WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
40 giorni
FIA F2
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
Formula 1
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
ELMS
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
13 dic
-
15 dic
Prossimo evento tra
5 giorni

Le star sfilano sul red carpet della premiere di Heroes

condividi
commenti
Le star sfilano sul red carpet della premiere di Heroes
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
11 lug 2019, 14:09

Tra gli ospiti illustri che hanno sfilato sul red carpet, Jean Todt e Bernie Ecclestone, che hanno festeggiato la prima del nuovo film “Heroes” a Londra, dove sono stati raccolti fondi per l’Istituto ICM.

Il film “Heroes” racconta la vita del due volte Campione del mondo di Formula 1 Mika Hakkinen, del nove volte vincitore della Le Mans Tom Kristensen, dell’ex pilota Ferrari in Formula Felipe Massa e del vincitore del Campionato Mondiale Rally Michele Mouton. È diretto da Manish Pandey, autore e produttore esecutivo del film “Senna”.

I quattro piloti si sono riuniti per condividere la loro storia e sono stati catapultati in un affascinante viaggio nel tempo, grazie ad un archivio che ha ripercorso i loro primi passi e la loro carriera.

Hanno anche rivissuto il loro rapporto con Michael Schumacher, anche lui tra i protagonisti del film grazie all’aiuto della team manager Sabine Kehm.

Leggi anche:

La sfarzosa premiere, che si è tenuta al Curzon Mayfair di Londra, ha contribuito a raccogliere fondi per ICM, un’iniziativa di beneficienza voluta da Todt, Schumacher e Gerard Saillant, un Professore di chirurgia ortopedica e traumatologia.

Todt e Saillant erano tra gli ospiti VIP dell’evento, così come Hakkinen, Kristensen, Massa e Mouton.

“È meraviglioso il modo in cui è stato realizzato – ha affermato l’ex pilota Hakkinen – Non capisco nulla di film, ma mi rendo conto che comporta un grande lavoro. Noi siamo solo una piccola parte, ma è bellissimo essere in un film”.

Massa – ora presidente di FIA Karting, che ha partecipato insieme a Rob Smedley, suo ingegnere di pista in Formula 1 da molti anni – ha aggiunto: “È incredibile. L’intero team è speciale, è stato difficile non piangere vedendolo per la prima volta”.

Kristensen ha affermato che è stato un onore rappresentare le corse e che è finalmente arrivato il momento di un riconoscimento a questo livello.

Jean Todt, President, FIA, Bernie Ecclestone

Jean Todt, President, FIA, Bernie Ecclestone

Photo by: Glenn Dunbar / LAT Images

“Sono molto commosso, voglio fare i complimenti a tutti coloro che hanno realizzato questo fantastico film. Sono estremamente contento di rappresentare la Le Mans, ci tengo a ringraziare Manish”.

Tutti i quattro piloti hanno mostrato una grande commozione durante la serata. Mouton ha sollevato applausi quando ha parlato del suo ruolo di presidente della FIA Women e la sua voce si è spezzata quando ha espresso la propria tristezza nel non avere Schumacher all’evento.

“Manish è stato davvero bravo, ci siamo incontrati in una condizione di tranquillità ed era piuttosto rilassato, ci siamo anche dimenticati che stessimo registrando – ha affermato – anche se avrei preferito che fossimo cinque oggi invece di quattro”.

Il film è stato ben accolto con un applauso alla fine dei titoli di coda, dopo i quali le quattro star hanno risposto alle domande del pubblico.

Un ospite, Mark Deschamps, ha definito il film “toccante”, affermando di essersi commosso dopo averlo visto.

“Molto umano, molto toccante – ha detto – ti commuove. Parla di auto, campionati, macchine ma anche tutte le persone che ci sono dietro. I loro momenti felici, quelli più bui, le chiamate da cui tutto è iniziato, il dolore della perdita”.

“È una storia di motorsport, ma anche di vita. Per alcuni versi potrebbe essere la storia di molte persone. Ti mostra che il motorsport è una linea sottile, in cui vinci o perdi”.

Articolo successivo
Motorsport Network si espande in Medio Oriente ed in Nord Africa con una nuova Joint-Venture

Articolo precedente

Motorsport Network si espande in Medio Oriente ed in Nord Africa con una nuova Joint-Venture

Articolo successivo

Tragico incidente a Kirkistown: muore il pilota Paul Conn

Tragico incidente a Kirkistown: muore il pilota Paul Conn
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Speciale