Ultimo "giorno di scuola" per il GT Italiano al Mugello prima della pausa estiva tra novità e conferme

condividi
commenti
Ultimo
Stefano Reali
Di: Stefano Reali
10 lug 2018, 07:56

Occhi puntati soprattutto sul debutto della Bentley Continental GT della Petri Corse con la coppia Larini-Caffi. In tutte le classi però è attesa grande battaglia.

Bentley Continental GT3, Petri Corse Motorsport
La partenza di Gara 2
#102 Lamborghini Huracan-S.GTCup, Antonelli Motorsport: Perolini-Valente
La partenza di Gara 2
#63 Lamborghini Huracan, Antonelli Motorsport: Zampieri-Altoè
#3 Ferrari 488-GT3, Easy Race: Fontana-Mancinelli e #23 Lamborghini Huracan-GT3, Petri Corse Motorsport: Palma-Barri
Partenza gara 1
azione di gara
Ferrari 488-GT3 #27 Scuderia Baldini 27: Rugolo-Gai
Audi R8 LMS-GT3 #7: Ausdi Sport Italia: Baruch-Green
Azione di pista
Ferrari 488-GT3 #27 Scuderia Baldini 27: Rugolo-Gai
Ferrari 488-GT3 #3 EaSy Race: Fontana-Mancinelli
Pierluigi Alessandri, Antonelli Motorsport, Lamborghini Huracan-S.GTCup #104
BMW M5-GT3 #15, BMW Padova Team: Comandini-Spengler
Ferrari 458 Italia GT3 Light #81 Easy Race: Marco Magli

La tappa estiva del Campionato Italiano Gran Turismo, decreta il giro di boa del Campionato e soprattutto l’inizio delle “ferie”. Il Campionato riprenderà il via dal 7 al 9 settembre, sul tracciato del Piero Taruffi di Vallelunga. Tra le principali novità c’è l’ingresso ufficiale della Bentley Continental GT3, dotata di un potente V8 biturbo, portata dal Team Petri Corse. Una soddisfazione incredibile per il team toscano che usufruirà dell’appoggio ufficiale della Casa Madre, con relativi tecnici della M-Sport.

Questa operazione si può dire nata per caso, la scintilla è stata l’apertura della seconda concessionaria Bentley Firenze-Roma ed è stata voluta direttamente dai vertici della casa inglese, dal suo AD Mr Robert Engstler e dal suo omologo di M-Sport, Mr Malcolm Wilson loro anche l’dea della livrea che è già stata presentata, rappresenta la bandiera inglese ma con i colori italiani, per rendere omaggio al nostro paese. La vettura è una versione 2017 che lo scorso anno ha partecipato al Blancpain, ha mosso i primi passi sul circuito di Donington Park, mentre la nuova versione potrebbe arrivare per il Round finale dell’italiano , sempre al Mugello in ottobre.

Questa prima uscita stagionale, rappresenta una prova generale verso un possibile impegno per la stagione 2019 e per valutare le potenzialità di macchina e Team, possibile la partecipazione ad una tappa del Blancpain Sprint e GT Open. Al volante della potente vettura inglese, ci saranno due amici molto particolari. Stiamo parlando di Nicola Larini e Alex Caffi, i due sono più che piloti, visto che insieme a Simone Petri, il rapporto va oltre le corse, attraverso un’amicizia pluriennale.

Nicola e Alex hanno iniziato la carriera “automobilistica” insieme, tra loro c’è solo un giorno di differenza nella data di nascita. “Io sono nato il 18 Marzo del 1964, quindi sono più vecchio di Nicola di un giorno” scherza Alex Caffi che continua ”Nicola è sicuramente il mio amico più vero, ci conosciamo praticamente da sempre e quando c’è stata l’idea di correre insieme a lui, nuovamente, mi è sembrata una splendida opportunità”. Caffi ha già partecipato al Campionato Italiano Gran Turismo, vincendo il Titolo nella stagione 2006 con una Ferrari 430 GT2 della Villorba Corse e in coppia a Danny Zardo. Per Nicola Larini questo non è il primo assaggio di vetture GT, lo ricordiamo come il pilota-collaudatore che ha sviluppato la Ferrari F50 GT nel 1996 e proprio sul circuito di Fiorano i riscontri furono più che positivi, si parla che girò più veloce della 333 SP.

Peccato che il progetto non vide mai la luce e si fermò a livello di un solo esemplare. Nicola lo conosciamo per aver militato in F1 e la sua lunga carriera nelle gare turismo, negli ultimi anni si è messo al volante della Lamborghini Super Trofeo con Petri Corse, di una Ferrari al Paul Ricard per un Team inglese, ha lavorato in Maserati oltre ad aver partecipato a tre 24H e tanto altro ancora, quindi non è assolutamente a digiuno di vetture GT.

