Giro d'Italia: Romagnoli si impone a Monza

Giro d'Italia: Romagnoli si impone a Monza

Nella classifica generale Forato e Bianco sempre leader

E’ umida la pista di Monza di prima mattina, come ci si attende. Nell’esordio del Giro sul circuito monzese, regna l’incertezza nella scelta degli pneumatici da adottare. C’è chi azzarda le slick, è il caso di Romagnoli e Bianco, ma Daniele Galbiati il direttore di gara è stato categorico prima del via: "Prestate attenzione all’umidità che impregna i tappetini verdi all’uscita delle curve e varianti". Coglie il prezioso consiglio Ezio Mazza, adottando le intermedie sulla Ferrari F430 Scuderia. Erano attese le sei tornate sul tracciato brianzolo da parte dei “Girini”, al cancello di Vedano sono in coda dalle sette del mattino, nel paddock i tecnici stanno scaldando le vetture. La pit lane s’apre alle 9 in punto, i piloti possono effettuare tre giri di ricognizione quindi schierarsi in griglia dietro la Leading car per la partenza lanciata, la tensione per alcuni è alta: Bianco e Mazza si sfiorano scaldando gli pneumatici. Con la trazione integrale della sua Lamborghini, è pronto a scattare davanti a tutti Bianco, bruciando Mazza che parte al suo fianco in prima fila. Ma a Lesmo Romagnoli è già davanti a tutti, Bellin arriva lungo alla Ascari con la Porsche a ruote fumanti. Il pilota della Maserati allunga con decisione dopo tre dei sei giri, staccando di 2”4 Bianco. Terzo è l’ottimo Andrea Gagliardini, grintoso con la Porsche Cayman S. Sfila in quarta piazza Mazza. Il torinese riesce a limitare i danni correndo con gomme intagliate e poco adatte sull’asfalto che si sta asciugando, ma Christian Pescatori – suo direttore sportivo - non transige e, via radio, gli consiglia di non esagerare. Superata la metà gara le posizioni si cristallizzano dalla terza alla quinta posizione, non al vertice dove Bianco riesce ad azzerare lo svantaggio nei confronti del leader, ma quando si prepara a sferrare l’attacco deve far fronte ai doppiati che lo rallentano nuovamente. A rimettere tutto in discussione è una staccata al limite alla prima variante, che fa perdere nuovamente terreno a Romagnoli. Bianco gli ritorna negli scarichi, tra i due è un duello appassionante che all’uscita della Ascari sembra a favore dell’inseguitore, ma l’allungo della Maserati permette a Romagnoli di tagliare per primo il traguardo, davanti di un niente a Bianco. Terzo è il giovane romano della Best Lap Gagliardini, che tiene a bada Mazza con la Ferrari. Leggermente staccato è quinto il rallista ligure Claudio Vallino, al volante della Seat Leon del team spagnolo PCR Sport. Ezio Bellin porta la Porsche 911 RSR della Tecno Piemonte in sesta piazza, con problemi di assetto e gomme, con la Nissan 350Z BRC alimentata a GPL è settimo il cuneese Massimiliano Fissore, rientrato in gara dopo l’uscita di strada di ieri nella seconda piesse. Ottavo è Mariano Costamagna con la Seat Leon BRC Racing, precedendo il sempre fantastico Arturo Merzario, nono con la Abarth 500 Rally ufficiale, mettendo a frutto la sua immensa esperienza. Decimo chiude Victor Coggiola, in difficoltà col cambio della sua Porsche 911 RSR del 1980. Carlo Angeli è primo della muta dei piloti della Kia Venga Green Scout a GPL, con tre decimi di vantaggio su Carobbio, terzo è invece Stabello. Seguono Gigi Dalla Pozza, poi Costamagna, Balocco e Pianta. Un problema elettrico ammutolisce il propulsore della BMW M3 di Alberghino, costretto allo stop.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Piloti Riccardo Romagnoli
Articolo di tipo Ultime notizie