Alti e bassi per Roda a Jerez, ma guida ancora la GTS

Alti e bassi per Roda a Jerez, ma guida ancora la GTS

Il pilota della AF Corse ha ottenuto un terzo posto assoluto in coppia con Ruberti in gara 1, poi si è ritirato in gara 2

Dal podio alla sabbia del circuito di Jerez de la Frontera il passo è breve. Questo il riassunto del weekend spagnolo dell’International GT Open per la Ferrari 458 Italia numero 56 del team AF Corse. In gara 1 l’equipaggio formato dal comasco Giorgio Roda e da Paolo Ruberti conquistano il primo podio stagionale nella classifica assoluta, salendo sul terzo gradino dopo una gara pressoché perfetta. Partenza da 10 e lode per Paolo Ruberti che riesce a tenere alle spalle tutti i diretti avversari per consegnare la vettura a Giorgio Roda in terza posizione assoluta, al cambio pilota. Il comasco gira sugli stessi tempi dei primi 2 e mantiene salda la sua terza posizione dietro alla Ferrari di Mavlanov – Zampieri e all’Audi R8 di Campanico – Patel, regolando anche l’equipaggio di classe Super GT di Villorba Corse, Montermini – Schirò. Al traguardo arriva, così, il primo podio stagionale nella classifica assoluta e la seconda piazza nel podio di classe GTS che regala altri punti importanti per la classifica di campionato. Dura solo pochi giri la seconda gara di Jerez de la Frontera con il comasco che perde qualche posizione in partenza. Al secondo giro Bontempelli tocca Roda prima del rettilineo dei box facendogli perdere ulteriore terreno, ma è poche curve più avanti che il pilota della Nissan GT-R entra in contatto con la Ferrari di Costantini che va in testacoda davanti a Roda. Il giovane driver, alla sua prima stagione in “ruote coperte”, tenta di evitare il contatto, ma a sua volta finisce nella sabbia e contro le barriere di protezione anche a causa del precedente contatto che aveva provocato qualche danno alla 458 di AF Corse. "Poteva finire meglio, ma non posso nemmeno essere scontento di questo weekend. Alla fine è arrivato un fantastico terzo posto assoluto in gara 1 e, in gara 2, nonostante la gara sia finita nella sabbia, ho conservato la prima posizione in classifica GTS. Per assurdo, in gara 2, ho addirittura allungato sui miei diretti inseguitori. Ora sono 5 i punti di vantaggio su Aicart - Maleev, mentre, prima di questo weekend erano 4. Un po’ di rammarico c’è perché eravamo molto veloci e, nonostante una partenza non delle migliori, avevamo la possibilità di recuperare e aggiungere altri importantissimi punti. Ora guardiamo al prossimo appuntamento dell’Hungaroring il 6 luglio, un circuito che mi è sempre piaciuto molto e sul quale spero ancora di far bene" ha detto Roda.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati GT Open
Piloti Paolo Ruberti , Giorgio Roda
Articolo di tipo Ultime notizie