Fiammetta La Guidara, una tragedia straziante

Giornalista e amante delle due ruote, è stata per 21 anni collaboratrice di Motorsprint, ma è anche diventata la "voce" degli Aci Racing Weekend con ore di telecronache in diretta da tutti i circuiti nazionali per raccontare i campionati tricolori e non solo. Fiammetta La Guidara si è spenta all'improvviso nello stesso giorno di Fausto Gresini a 50 anni.

Fiammetta La Guidara, una tragedia straziante

Gli occhi sprizzavano tutta la sua gioia di vivere. Nessuno poteva immaginare che quel perenne sorriso che le incorniciava il viso si sarebbe spento all’improvviso, nel modo più crudele. Fiammetta La Guidara se n’è andata nel giorno di Fausto Gresini. E il tempo s’è fermato, presentando un conto troppo crudele per essere accettato a soli 50 anni.

Fiammetta era un’entusiasta: stava raccogliendo gli sforzi di una vita di chi ha scommesso nel Motorsport. Amava le moto: con una BMW F650GS e la mamma sul sellino era andata in Russia per seguire una gara Superbike. Una vita di passione e di passioni.

Di Motosprint, "bibbia" delle due ruote, è stata collaboratrice per 21 anni, ma è delle auto che faceva le telecronache degli Aci Racing Weekend. Ore chiusa in cabina di commento per raccontare con dedizione e professionalità una gara dopo l’altra di sabati e domeniche interminabili.

Perché le seconde voci cambiavano sempre, mentre lei era il punto fermo. Che facesse un caldo da liquefarsi o un freddo gelido, era sempre al suo posto davanti al microfono per descrivere spettacolari battaglie in pista, sempre immersa in un mare di fogli di carte fra elenchi degli iscritti e classifiche di campionato.

Eh sì perché aveva la capacità di narrare i fatti che si svolgevano sul nastro asfaltato e di prendere appunti per poi scrivere commenti e cronache per Autosprint. Come una Dea Calì che sapeva trovare una soluzione ad ogni problema con un sorriso disarmante.

E nel mondo delle corse non aveva trovato solo il meritato sbocco professionale, ma anche l’amore. Il matrimonio con Tarcisio Bernasconi era stato il completamento di un sogno: neanche due anni di felicità spezzati da questa tragedia. Un progetto di vita spazzato via in un attimo. Ma il ricordo di quel sorriso accattivante e ingenuo non si sbiadirà mai.

A Tarcisio porgiamo le condoglianze di tutta la redazione di Motorsport.com che partecipa a questo momento di dolore.

condividi
commenti
Jaguar porta i fan dentro la Formula E con un canale dedicato su Motorsport.tv

Articolo precedente

Jaguar porta i fan dentro la Formula E con un canale dedicato su Motorsport.tv

Articolo successivo

Porsche lancia il proprio canale su Motorsport.tv

Porsche lancia il proprio canale su Motorsport.tv
Carica i commenti