Al Mugello si assegnerà il titolo del Campionato Italiano GT 2018

condividi
commenti
Al Mugello si assegnerà il titolo del Campionato Italiano GT 2018
Stefano Reali
Di: Stefano Reali
25 ott 2018, 00:03

Sarà sfida vera a 360° per il titolo della classe regina e soprattutto la Ferrari 488 GT3 di Fisichella-Gai (Scuderia Baldini) sarà accerchiata da ben sei Lamborghini di cui, cinque equipaggi PRO e uno AM.

Dopo una lunga stagione, piena di sorprese e di conferme, il Campionato Italiano Gran Turismo scende in pista al Mugello per l’ultimo atto del 2018. Sarà sfida vera a 360° per il titolo della classe regina e soprattutto la Ferrari 488 GT3 di Fisichella-Gai (Scuderia Baldini) sarà accerchiata da ben sei Lamborghini di cui, cinque equipaggi PRO e uno AM.

Andiamo con ordine, Audi ovviamente porta la R8 per Bar Baruch e ritroverà al suo fianco il francese Benoit Treluyer, con il pilota israeliano in ritardo dalla vetta di ben undici lunghezze. Dopo Monza sono saliti in testa Zampieri-Altoè (Antonelli Motorsport) che conducono con 143p. davanti a Stefano Gai (Scuderia Baldini) in ritardo di cinque lunghezze.

Assente la Ferrari di Easy Race con Mancinelli-Fontana che avrebbero potuto “aiutare” i compagni di brand. Stefano Comandini (BMW Team Italia) ritroverà Max Koebolt. Conferma la propria presenza Imperiale Racing che porta ben tre Huracan GT3, una per Postiglione-Basz e un equipaggio tutto ufficiale con Bortolotti-Giammaria e Mapelli-Liang.

Nel linguaggio giovanile di oggi, questo trittico potrebbe definirsi “tanta roba”, a conferma della volontà da parte della casa di Sant’Agata di mettere una serie ipoteca sull’alloro. Marco Mapelli rientra dopo l’apparizione dello scorso anno al Mugello, sempre in occasione dell’ultima gara, dove si rese protagonista di un contatto con Mirko Venturi che si stava giocando il Campionato in coppia con Stefano Gai, alloro poi andato a Frassineti-Beretta (Ombra Racing). Proprio il pilota milanese (Scuderia Baldini) cercherà di tenere accesa la speranza di recuperare lo svantaggio, in
gara uno insieme a Giancarlo Fisichella potrà sfruttare l’assenza di handicap time.

Antonelli Motorsport schiera le due Huracan con Spinelli-Veglia, già visti a Monza e gli attuali leader Altoè-Zampieri. Proprio i leader dovranno scontare 25”, stessa cosa per Postigione-Basz (Imperiale Racing). Rientra la Huracan della Ebimotors con Piccioli-De Castro, il Team di Enrico Borghi tra l’altro festeggia i venti anni di attività.

In Super GTCup sembra tutto in discesa per Pietro Perolini (Antonelli Motorsport) che deve solo arrivare al traguardo, vista l’assenza di Cenedese e Valente. La seconda vettura sarà messa in pista sempre dal Team bolognese che vedrà il ritorno di Simone Sartori al fianco di Gianni Di Fant. Assenti le GT3 con Luca Magnoni neo Campione Italiano che ha conquistato l’alloro già nella tappa di Monza. Raddoppiano le vetture per la Island Motorsport impegnate nella GT Cup, con il titolo ancora aperto c’è anche un rimescolamento negli equipaggi.

Davide di Benedetto, attuale leader, si è iscritto con Vincenzo Sauto che a sua volta abbandona Eugenio Pisani che sarà in macchina da solo. Rientra Michele Merendino con la seconda vettura, dividerà la vettura con il serbo Jovan Lazarevic che ha già corso in Serbia, vincendo il titolo nazionale 2018 nell’Hill Climb Serbia. Ovviamente presenti La Mazza-Nicolosi con la Porsche dell’Ebimotors che cercheranno in tutti i modi di portare almeno una vittoria stagionale. A questo punto il quadro è completo, sarà un fine settimana di livello e l’agonismo sicuramente non mancherà.

Certamente sarebbe positivo per il Campionato finisse senza polemiche o toccate del “caso”. Negli ultimi anni non è avvenuto e speriamo che questa sia la volta buona e che vinca la professionalità. I numeri comunque confermano il buon lavoro di Aci Sport, sia a livello di prestazioni sia di equilibrio. Ci aspettiamo grandi novità per l’anno prossimo, sappiamo già che il format delle gare cambierà con quattro Endurance e quattro gare sprint. Il tutto dovrebbe essere rivelato in occasione della tappa Toscana.

Articolo successivo
Benoit Treluyer torna nel GT Italiano con l'Audi nella tappa conclusiva del Mugello

Articolo precedente

Benoit Treluyer torna nel GT Italiano con l'Audi nella tappa conclusiva del Mugello

Articolo successivo

Mugello, Libere 1: dominio Lamborghini con Postiglione-Basz, Liang-Mapelli e Giammaria-Bortolotti

Mugello, Libere 1: dominio Lamborghini con Postiglione-Basz, Liang-Mapelli e Giammaria-Bortolotti
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie GT Italiano
Evento Mugello II
Autore Stefano Reali
Tipo di articolo Preview