Barbosa e Borcheller fermano la striscia di Ganassi

condividi
commenti
Barbosa e Borcheller fermano la striscia di Ganassi
Di: Matteo Nugnes
15 mag 2011, 10:30

Nella classe GT arriva la prima vittoria di un pilota afroamericano: Bill Lester

Quella andata in scena al Virginia International Raceway è stata una gara storica per la Grand-Am. Tra i prototipi, infatti, Joao Barbosa e Terry Borcheller sono riusciti a fermare la striscia vincente della Ganassi Racing, che era arrivata a ben sei affermazioni consecutive. Ma soprattutto, imponendosi tra le vetture GT, Bill Lester è diventato il primo pilota afroamericano capace di salire sul gradino più alto del podio nella storia della Grand-Am! Barbosa si è portato al comando quando mancavano circa 50 minuti al calare della bandiera a scacchi e lo ha mantenuto per i 22 giri rimanenti, regalando alla Action Express una vittoria che mancava ormai dalla 24 Ore di Daytona dello scorso anno. Scott Pruett però non ha abdicato al gradino più alto del podio senza lottare e nel finale si era infatti riportato negli scarichi di Barbosa, senza riuscire però nel sorpasso. Con le loro statistiche, che comunque parlano di 12 vittorie nelle ultime 15 gare, siamo certi che lui e Memo Rojas se ne faranno una ragione. La giornata trionfale della Action Express è stata poi completata dalla rimonta finale di Darren Law, che a due giri dal termine ha scavalcato Max Angelelli, portando sul podio anche la seconda Riley-Porsche del team. Come detto, tra le GT bisogna invece festeggiare il successo di Bill Lester, che in coppia con Jordan Taylor si è imposto con la sua Camaro. La curiosità è che la sua vittoria è arrivata sullo stesso tracciato su cui Wendell Scott divenne il primo afroamericano capace di vincere nella NASCAR. Grand-Am - Virginia International Raceway - Gara
Prossimo articolo Grand-Am
Il Memorial Day sorride ancora alla Sun Trust

Previous article

Il Memorial Day sorride ancora alla Sun Trust

Next article

Seconda pole di fila per la Spirit of Daytona

Seconda pole di fila per la Spirit of Daytona

Su questo articolo

Serie Grand-Am
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie