praticamente girato, inizialmente a causa di un problema alla scatola dello sterzo (nel team si erano scordati di montare quella idonea per la pista di Macao) poi per forti vibrazioni che avevano messo in crisi l’aerodinamica della GT3-AMG. “Praticamente il mio fine settimana è iniziato in qualifica – ha commentato Marciello – ma dopo tanti problemi la buona notizia è stata l’aver trovato subito un buon feeling con la vettura quando ho utilizzato il primo set di pneumatici nuovi. Col secondo treno di gomme ho cercato di dare tutto nell’ultimo giro, e settore dopo settore ho visto che abbassavo sempre di più il mio riferimento precedente”. 

Leggi anche:

Marciello ha messo insieme un giro praticamente perfetto, sfilando sul traguardo con un tempo migliore di oltre mezzo secondo rispetto alla Bmw. “Forse avrei potuto tirare giù uno o due decimi, - ha confessato Marciello – ma non credo di più”. Farfus ha accusato il colpo, ma alla fine l’ha presa con filosofia: “Quando via-radio mi hanno comunicato che avevamo perso la pole position non è stata proprio una bella notizia – ha spiegato il brasiliano –ma va bene anche così. Scatto dalla prima fila, ed anche se sono circondato da tre Mercedes, credo che la gara di Macau sia imprevedibile, quindi nessun risultato è precluso”.

Una tesi fatta sua anche da Marciello: “Ho ottenuto la pole qui anche ai tempi della Formula 3, e so quanto questo weekend sia lungo. Nelle gare precedenti abbiamo visto che abbiamo una buona gestione delle gomme, e questo aspetto mi fa ben sperare in vista della gara”. L’exploit finale di Marciello ha messo fuori dalla top-3 Edoardo Mortara, quarto alle spalle di Maro Engel, per soli nove millesimi di secondo.

Solo Marciello ha imposto un distacco importanti a tutti (0”577 il suo margine su Farfus) mentre alle spalle del brasiliano in meno di un secondo si trovano anche le due Porsche di Earl Bamber e LaurensVanthoor e l’Audi di Robin Frijns. Domani è in programma la manche di qualifica sulla distanza di 12 giri, gara che definirà...

 
Articolo successivo
Test Honda: Marco Bonanomi ci svela i segreti della NSX GT3

Articolo precedente

Test Honda: Marco Bonanomi ci svela i segreti della NSX GT3

Articolo successivo

Farfus sfrutta la potenza della sua BMW e si prende la Qualifying Race di Macao

Farfus sfrutta la potenza della sua BMW e si prende la Qualifying Race di Macao
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie GT
Evento FIA GT World Cup: Macao
Autore Roberto Chinchero