Thought leadership series
Topic

Thought leadership series

David Coulthard e il progetto More Than Equal per le donne pilota

Per l'ultima intervista di #ThinkingForward abbiamo parlato con l'ex pilota di F1 David Coulthard e il suo socio d'affari ceco Karel Komarek, che ci hanno spiegato perché stanno finanziando un nuovo ambizioso programma per permettere alle donne di raggiungere la F1

David Coulthard e il progetto More Than Equal per le donne pilota

David Coulthard ha ottenuto risultati importanti in oltre 30 anni di attività nel motorsport professionale. Non ha mai vinto il Mondiale di F1, ma è determinato ad aiutare una pilota donna a raggiungere quel livello. Sua sorella Lynsay era una formidabile pilota di kart, a cui i suoi genitori, scrupolosamente corretti, hanno dato le stesse opportunità da bambina. Ma da adolescente è uscita dal giro, come accade a molte ragazze.

Nell'ultimo decennio sono state lanciate molte iniziative per rispondere alla domanda più frequente: perché non ci sono donne pilota in F1? Dal programma FIA Girls on Track alla W Series, di cui Coulthard è socio fondatore, le opportunità sono in crescita. Ma non affrontano gli aspetti fondamentali di ciò che è necessario per passare alla F1: una migliore individuazione dei talenti in una fase iniziale e poi finanziamenti e altro sostegno professionale per un programma definito fino alla F1. Questo è ciò di cui hanno beneficiato, in un modo o nell'altro, la maggior parte dei piloti maschi famosi, da Lewis Hamilton a Lando Norris.

Coulthard si è quindi associato al suo amico, l'uomo d'affari ceco Karel Komarek, per mettere in piedi una struttura di sviluppo senza scopo di lucro chiamata 'More Than Equal', composta da esperti del settore che spaziano dal fitness, al coaching dei piloti, alla psicologia e alle sponsorizzazioni. Si tratta di un impegno aperto, con un mandato iniziale di dieci anni. Komarek è noto soprattutto come operatore di lotterie nazionali in molti Paesi europei e la sua società Allwyn Entertainment ha recentemente ottenuto l'ambita licenza per la lotteria nazionale del Regno Unito.

 

Coulthard ha alle spalle la storia di una sorella che non credeva che le donne potessero accedere alla F1, mentre Komarek è cresciuto nella Cecoslovacchia comunista e si è sentito tagliato fuori dall'accesso alle reti commerciali dell'Occidente.

"Il Paese era chiuso, non potevamo viaggiare e gareggiare. Ho imparato molto negli ultimi 25 anni", racconta. "Lo stesso può valere per le giovani donne pilota, se non si ha una possibilità all'età di 10-12 anni, dove possiamo identificare i primi talenti, assicurarci che siano capaci e competitivi con gli altri piloti maschi. E' una storia simile".

Coulthard si è avvalso dell'aiuto di nomi di spicco come Hintsa Performance, i cui istruttori si occupano di molti piloti di F1, per fornire le migliori strutture di valutazione, coaching delle prestazioni e preparazione mentale. Il comitato consultivo comprende numerose personalità del settore, come l'ex direttore della F1 Kate Bevan, Julia George di Heineken e Anthony, padre di Lewis Hamilton.

"Grazie alla mia esperienza in Formula Uno e alle altre persone che abbiamo, insieme all'esperienza commerciale e all'impegno di Karel, se mettiamo insieme gente valida e motivata, abbiamo una grande squadra", dice Coulthard. "Quindi, se non riusciamo a fare qualcosa di positivo e a cercare di sostenere e garantire alcuni talenti per il futuro, allora chi può farlo?"

"I team di Formula Uno sono troppo impegnati a fare quello che fanno. E francamente non sono interessati a sostenere queste cose. Quello che faremo è creare talenti, sostenerli in modo che poi vengano presi perché meritano di far parte di un programma per giovani piloti, ed è questa la differenza".

"Per noi c'è un fattore di benessere, perché crediamo di poter influire sul cambiamento. E se nessuno lo fa, non succede nulla. La W Series ne è un esempio. Per alcuni è controversa. Ma non ha messo in primo piano un certo numero di donne".

"Non si tratta di capire cosa possiamo ottenere finanziariamente. Si tratta di creare una piattaforma finanziaria sostenibile, che dovremo sostenere nelle fasi iniziali, ma vogliamo trovare partner che guardino oltre il proprio marchio. Il nostro impegno è a lungo termine. Quindi, finché siamo qui e vivi, vogliamo sostenere questo programma".

Il lancio di More than Equal è avvenuto prima del Gran Premio di Gran Bretagna ed è stato in qualche modo oscurato dal clamore suscitato dai commenti di Nelson Piquet su Lewis Hamilton, dimostrando che, sebbene il motorsport si stia muovendo lentamente per diventare più inclusivo su tutti i fronti, si tratti di una battaglia in salita.

More than equal cercherà, attraverso dati e ricerche, di abbattere le idee sbagliate sulle donne che corrono, come la mancanza di forza, l'aggressività o la volontà di mettersi in gioco rischiando. Questi aspetti hanno creato delle barriere in passato. Coulthard cita pugili donne come la campionessa olimpica Nicola Adams e donne pilota che hanno prestato servizio in Afghanistan. È fermamente convinto che i corridori non considerino la possibilità di farsi male quando salgono su un'auto da corsa e respinge qualsiasi voce che ciò possa essere diverso per le donne. Un esempio, la sua prima uscita in F1 per la Williams nel 1994, al posto del recentemente scomparso Ayrton Senna.

 

"Non ci si pensa mai", dice. "Guardate come sono arrivato in questo sport, guardate Ayrton. Letteralmente tre settimane dopo, ero sulla stessa macchina. Avevo provato quella vettura, l'avevo messa a punto prima che lui andasse a Imola, con lo stesso telaio. È stata la sfortuna degli dei delle corse".

Un aiuto importante per la ricerca di una donna pilota di F1 sarebbe la figlia di uno famoso che si sta affermando nel mondo delle corse. Gente come Nico Rosberg, Sebastian Vettel e Juan Pablo Montoya hanno delle figlie, ma non vengono spinte a correre. Tuttavia, la figlia di Mika Hakkinen, Ella, fa karting e sta per entrare nell'adolescenza. Secondo il suo ex compagno di squadra alla McLaren, Coulthard, "Mika ne è entusiasta".

Per maggiori informazioni su More than Equal visitare il sito www.morethanequal.com

condividi
commenti
Nuova proprietà per la Lola, si punta al rientro nelle corse
Articolo precedente

Nuova proprietà per la Lola, si punta al rientro nelle corse

Articolo successivo

Ecco come la Cupra elettrica può sorprendere in rettilineo

Ecco come la Cupra elettrica può sorprendere in rettilineo