Robert Reid: “Il Motorsport non può essere solo elettrico”

Robert Reid ha vinto il Campionato del Mondo Rally 2001 con Subaru come co-pilota di Richard Burns ed è stato celebrato il 20° anniversario la scorsa settimana. Lo scozzese ha proseguito la sua carriera nella governance di questo sport in diverse commissioni della FIA, compresa la sicurezza. È in corsa nelle elezioni FIA che si svolgeranno fra tre settimane per il ruolo di vice presidente per lo sport sotto Mohammed ben Sulayem. La vittoria lo vedrebbe come "co-pilota" al ruolo più potente nel motorsport, il presidente della FIA.

Robert Reid: “Il Motorsport non può essere solo elettrico”

Jean Todt, l'attuale presidente della FIA, ha iniziato la sua carriera come co-pilota di rally, quindi cosa c'è nel navigatore che legge le note che lo porta a candidarsi per questi ruoli ambiti?

 

"Come co-pilota, dico sempre che essere guidato non è necessariamente la parte più divertente. È divertente, ma quello che mi piace davvero è il multitasking", dice Reid.  "La lettura delle note sul ritmo, la preparazione, la gestione di un sacco di scenari diversi in una sola volta; gli equipaggi del meteo, la scelta degli pneumatici, il tempo di servizio, la quantità di carburante che è in macchina, la gestione del ritmo del pilota. Questo mette qualcuno in buona posizione per un sacco di opportunità diverse dopo la competizione. C'è una grande attenzione ai dettagli, essendo in grado di gestire molte cose diverse contemporaneamente, tutte generalmente con priorità e scadenze diverse. E penso anche la conoscenza dei regolamenti, e probabilmente in quella vita precedente, come aggirarli!”.

Il successo di Burns e Reid nella stagione 2001 del WRC, che i due conquistarono nel Rally di Gran Bretagna, loro evento di casa, ha reso questo sport una notizia da prima pagina. Era un'epoca d'oro per il rally, con Colin McRae e altri piloti leggendari, oltre a diversi produttori in gara. Oggi stiamo vedendo anche la Formula 1 incrementare la sua popolarità in tutto il mondo, come ha dimostrato il recente Global F1 Fan Survey. Reid pensa che il rally potrà mai ricreare quel 'periodo d'oro'?

"Sicuramente lo spero. Sia Mohammad che io veniamo da un background di rally, siamo entrambi appassionati di rally, ma non solo, siamo appassionati di motorsport, in generale", dice. "Nel 2001 c'era una foto di un'auto WRC sulla prima pagina del giornale The Times tre giorni su quattro per quell'evento. Mi ricordo di aver parlato con Damon Hill dopo, e lui stava dicendo, 'voi ragazzi ottenete più spazio di quanto abbia fatto io per aver vinto il campionato del mondo di Formula Uno!”.

“Sarebbe bello vedere il top dello sport tornare a quei giorni. Ma penso che la sfida sia più nei campionati regionali e nei rally nazionali, il che ci riporta alla questione dei costi, che è proibitiva. E abbiamo bisogno di dare potere alle regioni. Ma dobbiamo anche assicurarci che i formati per queste regioni siano appropriati ai tipi di veicoli e alle esigenze all'interno di esse, perché questo è il livello in cui si stimola l'interesse”.

Richard Burns and Robert Reid celebrate with the winners trophy.

Richard Burns and Robert Reid celebrate with the winners trophy.

Photo by: Motorsport Images

Dobbiamo riconoscere che il motorsport sarà sempre più costoso del calcio in termini di partecipazione. Ma dobbiamo anche lavorare il più possibile per ridurre i costi. E abbiamo un'iniziativa di campagna per "raddoppiare il motorsport" entro quattro anni, che potrebbe sembrare particolarmente ambizioso, ma penso che soprattutto nel mondo in via di sviluppo è un'enorme opportunità. Ma questo accadrà solo con costi bassi, in particolare nelle entry level del motorsport".

Centrale per la visione di entrambe le campagne elettorali della presidenza FIA è il concetto che iò motorsport dovrebbe essere consapevole delle minacce date da fattori ambientali e altri, ma dovrebbe anche essere audace nel rivendicare costantemente il suo ruolo come parte della soluzione, come un incubatore di tecnologie che contribuirà a mettere il mondo sulla strada giusta per il futuro.

"Abbiamo fatto un'ampia consultazione, oltre 2000 ore di conversazione con i club di tutto il mondo", dice Reid. "Una delle grandi cose che sono venute fuori sono stati i cambiamenti che stanno influenzando la società in generale, così come nello sport, cose come le abitudini dei consumatori, la durata dell'attenzione del pubblico, il cambiamento degli atteggiamenti intorno alla diversità e, ovviamente, le preoccupazioni ambientali e di sostenibilità. Per me il motorsport ha tradizionalmente aperto la strada, è sempre stato influente. E penso che dobbiamo continuare a garantire che siamo proattivi, piuttosto che reattivi di fronte a queste sfide. E dobbiamo mostrare che il motorsport può essere parte della soluzione. Ecco perché la visione della nostra campagna è di essere la voce globale del motorsport e della mobilità. Abbiamo davvero bisogno di assicurarci di avere un posto al tavolo principale in futuro”.

Robert Reid and Kamui Kobayashi on stage.

Robert Reid and Kamui Kobayashi on stage.

Photo by: Alastair Staley / Motorsport Images

"Parlando, come abbiamo fatto, con un sacco di club in tutto il mondo, ciò che è davvero evidente al di fuori dell'Europa, ci stanno tutti dicendo, 'Non permettete che il motorsport diventi solo elettrico, perché continueremo ad usare motori a combustione interna per i prossimi 20 anni. L'infrastruttura non c'è nelle regioni di tutto il mondo. Quindi dobbiamo trovare soluzioni che soddisfino tutte le diverse esigenze. Abbiamo una grande opportunità, perché abbiamo così tante discipline diverse, che possiamo avere diverse soluzioni in diverse discipline”.

"Il motorsport nel futuro? Sicuro, divertente, eccitante, inclusivo. Queste sono tutte parole che userei. Abbiamo bisogno di accogliere le persone che vogliono partecipare per divertimento, ma abbiamo anche bisogno di fornire un percorso attraverso la competizione internazionale per coloro che vogliono progredire. Quindi abbiamo bisogno di completare questa piramide di sviluppo, assicurandoci che ci siano dei percorsi in atto. Vedo un enorme potenziale per far crescere lo sport in tutto il mondo, combinato con l'opportunità di fornire soluzioni sulla base della sostenibilità ambientale. Mi piace pensare che il futuro sia molto luminoso per il motorsport".

condividi
commenti
"L'altra faccia delle corse": 101 storie raccontate da Carlo Cavicchi
Articolo precedente

"L'altra faccia delle corse": 101 storie raccontate da Carlo Cavicchi

Articolo successivo

Laura Camps Torras entra in Ferrari Driver Academy

Laura Camps Torras entra in Ferrari Driver Academy
Carica i commenti