Giro d'Italia: la sfida del Superchallenge Team

Giro d'Italia: la sfida del Superchallenge Team

Roberto Ragazzi e Bruno Jerach saranno al via con una Ferrari 458

Roberto Ragazzi sta definendo i dettagli della sua partecipazione, non solo in previsione dei bonus previsti – 500 litri carburante e trasporti gratuiti da e per la Sicilia – bensì per accedere ai dettagli sulle informazioni della gara. “Vogliamo prepararci bene, per puntare al risultato bisogna muoversi per tempo”. Ragazzi senior ha le idee chiare: è un “girino” doc uno di quelli della prima ora. “Sei volte ho corso il Giro nel passato: ininterrottamente dal 1976 al 1980, prima con la Fiat X19 poi con la Opel Kadett, con cui ho vinto il Gruppo N in coppia con Simontacchi, quindi nel 1988 e 1989 con una Sierra Cosworth. E’ una gara che conosco bene. Agli inizi era una prova prettamente rallistica, poi si divideva abbastanza equamente tra velocità e rally”. Famiglia di ferraristi convinti, il padovano è il vincitore della prima edizione del Ferrari Challenge del 1993, su Ferrari 348, e dell’edizione del 2000 con la 355, mentre il figlio Riccardo è campione italiano e mondiale nel 2008; Roberto Ragazzi al via di Torino si presenterà con la 458, sulla quale farà coppia con il veneto Bruno Jarach. “Con sessanta cavalli in più e sette più corte marce la nuova versione della 458 in pista gira più veloce di quattro secondi rispetto la F430, va da se che sarà proprio l’ultima nata che io e Bruno piloteremo. La stessa vettura con la quale sono arrivato secondo nella GT alla cronoscalata Trento Bondone”. Il padovano è un velocista completo, ma le gare in salita le preferisce. “Ho corso spesso in salita ed è stato fantastico. Ancora oggi partecipo a quelle che più mi piacciono: il Bondone, Nevegal e Pedavena mi servono per tenermi in allenamento. Anche Bruno era a Trento con la Ferrari 430 del nostro team in funzione della partecipazione al Giro”. Ragazzi e Jarach su Ferrari 458 del Superchallenge Team, può essere l’equipaggio giusto. “C’è da condividere diverse cose e staremo assieme svariati giorni, prima e durante la gara, saremo affiatati. Bruno è ottimo pilota, come dimostra nelle gare del Trofeo Ginetta. Uno sportivo preparato, lui correrà in pista io le prove su strada, sperando che ci siano molte cronoscalate. La 458 è una vettura affidabile e versatile che ci permetterà di puntare alto. La 430 è invece a disposizione di un altro equipaggio in via di formazione, ma non abbiamo ancora definito”.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT
Articolo di tipo Ultime notizie