Comandini, Johansson e Krohn regalano alla BMW il primo successo stagionale a Monza

condividi
commenti
Comandini, Johansson e Krohn regalano alla BMW il primo successo stagionale a Monza
Di:
07 apr 2019, 06:27

L'equipaggio del BMW Team Italia, dopo aver ottenuto la pole, ha ottenuto la prima vittoria stagionale precedendo la Ferrari 488 dell'Easy Race e la Lamborghini #19 dell'Imperiale Racing.

Sul tracciato di Monza è iniziato il nuovo corso del Campionato Italiano Gran Turismo che come
sappiamo si è suddiviso in Endurance, come nel nostro caso e Sprint che vedrà il primo semaforo
verde il 3-5 Maggio al Piero Taruffi di Vallelunga.

La prima Pole è andata alla BMW M6 di Stefano Comandini (BMW Team Italia) che troverà accanto a sé Stefano Gai e la sua Ferrari 488 GT3 (Scuderia Baldini). Tra le peculiarità va riscontrato il crono di Giancarlo Fisichella 1’46”667 che rimane il giro più veloce a Monza di una Ferrari 488 GT3 in questa configurazione.

Prima del semaforo verde una leggera precipitazione si è abbattuta sul tracciato e il cartello Wet Race è stato inevitabile, oltre a questo la partenza è stata ritardata di cinque minuti per dare la possibilità di sostituire gli pneumatici.

Partenza dietro la Safety Car, con due giri a bassa velocità. Al terzo giro la Safety Car esce e i piloti sono liberi di accelerare con Gai che entra per montare gli pneumatici slick, Comandini allunga in testa e Di Amato inizia a recuperare. In lotta le due Mercedes di Moiseev e la Linossi con Di Amato in quarta piazza. Al quarto passaggio rientra ai box Mann con la turbina KO, mentre rientra Pull per il cambio gomme mentre Frassineti spinge e si porta alle spalle di Comandini.

Al quinto sfortuna per Ortiz che fora la posteriore sinistra, mentre al sesto rientra anche Di Amato per mettere le slick con Mancinelli che va lungo in prima variante e riprende la corsa con Gai che fa il giro veloce con le slick in 1’59”140.

Danza del cambio pneumatici con i piloti che rientrano in sequenza. Grande prestazione per James Pull e la sua Huracan (Imperiale Racing) che abbassa il limite di Gai (Scuderia Baldini) che a sua volta lo migliora in 1’57”406. All’ottavo Gai è sugli scarichi di Mancinelli, mentre la Linossi cambia per le slick. Al nono Gai pressa Mancinelli e passa al Curvone e sale nono e insieme passano la Mercedes della Linossi, mentre il giro veloce rimane nelle mani di Pull in 1’53”524 che rientra al tredicesimo e rimette le coperture scolpite, lo seguono Gai, Di Amato, Linossi e Ortiz.

In Gt4 comanda Magnoni con Pajuranta in seconda posizione, mentre Frassineti rientra e Gai va lungo alla prima variante. Testacoda di Moiseev in Parabolica, fortunatamente riesce a rientrare senza danni. Mancinelli IN al quindicesimo con Comandini che lo imita. De Marchi tiene la testa della classifica con le Rain, con 19” di vantaggio su Pull. Testa coda della Linossi, copiato da Magnoni alla prima variante.

Al 19° Di Amato insiste e passa Moiseev conquistando la terza posizione con Pull che sale in testa dopo il sorpasso su De marchi. Al 22° Pull dechappa prima della Ascari, rientra ai box e fa un cambio gomme completo.

Grande gara di De Marchi che mantiene la testa della classifica senza aver effettuato Pit Stop. Gai
risale in terza posizione e allunga su Cazzaniga al 25° passaggio mentre al 26° si apre la finestra dei cambi e Di Amato dechappa la posteriore sinistra. Riccardo Cazzaniga con la Huracan by LP Racing si incolla a Gai mentre Comandini rientra e sale Johansson con Villeneuve che prende il posto di Gai, con Frassineti che cambia.

