Ecco dove conviene usare il KERS a Imola!

condividi
commenti
Ecco dove conviene usare il KERS a Imola!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
28 giu 2014, 12:10

Stando alle simulazioni della telemetria si possono sfruttare i 25 cv in più in quattro punti della pista

Ecco un'immagine molto interessante che è molto esemplificativa per spiegare dove e come i piloti della Green Hybrid Cup possono usare il KERS sulla pista dell'Enzo e Dino Ferrari. Ricordiamo che i conduttori a Imola possono disporre di una potenza aggiuntiva di circa 25 cv per un tempo di 15 secondi al giro.

Il dilemma è come utlizzare questo overboost affinchè sia il più efficace possibile sul difficile tracciato in Riva al Santerno. Inizialmente si pensava che fosse necessario "sparare" l'energia elettrica ai due motori elettrici montati sulle ruote posteriori all'inzio delle due salite, vale a dire all'uscita del tornante della Tosa e dopo le Acque Minerali.

Qualcuno ha provato questa strategia nelle prove libere, ma in qualifica è emerso chiaramente che bisognava parcellizzare di più l'uso del KERS. Come si può ben vedere dalla piantina che pubblichiamo sopra, conviene scaricare il 40% dell'energia nel lungo rettilineo d'arrivo prima del traguardo, riservando solo il 20% alla salita della Tosa. Per il tratto in salita all'uscita delle Acque Minerali si sfrutta il 30% della potenza aggiuntiva per lasciare l'ultimo 10% all'uscita della Variante Alta dove i conduttori si lanciano verso la discesa della Rivazza.

Nei quindici secondi di utilizzo (erano dodici a Vallelunga e Poznan) bisogna premere un pulsante rosso che è posto ai due lati delle razze del volante: il bottone è raggiungibile spostando solo il pollice e senza dover togliere le mani dalla corona. Il pieno sfruttamento del KERS può valere fino ad un secondo nel tempo sul giro.

Prossimo articolo Green Hybrid Cup

Su questo articolo

Serie Green Hybrid Cup
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie