La AF Corse concede il bis nella Gulf 12 Hours

La AF Corse concede il bis nella Gulf 12 Hours

Bruni, Vilander e Ardagna hanno replicato il successo della prima edizione davanti alla 458 AF Waltrip

Due edizioni, due successi: è questo lo strepitoso score della AF Corse nella Gulf 12 Hours, gara endurance che anche quest'anno ha attirato a correre ad Abu Dhabi team e piloti importanti per il panorama delle corse GT. Se nell'edizione inaugurale si erano imposti per appena 2"6, questa volta Gianmaria Bruni, Toni Vilander e Gaetano Ardagna hanno condotto la loro Ferrari 458 al traguardo con un margine di oltre 25" sulla vettura gemella, ma targata AF Waltrip affidata a Dalziel/Kaffer/Popow. Una margine comunque ridotto se si pensa che sono state completate la bellezza di 309 tornate. La strategia ha avuto un ruolo fondamentale nel successo dell'equipaggio numero 1: l'intuizione vincente è stata quella di effettuare due dei quattro pit stop obbligatori nella seconda parte di gara durante il periodo di safety car arrivato a causa dell'incidente della McLaren della MRS Molitor. Nonostante uno stop and go di 60 minuti rimediato nella prima metà di corsa (il primo stint è durato più dei 75 minuti previsti dal regolamento), sul terzo gradino del podio è salita la Porsche dell'Autorlando al termine di una spettacolare rimonta propiziata da una sequenza di giri record piazzata da Jaroen Bleekemolen, che ha diviso l'abitacolo con Emilio Di Guida e con il fratello Sebastian. Al quarto posto si è piazzata invece la seconda Ferrari della AF Waltrip, quella di Wyatt/Mediani/Rugolo, che ha chiuso distanziata di due giri dai vincitori, precedendo con lo stesso margine la Wolf GB08 della Avelon Formula, che con Latif/Al-Dhaeri/Bellarosa si è imposta nella classe riservata ai prototipi. Sfortunato invece l'equipaggio della Kessel Racing, che come nella prima edizione ha visto sfumare la possibilità di conquistare il gradino più alto del podio. Dopo aver condotto per le prime sei ore di gara, infatti, Philipp Peter, Daniel Zampieri e Michael Broniszewski sono stati costretti ad una lunga sosta ai box a causa di un problema con la carrozzeria anteriore della loro Ferrari, precipitando al sesto posto. Nella classe GTX, infine, la vittoria è andata alla Ginetta G50 della Nova Race affidata a Raineri/Magnoni/Scarpaccio/Cressoni, che ha potuto anche approfittare dei guai della Porsche della Ebimotors, fermata da un grave problema al cambio dopo aver comandato le operazioni per quasi 10 ore di gara.

Gulf 12 Hours - Classifica finale

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Piloti Gianmaria Bruni , Toni Vilander , Gaetano Ardagna
Articolo di tipo Ultime notizie