Giro d'Italia: Pitorri e Gagliardini nuovi leader

Giro d'Italia: Pitorri e Gagliardini nuovi leader

Con la loro Porsche Cayman hanno approfittato delle disavventure della Lambo di Forato-Bianco

Dalla Romagna alla Toscana, valicando l’Appennino la “Grande Corsa” non cambia solo gli scenari, ma anche la classifica. Il problema accusato da Riccardo Bianco durante la Super Prova Speciale di Modena, nella serata di ieri, si è ripresentato questa mattina durante la Gara di Velocità sul tracciato di Imola. Scattato al comando della gara in riva al Santerno, Bianco ha accusato un repentino calo di prestazioni a causa della rottura della pompa della benzina della Lamborghini Gallardo. Un empasse alla vettura dell’equipaggio leader che richiede la lunga sosta ai box dell’autodromo di Imola per l’intervento dei tecnici, la conseguente penalizzazione in tempo gli impedisce di difendere il primato, che puntualmente passa in mano agli inseguitori. Nella gara del Mugello, Andrea Gagliardini porta avanti a tutti la Porsche Cayman S GT4. Al via lanciato, il giovane pilota di Frascati e Romagnoli scattano al comando appaiati, ma alla San Donato è il driver della Maserati che passa per primo. La prima posizione di Romagnoli però dura solo alcune tornate, Gagliardini infatti lo supera e si invola verso il traguardo. Terzo al traguardo del tracciato toscano è il ligure Claudio Vallino con la Seat Leon Copa della PCR Sport. Maurizio Roasio si piazza al quarto posto precedendo il torinese Victor Coggiola con la Porsche 911 RSR Storica, davanti a Mariano Costamagna con la prima vettura a GPL la Seat Leon BRC Racing. E’ un Jimmy Ghione perfettamente calato nella parte del pilota ufficiale della Abarth 500, che si piazza al settimo posto a ridosso di Costamagna, regolando però agevolmente Bruno Balocco, primo delle Kia Venga Green Scout.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Articolo di tipo Ultime notizie