Mohammed ben Sulayem eletto nuovo presidente della FIA

Mohammed ben Sulayem è stato eletto nuovo presidente della FIA, prendendo il posto dell'uscente Jean Todt, che è stato alla guida della Federazione per 12 anni.

Mohammed ben Sulayem eletto nuovo presidente della FIA

Jean Todt ha completato il suo terzo ed ultimo mandato come presidente della FIA nel 2021, e ora consegnerà le redini dell'organo mondiale del motorsport al 60enne Mohammed ben Sulayem, eletto nella votazione di oggi all'Assemblea Generale della FIA.

Ben Sulayem ha sconfitto Graham Stoker, che era il vice-presidente della FIA sotto Todt, ottenendo il 61,6% dei voti.

"Sono molto onorato di essere stato eletto presidente della FIA", ha scritto ben Sulayem su Twitter. "Grazie a tutti voi. Sono colpito dalla fiducia che avete riposto in me e nel team, ci impegnamo a governare nell'interesse di tutti i membri".

"Vorrei anche rendere omaggio a Jean Todt per la sua leadership negli ultimi 12 anni e lodare Graham Stoker per la sua campagna. Non vediamo l'ora di lavorare con tutti coloro che cercano il miglioramento con questa Federazione che tutti amiamo".

Il nuovo presidente ha all'attivo una lunga carriera da pilota di rally, con ben 14 titoli nel campionato del Medio Oriente, conquistati prima di passare alla governance. E' stato il primo arabo ad essere eletto nel Consiglio Mondiale del Motorsport della FIA, e in precedenza è stato vice-presidente per lo sport della FIA.

Ha anche supervisionato la gestione del Gran Premio di Abu Dhabi e la sua aggiunta al calendario di Formula 1 nel 2009. La sua elezione segna una rottura con il passato, visto che sarà il primo presidente non europeo per la FIA.

Leggi anche:

Parlando con Motorsport.com all'inizio di quest'anno nell'ambito della serie #ThinkingForward, ben Sulayem ha sottolineato la necessità di far crescere il motorsport, rendendolo più accessibile in tutto il mondo, espandendo i campionati regionali ed aiutando i giovani ad affacciarsi nelle corse.

"Ho intenzione di creare percorsi migliori e più accessibili per i giovani piloti", ha detto ben Sulayem a luglio. "Questo è il cambiamento. Non si può sempre ripetere quello che ha fatto il presidente precedente, perché non funzionerà. Le sfide sono diverse".

"Come ho detto, il panorama sta cambiando, ma non mi distoglierete dalla cosa principale: creare percorsi migliori e più accessibili per i giovani".

condividi
commenti
Presentiamo Motorsport Watches, la passione e la performance quando ogni secondo conta
Articolo precedente

Presentiamo Motorsport Watches, la passione e la performance quando ogni secondo conta

Articolo successivo

Agag su come Todt ha assicurato un futuro al motorsport

Agag su come Todt ha assicurato un futuro al motorsport
Carica i commenti