Le Mans dai due volti per Sharon Scolari: ricorso per il titolo Open!

Il botto in Gara 3 nella Lotus Cup Europe ha costretto la ticinese al forfait, ma la giuria ha fatto ripartire l'ultima corsa nella Sarthe "ex novo". “Corsa irregolare sotto diversi profili, così per il titolo lotterò anche fuori dalla pista”.

Si è chiusa in maniera decisamente singolare la stagione 2017 di Sharon Scolari nella Lotus Cup Europa. La lady driver bellinzonese è stata protagonista a tutti gli effetti dell’ultimo appuntamento stagionale sul circuito di Le Mans, dove si contendeva il titolo europeo della categoria Open.

Dopo le qualifiche del sabato mattina, Sharon ha trionfato nella prima di tre corse in Francia grazie a uno splendido sorpasso all’ultima curva ai danni di Dave Carr, utile per consentirle di incrementare il vantaggio sul diretto avversario per il titolo, il britannico David Harvey.

 

“Credo che la prima corsa a Le Mans la posso benissimo etichettare come la più bella della mia vita. Ho lottato fino all’ultimo. Né io né il mio avversario avevamo più freni, ma non potevo assolutamente perdermi l’occasione di vincere su un tracciato storico come quello nella Regione della Loira”, sono le parole della Scolari al termine di Gara 1.

Di grande grinta e tenacia anche la seconda corsa transalpina. Condizionata dal bagnato, Gara 2 ha messo in difficoltà tutti i piloti partecipanti al monomarca Lotus. Nessuna eccezione per la giovane pilota ticinese che, dopo un errore in curva costatole quasi 20’’, ha saputo rimontare fino al terzo posto di categoria.

 

È nella terza e ultima corsa, con doppio punteggio, che il fine settimana di Sharon ha assunto connotati diversi. La pilota di Sant’Antonino scatta benissimo con partenza da fermi, prima di ritrovarsi coinvolta in un incidente assieme ad altre sette vetture alla fine del primo rettifilo. Troppo ingenti i danni alla Elise numero 177 per non ritirarsi dalla corsa. La Scolari, in seguito all’incidente, viene portata al Medical Center, per poi venir trasportata in ospedale dove viene ricoverata a causa dei dolori dovuti al rovinoso crash.

 

L’organizzazione sospende la gara, che viene poi fatta ripartire dopo una ventina di minuti sotto regime di Safety-Car con una durata complessiva ridotta a 20 minuti, invece dei regolari 30 minuti, ovvero meno del 75 per cento dopo il quale si assegna il punteggio pieno.

Al termine dell’ultima dubbiosa prova, la classifica finale vede David Harvey condurre a +5 da Sharon, che all’ultima corsa non ha potuto partecipare, suo malgrado.

La giovane ticinese ritiene che la prova svolta sia giudicabile irregolare sotto diversi profili e si è pertanto rivolta a uno studio legale specializzato al fine di inoltrare un ricorso ufficiale alla MSA (Motor Sports Association, che detiene il potere sportivo in Gran Bretagna) per richiedere l’annullamento di Gara 3 e la ridefinizione della classifica finale con assegnazione del titolo a suo favore.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Evento Lotus Cup Europe: Le Mans
Sub-evento Post-Gara 1
Piloti Sharon Scolari
Team ScoRace Team
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag lotus cup europe, sharon scolari, svizzera