Doppietta Ganassi Racing alla 24 Ore di Daytona

Doppietta Ganassi Racing alla 24 Ore di Daytona

Pruett, Rojas, Hand e Rahal precedono la vettura gemella. Gloria anche per Papis, terzo

L'edizione 2011 della 24 Ore di Daytona, gara di apertura della Grand-Am, si è chiusa decisamente nel segno della Ganassi Racing, che ha sbaragliato tutta la concorrenza con una fantastica doppietta, che gli è valsa anche il quarto successo nelle ultime sette stagioni. A trionfare alla fine è stato l'equipaggio dei campioni in carica Scott Pruett e Memo Rojas, che in questa occasione sono stati accompagnati da Joey Hand e Graham Rahal, che sono stati "scortati" al traguardo dalla Riley-BMW gemella di Scott Dixon, Dario Franchitti, Juan Pablo Montoya e Jamie McMurray. A prendere il comando nell'ultima ora è stato Pruett, dopo che a tre ore dal termine Hand era incappato in una penalità che aveva fatto finire il suo equipaggio a quasi un minuto da Dixon. Poi l'ingresso della safety car ed una migliore strategia hanno permesso l'inversione delle posizioni delle due vetture di Ganassi, che sono giunte al traguardo separate da appena un paio di secondi. Nella giornata trionfale della Ganassi Racing c'è stata però anche un pò di gloria per l'italiano Max Papis, che insieme a Joao Barbosa, Christian Fittipaldi, Terry Borcheller e JC France ha conquistato il terzo gradino del podio al volante della Riley-Porsche della Action Express. I vincitori della passata edizione hanno preso la bandiera a scacchi appena 2"3 dopo i vincitori, insidiando il secondo posto fino all'ultimo metro. In quarta piazza troviamo la Riley-Ford della United Autosport, che anche grazie all'impegno di due veterani del calibro di Mark Blundell e Martin Brundle ha terminato la corsa in quarta posizione e nello stesso giro dei vincitori. L'altro italiano con delle ambizioni di vittoria, cioè Max Angelelli, si è invece dovuto accontentare del quinto posto con la Dallara-Chevrolet della Sun Trust. Un piazzamento che avrebbe potuto essere decisamente migliore se si pensa che il ritardo finale è stato solo di un giro, nonostante due stop piuttosto lunghi ai box. Infine, per quanto riguarda le vetture GT, a festeggiare il successo di classe è stata la Porsche 911 GT3 Cup della TRG Motorsport, portata in gara dall'equipaggio composto da Andy Lally, Wolf Henzler, Spencer Pumpelly, Brendan Gaughan e Steven Bertheau, che sono stati capaci di rimanere al comando per oltre un terzo di gara con la frizione rotta.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Grand-Am
Piloti Scott Pruett , Graham Rahal , Memo Rojas
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag tuning