Motorsport Leaders Business indirizza il futuro dello sport nel Forum di Londra

condividi
commenti
Motorsport Leaders Business indirizza il futuro dello sport nel Forum di Londra
29 set 2018, 00:21

Le sessioni di gruppo con i più important professionisti del settore mappa la futura traiettoria del motorsport sullo sfondo di una turbativa tecnologica.

Londra, Regno Unito -  28 settembre 2018 – L’inaugurale Motorsport Leaders Business Forum presentato mercoledì da Motorsport Network nella Città di Londra ha offerto una visione in prospettiva del futuro orizzonte delle competizioni a motore, attraverso le visioni collettive di professionisti del settore, relatori, promotori, giocatori, proprietari di media, futurologi e atleti del mondo reale e virtuale.

Attraverso quattro sessioni di gruppo precedute da un video da parte del Presidente FIA, Jean Todt, che ha sostenuto le idee come ‘carburante del miglioramento’, i luminari dell’industria hanno affrontato una serie di ostacoli che si pongono davanti al percorso che sta seguendo lo sport, dall'avanzata del veicolo autonomo alle metodologie per abbracciare l’esport e dove considerazioni quali il consumo dei media e la sponsorizzazione si collocano tra questi mutevoli paradigmi.

Alejandro Agag, CEO del Campionato FIA Formula E e relatore della prima sessione intitolata, ‘Se la guida diventa autonoma, a qualcuno interesseranno le corse?’ ha dichiarato alla conclusione del forum: “Penso sia molto importante organizzare eventi come questo, perché il motorsport è in un periodo di cambiamento – stanno succedendo molte cose. Ritengo sia molto utile ascoltare ciò che gli altri principali personaggi dell’industria hanno da dire. Questi eventi ci aiutano a tenere la velocità e pianificare per il futuro.”

Le sessioni matutine hanno unito affermati professionisti dell'industria automobilistica mondiale con i loro colleghi avanguardisti della rivoluzione digitale. Tra questi oratori che stanno sfidando lo status quo c’erano Rod Chong, Vice CEO della Roborace, che prevede un'era di sostanziale arricchimento digitale per gli appassionati di corse a bordo pista attraverso esperienze immersive di realtà aumentata ed estesa, e Rupert Svendsen-Cook, fondatore di Veloce Esports, che ha incoraggiato i promotori dei campionati a fare appello alle norme culturali dei giocatori piuttosto che a puntare a trasferire regole e standard nel mondo virtuale.

Mentre alcune delle sessioni hanno cercato di prevedere la probabile direzione futura del progresso digitale, altre sessioni plenarie hanno considerate come possono adattarsi a fronteggiare la turbativa digitale le pratiche esistenti di sponsorizzazione e consumo dei media, che sostengono le competizioni motoristiche. Gareth Balch, CEO di Two Circles, un'agenzia sportiva basata sui dati, ha sottolineato l’immediata panacea della maggiore frammentazione dei media mentre i social media si inseriscono nello spazio di detentori dei diritti e broadcaster, accanto ai suoi colleghi Scott Young, Capo di Sky F1, Manel Arroyo, Managing Director di Dorna Sports & MotoGP e Frank Arthofer, Capo Globale di Business Nuovi e Digitali per la Formula 1.

Nel frattempo, un importante gruppo di esperti in sponsorizzazioni sportive tra cui Bijaya Basu, che guida il finanziamento di Tata Communications in F1, Arjan Sissing, Senior VP del Corporate Brand Marketing di DHL, Zak Brown, CEO, McLaren Racing e Stéphane Ratel, CEO SRO hanno considerate degli antidoti alla morte dei title sponsor.

Questa è la giusta piattaforma per discutere problemi importanti e parlare del futuro, sviluppare i giusti prodotti e le giuste partnership -  l’ho adorato, è stato fantastico,” ha detto Andreas Schicker, Capo Esports Business Development di Logitech.

Mentre 150 leader di tutto il motorsport e delle industrie alleate hanno partecipato al Motorsport Leaders Business Forum mercoledì nella Città di Londra, il Presidente di Motorsport Network, James Allen ha dichiarato, “Penso sia stata una buona giornata e una grossa dimostrazione del potere aggregative di Motorsport Network – solo noi avremmo potuto unire leader di diversi stakeholder provenienti da tutte le serie, marchi e costruttori, per una giornata di riflessione profonda, discussione, networking, e per guardare a future del nostro sport.”

“Ciò che è stato una rivelazione per tutti noi è stata l’estensione con cui l’esport ha dominato l’agenda di oggi. Ti mostra quanto le persone stanno prendendo in considerazione le minacce e le opportunità che provengono da un intero nuovo mondo che non ha nulla a che fare con le auto fisiche, ma con una rappresentazione delle corse in un modo completamente diverso. E questa è una prova positiva del valore di questo evento nel portare in superficie i problemi emergenti con cui l'industria deve impegnarsi.

“Per il 2019, parleremo dell’accessibilità, delle donne nel motorsport, dell’ottenere sempre più persone impegnate nello sport attraverso lo spettro. Dovrebbe essere una discussion davvero inclusiva a cui chiunque nel motorport dovrebbe pensare mentre costruiamo il nostro sport per il futuro”.

Prossimo articolo Speciale
Il Motor Show senza Area 48 si trasferisce a Modena e si trasforma in Festival

Articolo precedente

Il Motor Show senza Area 48 si trasferisce a Modena e si trasforma in Festival

Articolo successivo

A rischio il nuovo record di velocità terrestre: il Bloodhound Project è entrato in amministrazione controllata

A rischio il nuovo record di velocità terrestre: il Bloodhound Project è entrato in amministrazione controllata
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Speciale
Tipo di articolo Motorsport.com