Gulf 12 Hours: gara apertissima a due ore dalla fine

Gulf 12 Hours: gara apertissima a due ore dalla fine

La safety car rimescola le carte: guida la Ferrari AF Waltrip davanti alla Porsche Autorlando

A due ore dal termine la Gulf 12 Hours sembra ancora aperta a qualsiasi risultato, con tre equipaggi in corsa per la vittoria. Al comando si è riportata la Ferrari 458 scattata dalla pole position, ovvero quella della AF Waltrip portata in gara da Popow/Dalziel/Kaffer. Ma al secondo posto è salita la Porsche dell'Autorlando, con Jaroen Bleekemolen che è stato bravissimo a sdoppiarsi a suon di giri veloci, proprio pochi istanti prima che la direzione gara fosse costretta a mandare in pista la safery car a causa dell'incidente della McLaren MP4-12C della MRS Molitor, avvenuto all'ultima curva. Questo ha quindi consentito all'equipaggio della Casa tedesca di riportarsi ad appena un paio di secondi dal battistrada. Va detto però che al momento appare in una posizione favorevole la Ferrari della AF Corse di Ardagna/Bruni/Vilander, che è terza a 47", ma ha già effettuato la sosta obbligatoria di due minuti, approfittando proprio della safety car. La seconda vettura della AF Corse, quella di Sarrazin/Minassian/Potolicchio, è invece precipitata al settimo posto, distanziata di ben 8 giri, pagando la rottura di un cuscinetto che l'ha costretta ad una lunga sosta ai box. Per quanto riguarda le altre classi, la Wolf GB08 della Avelon Formula continua a comandare tra i prototipi in sesta posizione assoluta. Nella GTX invece la leadership è passata nelle mani della Ginetta G50 della Nova Race, che con Rayneri/Magnoni/Scarpaccio/Cressoni ha approfittato dei problemi al cambio che hanno fermato la Porsche della Ebimotors.

Gulf 12 Hours - Classifica dopo 10 ore

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Piloti Ryan Dalziel
Articolo di tipo Ultime notizie