GT World Challenge Europe Endurance
09 mag
-
10 mag
Canceled
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
49 giorni
WSBK
G
Imola
08 mag
-
10 mag
Evento concluso
G
Donington Park
03 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
35 giorni
WRC
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
6 giorni
WEC
13 ago
-
15 ago
Prossimo evento tra
76 giorni
W Series
G
29 mag
-
30 mag
Prossimo evento tra
05 Ore
:
40 Minuti
:
09 Secondi
G
Anderstorp
12 giu
-
13 giu
Prossimo evento tra
14 giorni
MotoGP
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento in corso . . .
Moto3
G
Le Mans
15 mag
-
17 mag
Evento concluso
G
Mugello
29 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
05 Ore
:
40 Minuti
:
09 Secondi
Moto2
G
Le Mans
15 mag
-
17 mag
Evento concluso
G
Mugello
29 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
05 Ore
:
40 Minuti
:
09 Secondi
IndyCar
G
Austin
24 apr
-
26 apr
Evento concluso
G
Detroit
29 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
05 Ore
:
40 Minuti
:
09 Secondi
Formula E
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
7 giorni
G
Berlin ePrix
20 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
22 giorni
FIA F3
G
Barcellona
08 mag
-
10 mag
Evento concluso
G
Red Bull Ring
03 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
35 giorni
FIA F2
G
Monaco
21 mag
-
23 mag
Evento concluso
G
05 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
7 giorni
Formula 1
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
ELMS
G
Paul Ricard
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
49 giorni
G
Spa-Francorchamps
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
70 giorni
DTM
10 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
42 giorni
G
Anderstorp
31 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
63 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
01 mag
-
03 mag
Canceled
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
70 giorni
WTCR
G
Slovakia Ring
05 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
7 giorni
19 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
21 giorni

Tanti auguri di un felice 2019 e speriamo che la Ferrari trovi la via del mondiale

condividi
commenti
Tanti auguri di un felice 2019 e speriamo che la Ferrari trovi la via del mondiale
Di:
31 dic 2018, 23:05

Amici di Motorsport.com inizia un nuovo anno e l'aspettativa degli appassionati italiani è che la Rossa riesca finalmente a rompere il dominio Mercedes nell'era della F1 ibrida. Il debutto di Leclerc sulla Ferrari contribuirà a ritrovare il vero Vettel per sfidare re Hamilton.

Buon 2019. Speriamo tutti che l'anno nuovo possa essere migliore di quello che abbiamo appena lasciato. La prematura scomparsa di Sergio Marchionne ha segnato un 2018 che sembrava potesse portare la Ferrari a rivincere un titolo mondiale undici anni dopo quello firmato da Kimi Raikkonen.

Finché c'è stato il Presidente le cose a Maranello hanno marciato secondo i piani, mentre con la malattia e poi con la morte del geniale uomo dal maglione nero il team si è un po' disunito. Nessuno lo ammetterà mai, ma all'improvviso è venuto a mancare l'agitatore di uomini. Colui che chiedeva le cose impossibili che, invece, il Reparto Corse ha saputo realizzare.

Senza Marchionne se ne sono andate tante certezze e sono affiorati i dubbi e le incertezze. Sebastian Vettel ha sommato più errori di quanto sarebbe stato concesso a un campione della sua levatura (non si discutono le capacità di un quattro volte campione del mondo), ma nessuno meglio del Presidente aveva capito che il punto debole del tedesco era quel carattere così latino del suo pilota di punta, tanto da non sembrare nemmeno un germanico.

E poi la squadra si è aperta su due fronti: non si è mai capito se sia stato Maurizio Arrivabene ad andare contro Mattia Binotto o viceversa, sta di fatto che i due uomini di vertice del Cavallino non si sono mai "annusati" e se in pubblico hanno mostrato di andare d'accordo, nel Reparto Corse hanno visioni del futuro piuttosto diverse.

A derimere la spaccatura avrebbero dovuto intervenire il nuovo presidente, John Elkann, o l'amministratore delegato, Louis Camilleri. Ma nessuno ha messo becco, sebbene un grido di allarme lo abbia lancato Piero Ferrari, che di queste situazioni ne ha vissute diverse, anche quando al timone c'era ancora il Padre, Enzo.

La Ferrari che ha sempre avuto "condottieri" al suo vertice (senza citare il fondatore basta ricordare le gestioni di Luca di Montezemolo e di Sergio Marchionne), mostra una debolezza di governance. Non c'è stato nemmeno il tradizionale incontro di Natale con i giornalisti, occasione ghiotta per fare il punto della situazione e tracciare la rotta del futuro. Si è preferito il silenzio come se non si sapesse cosa... dire.

La Scuderia, infatti, sembra che navighi a vista perché nessuno prende la parola. Non è giusto per Maurizio Arrivabene che ha avuto il coraggio e il merito di prendersi sulle spalle le colpe di una stagione finita male. Non è giusto nemmeno per Mattia Binotto che aveva in mano un paio di offerte per lasciare Maranello e ha preferito restare credendo di avere un gruppo di lavoro molto forte, capace di sfidare la Mercedes per il titolo mondiale. Per finire un lavoro che è rimasto a metà.

Non è il momento delle spaccature, ma della responsabilità. Vedremo cosa ci porterà questo 2019: intanto ci godremo il debutto di Charles Leclerc al fianco di Sebastian Vettel. Non sarà uno scudiero, come si è dimostrato Kimi Raikkonen, ma è proprio quello che ci vuole per risvegliare l'animo di combattente del tedesco.

Il monegasco alternerà gare strepitose, degne del suo talento, a inevitabili errori, ma dobbiamo lasciargli un po' di tempo, perché basta ricordare cosa è stato capace di fare Max Verstappen finché non ha preso le misure al Circus con la Red Bull. E, siccome siamo ottimisti, Buon 2019... 

 
Articolo successivo
Video F1: ecco come è nata la Ferrari SF71H tutta in cartone!

Articolo precedente

Video F1: ecco come è nata la Ferrari SF71H tutta in cartone!

Articolo successivo

Hunter-Reay e Newgarden parteciperanno alla Race of Champions 2019 nel Team USA

Hunter-Reay e Newgarden parteciperanno alla Race of Champions 2019 nel Team USA
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1 , Speciale
Autore Franco Nugnes