In testa alla gara sale il sedicenne Mattia Michelotto che è salito al posto di De Marchi con Colombo in testacoda alla prima variante, con Villeneuve secondo con la Ferrari di Baldini. Al 31° problemi per Paolino e la sua Lambo che rientra ai box con Villeneuve in testa alla gara con 6”5 su Luca Pirri. Al 34° Rovera, dopo avere ereditato il volante da Moiseev si attacca agli scarichi di Villeneuve per sdoppiarsi. Due minuti di penalità a Tujula perché il compagno Ortiz era rientrato per cambiare lo pneumatico, oltre alle altre, dechapato quando la finestra dei cambi era chiusa.

Al 38° dritto di Nicolosi alla prima variante mentre Postiglione dechappa la posteriore sinistra, rientra e monta le slick, mentre Rovera con la Mercedes si sdoppia. Al 44° Bernazzani con la Maserati va lungo alla Ascari, entra la Safety Car e ricompatta il gruppo. Al 46° Perolini rientra per il cambio gomme con la Safety Car che rientra e scatta nuovamente il semaforo verde.

Perolini e Rovera dritti alla prima variante con Villeneuve che mantiene la prima posizione con Johansson secondo e Veglia terzo. Al 49° Postiglione con le slick si sdoppia alla Ascari sul leader Villeneuve. Veglia difende la posizione su Colombo che passa al cinquantesimo.

Dopo due passaggi si apre la finestra dei cambi con Rovera, Veglia e Villeneuve che entrano per i cambi. Fisichella entra in pista per l’ultimo stint dopo l’ottima prestazione del canadese. Al 54° momento di tensione al Team Iron Lynx, durante il Pit Stop si sviluppa un principio di incendio prontamente spento dai meccanici, ma è ritiro.

Al passaggio successivo lungo di Fisico che lascia via libera alla BMW di Krohn. Cioci salito per l’ultimo stint pressa Palma con la Mercedes e passa allungando. Krohn spinge e sigla il giro veloce in 1’49”525 al 57°.

Fisichella riprende il ritmo e si riavvicina alla BMW, girando sugli stessi tempi e siglando il giro veloce in 1’49”050. Ultima parte di gara con posizioni cristallizzate, Krohn rimane in testa davanti a
Fisichella, Cioci e Palma.

Tra le Light Cristoni comanda davanti a Speakerwas mentre tra le GT4, mentre Magnoni comanda davanti a Ruberti e Fontana. Nell’ultima mezz’ora di gara un problema rallenta Fisichella e Cioci lo sfila durante il 71° passaggio, seguiti poi dalla Mercedes di Palma e la Lambo di Gersekowski.

Al 73° Fisichella rientra ai box, al giro successivo Gersekowski va lungo alla prima variante nel tentativo di passare Palma, senza successo. Ci riprova e conquista la terza posizione al 75° passaggio. 85° passaggio fatale per Speakerwas che si ritira con la Porsche della Duell Race.

La prima gara della stagione si chiude con la splendida vittoria della BMW M6 del BMW Team Italia, positivi in tutto il weekend. Seconda posizione per la Ferrari di Cioci, ottimo il lavoro svolto dal Team Easy Race con la Lamborghini di Gersekowski.

Tra Light vittoria di Cristoni con la Super Trofeo dell’Antonelli Motorsport davanti a Speakerwas che ha lasciato nel finale con la vettura in panne. Tra le GT4 a segno Magnoni davanti a Ruberti e Fontana.

Un bell’inizio per il nuovo corso del Campionato Italiano Gran Turismo, il format della gara Endurance sembra piacere a piloti e Team. Una gara molto tirata e condizionata dalla pioggia nella prima parte, bravi i Team a gestire le soste in più per i cambi gomme.