“Sono contento di correre insieme ad Alex, oltre ad aver seguito lo stesso cammino professionale, siamo amici e ritorniamo a guidare la stessa macchina. Ricordo una gara di durata insieme in Sudafrica e ritrovarlo al Mugello, nella mia gara di casa è fantastico” ricorda Nicola e prosegue, “questa nuova avventura con la Bentley è veramente stuzzicante, andremo a confrontarci con piloti che girano su questo tipo di macchine tutte le settimane. Da parte nostra possiamo sicuramente portare l’esperienza e la velocità di capire il comportamento della macchina. Daremo ovviamente il 110% e poi dopo il Mugello vediamo cosa arriverà” ha concluso Nicola Larini.

“È l’inizio di un nuovo progetto” ci racconta Simone Petri che aggiunge, “l’idea è quella di schierare due Bentley nella stagione 2019, debuttare nella gara di casa è fantastico, con il valore aggiunto di Nicola e Alex”. Il Team Petri porterà anche la Huracan GT3 per Palma-Barri che dopo Misano avranno a disposizione un motore completamente revisionato. In terra di Romagna c’è stato un deficit di potenza che non permetteva ai piloti di esprimersi al meglio. L’obiettivo al Mugello sarà quello di lottare per le posizioni di vertice. Proprio nella giornata di oggi (10 luglio) il Team è in pista al Cremona Circuit per lo Shakedown della Continental.

In casa Ebimotors ritorna la Lamborghini Huracan GT3 con De Castro-Piccioli che rientrano nella serie dopo la bella prestazione di Imola, il duo non ha partecipato alla tappa del Paul Ricard e Misano, poiché il Team era impegnato alla 24H di Le Mans con la Porsche RSR (GTE) (Babini-Nielsen-Maris) e con la GT3 nella Michelin Cup (Baccani-Venerosi). In casa Audi Sport Italia, Bar Baruch, attualmente a cinque punti dalla leadership, ritrova accanto a se Marcel Fässler e cercherà di accorciare le distanze dai leader Zampieri-Altoè (Antonelli Motorsport), entrambi gli equipaggi avranno comunque da scontare un handicap time di venti secondi. Quindici secondi invece per la coppia della Easy Race Fontana-Mancinelli, mentre Stefano Gai e il rientrante Giancarlo Fisichella (Scuderia Baldini) possono approfittare dell’assenza di penalità per far tornare il pilota milanese in vetta alla classifica dopo il problema di Misano.

Nella GT3 Light, Luca Magnoni comanda ampliamente la classifica e al Mugello può allungare. Da segnalare in questa classe l'assenza di Marco Magli. In Super GTCup, troviamo Perolini-Valente (Antonelli Motorsport) con trenta secondi da scontare, ma il vantaggio in classifica fa passare in secondo piano la penalità. I punti sono ben 41 su Marco Cenedese che nell’appuntamento toscano troverà una nostra vecchia conoscenza, al suo fianco infatti ci sarà Kikko Galbiati che proprio al Mugello debuttò nella Super GTCup a bordo di una Huracan del Team Antonelli Motorsport e ora impegnato a tempo pieno nel Lamborghini Super Trofeo. Per Cenedese sarà un momento importante e l’esperienza del giovane Galbiati può aiutarlo nella crescita personale a bordo della Huracan. A proposito di Galbiati, il Senior Omar (Campione Gt Cup 2014) potrebbe rientrare, dopo aver risolto i problemi alla schiena, e non è escluso che possa farlo insieme al figlio Kikko a Monza in Ottobre in occasione del suo ventesimo compleanno.

Per l’Antonelli Motorsport potrebbe esserci una terza vettura ma sembra confermato solo il 50% dell’equipaggio. Nella GT Cup, Michele Merendino e Davide Di Benedetto sono saldamente in testa alla classifica e al Mugello dovranno scontare trenta secondi di handicap time, come gli avversari Pisani-Sauto. Cinque secondi in meno per La Mazza-Nicolosi. In GT4 invece c’è il pareggio tra i due equipaggi che avranno da scontare gli stessi venticinque secondi.

Prossimo articolo GT Italiano
Ancora un pilota ufficiale per BMW Padova Team, al Mugello ci sarà Jesse Krohn

Previous article

Ancora un pilota ufficiale per BMW Padova Team, al Mugello ci sarà Jesse Krohn

Next article

Sarà ancora Marcel Fässler a difendere i colori Audi nell'appuntamento del GT Italiano del Mugello

Sarà ancora Marcel Fässler a difendere i colori Audi nell'appuntamento del GT Italiano del Mugello

Su questo articolo

Serie GT Italiano
Evento Mugello
Location Mugello
Autore Stefano Reali
Tipo di articolo Preview