Nuova proprietà per la Lola, si punta al rientro nelle corse

La Lola potrebbe tornare nel mondo delle corse in un paio d'anni, dopo il cambio di proprietà che sta rilanciando il marchio inglese.

Nuova proprietà per la Lola, si punta al rientro nelle corse

Till Bechtolsheimer ha preso la galleria del vento e la base del team, e sfruttando la sua esperienza in IMSA SportsCar Championship vuole riportare in vita la Lola 10 anni dopo essere stata messa in amministrazione controllata.

Lola ha avuto una storia ininterrotta dal 1958 al 2012, durante la quale ha costruito auto per quasi tutte le categorie di corse automobilistiche, vincendo tre volte la Indy 500 e ottenendo un totale di 181 vittorie in CART/Champ Car.

Il quarantenne, che gestisce una società di investimenti a New York focalizzata sulle energie rinnovabili, ha la speranza che la prima auto sviluppata dalla nuova organizzazione possa scendere in pista nel 2024.

"E' uno dei progetti chiave su cui siamo concentrati in questo momento, l'obiettivo sarebbe quello di avere una vettura in pista a partire dal 2024", ha dichiarato Bechtolsheimer a Motorsport.com.

"Penso che il 2025 potrebbe essere un po' più realistico, ma c'è la possibilità di vedere una Lola tornare in pista anche prima".

"Al momento non posso essere più specifico sulla natura dei progetti a cui stiamo lavorando, ma stiamo discutendo nei paddock di monoposto e ruote coperte".

Inoltre ha spiegato che sotto la sua guida la Lola seguirà la strada tracciata dal fondatore del marchio Eric Broadley e da Martin Birrane, che salvarono l'azienda nel 1997, costruendo vetture con il proprio nome e collaborando con i principali costruttori.

"Voglio riportare la Lola ad essere una forza capace di fornire soluzioni ingegneristiche ai clienti, sia che si tratti di un cliente che acquista un pacchetto competitivo da far correre su una pista, o che si tratti di fornire un prodotto finito a un team, o un piccolo pezzo del puzzle a una terza parte".

"Tutto questo è in linea con ciò che Lola ha sempre fatto e deve continuare a fare".

Till Bechtolsheimer, Lola Cars

Till Bechtolsheimer, Lola Cars

Photo by: Lola

Bechtolsheimer ha ammesso di essere molto interessato a riportare la Lola alla 24 Ore di Le Mans, alla quale ha partecipato come fornitore di macchine come la sua auto più famosa, la T70, sia in versione spyder che coupé, oltre a sviluppare auto per Case come Ford e Nissan.

Ha ammesso che le opportunità per Lola di partecipare a un progetto di Le Mans Hypercar o LMDh saranno limitate, ma c'è la speranza che l'organizzazione possa fare un'offerta per una delle licenze per la costruzione di prototipi LMP2 con i nuovi regolamenti per il periodo 2025-2029.

"Non credo che sia male per Lola essere coinvolta in un progetto di ampio raggio e concentrarsi su alcune aree base per costruire qualcosa, in modo che quando le gare d'appalto per la costruzione di telai si riapriranno tra cinque anni saremo in grado di fare un'offerta credibile".

Bechtolsheimer ha acquistato il marchio Lola e i diritti di proprietà intellettuale di oltre 400 progetti, oltre al Centro Tecnico Lola che comprende la galleria del vento e un impianto dalla famiglia di Birrane, morto a 82 anni nel 2018.

La nuova organizzazione opererà come Lola Cars Ltd, il nome originale dell'azienda prima che incontrasse problemi finanziari dopo l'ingresso in Formula 1 nel 1997.

I diritti sul nome Lola e la proprietà intellettuale dei progetti sono stati mantenuti dalla famiglia Birrane quando la società è stata messa in amministrazione controllata nel maggio 2012.

Blundell took famous Le Mans pole in 1990 with Lola-built Nissan

Blundell took famous Le Mans pole in 1990 with Lola-built Nissan

Photo by: Motorsport Images

Amanda Birrane, una delle figlie di Martin, ha dichiarato: "La mia famiglia è molto contenta che il marchio Lola sia di proprietà di un uomo d'affari e di un pilota che scriverà il prossimo capitolo di questa icona dell'automobilismo britannico".

"Mio padre sarebbe felicissimo di rivedere la Lola nelle competizioni automobilistiche e soprattutto a Le Mans".

Michael Wilson è stato assunto a capo della Lola Cars: proviene dalla Advance Engine Research (AER) e in precedenza ha lavorato per la Mercedes nel DTM e presso il suo stabilimento di motori di Formula 1 nel Regno Unito.

Bechtolsheimer ha spiegato che uno dei suoi primi compiti sarà quello di aggiornare la galleria del vento del centro tecnologico, che continua ad operare dal 2012.

condividi
commenti
Ferrari: nuovo impianto da 1 MW di celle a combustibile
Articolo precedente

Ferrari: nuovo impianto da 1 MW di celle a combustibile

Articolo successivo

David Coulthard e il progetto More Than Equal per le donne pilota

David Coulthard e il progetto More Than Equal per le donne pilota