Peccato che nelle fasi finali di gara sia mancata la Ferrari della Scuderia Baldini, fermati da un guasto elettrico. Più che positiva la vittoria BMW che ha chiuso un weekend molto positivo. Peccato per le forature che hanno rallentato alcuni equipaggi.

L’appuntamento è rimandato al 17-19 Maggio sul circuito di Misano Adriatico.

Scorrimento
Lista

#63 Lamborghini Huracan GT3 Evo GT3 PRO, Imperiale Racing: Postiglione-Mul-Frassineti

#63 Lamborghini Huracan GT3 Evo GT3 PRO, Imperiale Racing: Postiglione-Mul-Frassineti
1/11

Foto di: acisportitalia.it

#27 Ferrari 488 Evo 27 GT3 PRO, Scuderia Baldini 27: Fisichella-Gai-Villeneuve

#27 Ferrari 488 Evo 27 GT3 PRO, Scuderia Baldini 27: Fisichella-Gai-Villeneuve
2/11

Foto di: acisportitalia.it

#25 Ferrari 488 Evo GT3 PRO-AM, RS Racing SSD ARL: Di Amato-Vezzoni

#25 Ferrari 488 Evo GT3 PRO-AM, RS Racing SSD ARL: Di Amato-Vezzoni
3/11

Foto di: acisportitalia.it

#276 Porsche 718 Cayman GT4, Autorlando Sport: Giuseppe Ghezzi

#276 Porsche 718 Cayman GT4, Autorlando Sport: Giuseppe Ghezzi
4/11

Foto di: acisportitalia.it

#18 Lamborghini Huracan GT3 Evo GT3 PRO, Imperiale Racing: Postiglione-Mul-Frassineti

#18 Lamborghini Huracan GT3 Evo GT3 PRO, Imperiale Racing: Postiglione-Mul-Frassineti
5/11

Foto di: acisportitalia.it

#210 Maserati Gran Turismo MC GT4, V-Action Racing Team: Cerqui-Pajuranta-Rodrigues

#210 Maserati Gran Turismo MC GT4, V-Action Racing Team: Cerqui-Pajuranta-Rodrigues
6/11

Foto di: acisportitalia.it

#210 Maserati Gran Turismo MC GT4, V-Action Racing Team: Cerqui-Pajuranta-Rodrigues

#210 Maserati Gran Turismo MC GT4, V-Action Racing Team: Cerqui-Pajuranta-Rodrigues
7/11

Foto di: acisportitalia.it

#27 Ferrari 488 Evo 27 GT3 PRO, Scuderia Baldini: Fisichella-Gai-Villeneuve

#27 Ferrari 488 Evo 27 GT3 PRO, Scuderia Baldini: Fisichella-Gai-Villeneuve
8/11

Foto di: acisportitalia.it

#102 Lamborghini Huracan SuperTrofeo GT Light, Antonelli Motorsport: Cristoni-Michelotto-Demarchi

#102 Lamborghini Huracan SuperTrofeo GT Light, Antonelli Motorsport: Cristoni-Michelotto-Demarchi
9/11

Foto di: acisportitalia.it

#15 BMW M6 GT3 PRO, BMW Team Italia: Comandini-Johansson-Krohn

#15 BMW M6 GT3 PRO, BMW Team Italia: Comandini-Johansson-Krohn
10/11

Foto di: acisportitalia.it

#15 BMW M6 GT3 PRO, BMW Team Italia: Comandini-Johansson-Krohn

#15 BMW M6 GT3 PRO, BMW Team Italia: Comandini-Johansson-Krohn
11/11

Foto di: acisportitalia.it

Articolo successivo
Comandini, Krohn e Johansson portano la BMW M6 in pole position a Monza

Articolo precedente

Comandini, Krohn e Johansson portano la BMW M6 in pole position a Monza

Articolo successivo

Ebimotors rientra nel Campionato Italiano Gran Turismo

Ebimotors rientra nel Campionato Italiano Gran Turismo
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie GT Italiano
Evento Endurance: Monza
Autore Stefano Reali
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie