Il candidato alla presidenza FIA ben Sulayem sui suoi piani per il motorsport

Mohammed ben Sulayem è uno dei candidati alla presidenza FIA, le cui votazioni si terranno a dicembre, per succedere a Jean Todt nel lavoro più potente nel motorsport: essere a capo della federazione mondiale che possiede e regola la F1 e gli altri campionati del mondo. In caso di successo, Ben Sulayem sarebbe il primo non europeo a guidare la FIA.

Il candidato alla presidenza FIA ben Sulayem sui suoi piani per il motorsport

Mohammed ben Sulayem è una delle figure più importanti nel motorsport del Medio Oriente. Ex pilota e pluricampione regionale di rally, è presidente della federazione motorsport degli Emirati Arabi Uniti e dal 2008 è nel Consiglio mondiale dello sport come vice presidente FIA. Quindi, perché ha deciso di candidarsi come presidente della FIA?

Mohammed Ben Sulayem

Mohammed Ben Sulayem

Photo by: Ralph Hardwick

“Il motorsport mi ha dato molto, la maggior parte della mia vita – dice Ben Sulayem – Come pilota, in 20 anni ho vinto 14 volte nel Campionato rally del Medio Oriente, poi sono diventato un organizzatore responsabile del motorsport nel mio paese. Credo che sia il momento di restituire qualcosa allo sport e alla federazione. Ho la passione di cambiare e di migliorare, di seguire alcuni passi ma anche di evolvere".

Già da tempo Ben Sulayem sta valutando la corsa alla presidenza della FIA e il ritiro di Todt dopo tre mandati rappresenta un’opportunità. Recentemente ha pubblicato il manifesto della candidatura, che lo raffigura in piedi su un biglietto, in segno di promessa per far crescere la partecipazione allo sport in tutto il mondo, oltre a una maggiore trasparenza finanziaria.

Mohammed Ben Sulayem con Jean Todt, Presidente FIA

Mohammed Ben Sulayem con Jean Todt, Presidente FIA

Photo by: Sutton Images

La visione di Ben Sulayem sulla gestione della FIA differisce da quella di Todt e da quella del suo vice presidente Graham Stoker (suo avversario di Ben Sulayem) in un aspetto fondamentale: egli assumerebbe un amministratore delegato per gestire la Federazione. Sotto Todt e il suo predecessore Max Mosley, il presidente gestisce la FIA, mentre i due pilastri dello sport e della mobilità (trasporto su strada) sono gestiti ciascuno da un segretario generale. Questa nuova visione creerebbe un nuovo ruolo molto potente e vedrebbe la FIA gestita più come un'azienda.

"La gestione quotidiana non è per il presidente – dice – Non voglio fare il micromanager. Voglio essere un presidente, per guidare, per consegnare il giorno per giorno a un amministratore delegato, che può portare lo sport e la mobilità insieme". Se eletto, lui e il CEO da lui nominato metteranno l'accento sulla crescita della partecipazione, con la promessa di raddoppiare il numero di partecipanti in tutto il mondo in quattro anni.

Ben Sulayem sostiene che se la Finlandia, con una popolazione di 5,5 milioni di persone, ha 11.000 titolari di licenze per la concorrenza, allora c'è un enorme potenziale di sviluppo in Cina e in India, che hanno solo circa 4.000 titolari di licenza ciascuno.  Quindi come farà? Egli dà l'esempio di Cross Car, che è il concetto della FIA per il rally low-cost entry level, essenzialmente un buggy off-road alimentato da un motore di moto, come i go kart sono un gateway per le corse su circuito.

"(È necessario) avere veicoli a prezzi accessibili nel livello introduttivo – afferma – Abbiamo iniziato qualcosa chiamato Cross Car. Ed è stato incredibile, credo che sia il futuro. Ma i costi dovevano essere di 8.000 euro, non di più. E poi è saltato a 25.000 euro. Se si guarda all'India e alla Cina, loro hanno i motori, perché glieli imponiamo? Prendiamo il progetto, ci assicuriamo di supervisionare e implementare le norme di sicurezza e li lasciamo andare nei loro campionati locali e regionali? Se mettiamo un obiettivo in quattro anni per raddoppiarlo, è realizzabile.

"La Formula Uno e il WRC sono in buona forma, sono molto sani. Ma il mondo ha bisogno di più di questo. Voglio dire, stiamo parlando di livello locale o regionale, hai bisogno di partecipazione locale, hai bisogno di eventi locali, e hai bisogno di eventi regionali. Questo può accadere solo se lo facciamo in modo accessibile".

Oltre a cercare di raddoppiare i partecipanti al motorsport, Ben Sulayem vuole aumentare il potere dei centri regionali di motorsport e avere una maggiore trasparenza sul lato finanziario della Federazione.

"Il (lato) finanziario della FIA non è sano, vogliamo andare a dare un'occhiata alle finanze e la prova per rendere anche la FIA indietro nel business in modo positivo – sostiene – La trasparenza e la responsabilità sono molto importanti se si vuole essere presi sul serio nel mondo. Così, per esempio, i conti FIA, quando abbiamo voluto dare un'occhiata, è stato molto difficile da raggiungere o ottenere. Quindi credo che dovremmo seguire le federazioni leader nel mondo, come il CIO, di cui facciamo parte, vedrete tutti i conti elencati sul loro sito web".

Il compagno di corsa di Ben Sulayem come vice presidente per lo sport è l'ex co-pilota campione del mondo di rally Robert Reid, mentre un nome che attira l'attenzione è quello della moglie di Bernie Ecclestone, Fabiana, che si candida come vice presidente per lo sport per la regione sudamericana.

Bernie Ecclestone parla con Mohammed Ben Sulayem

Bernie Ecclestone parla con Mohammed Ben Sulayem

Photo by: Sutton Images

Le elezioni avranno luogo il 17 dicembre a Parigi. Sarà un momento significativo per lo sport, perché con tutte le sfide che questo deve affrontare, dalle preoccupazioni ambientali alla necessità di una maggiore diversità, i prossimi quattro anni saranno importanti per stabilire la rotta per il futuro.

condividi
commenti
Motorsport Network acquisisce Autoblog Argentina
Articolo precedente

Motorsport Network acquisisce Autoblog Argentina

Articolo successivo

Accendete i motori! Ufficiale il lancio di NASCAR 21 Ignition, disponibile da oggi

Accendete i motori! Ufficiale il lancio di NASCAR 21 Ignition, disponibile da oggi
Carica i commenti