Dalla F1 arrivano le mascherine idrorepellenti Nanoprom

Gian Luca Falleti, con i motori fermi, ha riconvertito la produzione della Nanoprom in mascherine a basso costo e alto contenuto tecnologico. L'azienda sassuolese si è subito messa a disposizione per fornire gratuitamente gli operatori di CRI e Protezione Civile modenese.

Dalla F1 arrivano le mascherine idrorepellenti Nanoprom

Dai trattamenti antiadesivi sulle carrozzerie delle Formula 1 alle mascherine anti COVID-19.

Gian Luca Falleti non ha perso tempo per convertire una parte della sua produzione nella moderna factory di Sassuolo per dare vita ad un’importante azione anti sciacallaggio mettendo a disposizione sul territorio modenese, ma non solo, delle mascherine monouso ad alto livello di protezione che la Nanoprom Chemicals sta producendo ad un prezzo di soli 61 centesimi al pezzo.  

Trattamento UV alle mascherine Nanoprom

Trattamento UV alle mascherine Nanoprom

Photo by: Nanoprom

Sono mascherine in cellulosa al 55% in tessuto non tessuto che sono sottoposte a sanificazione UV con ambiente filtrato e aspirazione continua. L’aspetto innovativo è che il tessuto è stato sottoposto a un trattamento (non quello del Polysil famoso in F1), ma di una sostanza idrorepellente che crea una più valida barriera fisica e, quindi, una più efficace protezione dal virus.

Attualmente sono state fornite gratuitamente ai volontari della Croce Rossa e della Protezione Civile di Castellarano, Sassuolo e Scandiano contribuendo alla sicurezza degli operatori sul territorio in questa fase di lotta al Coronavirus. Chi ne vuole sapere di più scriva a info@nanoprom.it.

 

condividi
commenti
Ventilatori polmonari: basta marketing, si fa troppo poco
Articolo precedente

Ventilatori polmonari: basta marketing, si fa troppo poco

Articolo successivo

Sepang ha un nuovo CEO, Razali si concentra sul Team Petronas

Sepang ha un nuovo CEO, Razali si concentra sul Team Petronas
Carica i commenti