W Series
G
Le Castellet
25 giu
Prossimo evento tra
113 giorni
G
Spielberg
02 lug
Prossimo evento tra
120 giorni
Moto3
G
Losail
28 mar
Prove Libere 1 in
23 giorni
G
Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
Moto2
G
Losail
28 mar
Prove Libere 1 in
23 giorni
G
Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
37 giorni
Formula 1 IndyCar
G
GP di Indianapolis Gara 1
14 mag
Prossimo evento tra
71 giorni
28 mag
Prossimo evento tra
85 giorni
MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
23 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
49 giorni

Zanardi: un miracolo che si sta compiendo

Il campione bolognese ricoverato nel reparto neurochirugico dell'ospedale di Padova combatte la sua battaglia dopo il drammatico incidente in handbike del 19 giugno scorso. I medici gli hanno ricostruito la calotta cranica e Alex è vigile e in grado di vedere e sentire gli stimoli. Riconosce la moglie Daniela che lo va a trovare tutti i pomeriggi: c'è una flebile luce in fondo al tunnel, ma ci vuole ancora tempo e speranza...

Zanardi: un miracolo che si sta compiendo

Il miracolo si sta compiendo. Un po’ alla volta. Giorno per giorno. Non si deve avere fretta, ma speranza. E fede. Daniela lo va a trovare nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Padova tutti i pomeriggi e Alex la riconosce quando è nella stanza. È vigile, ma non può parlare per la tracheotomia che gli era stata praticata per favorire la respirazione. Con l’occhio destro ci vede e recepisce ciò gli viene detto, raccontato. Ascolta e riconosce le voci.  

Alessandro Zanardi combatte la sua battaglia. Il suo fisico è martoriato dagli eventi che stanno segnando cinicamente la sua esistenza, ma il suo animo non demorde. Anzi, lotta con tutte le sue forze. Ogni tanto lo mobilizzano nel letto e, per quel che può, reagisce agli stimoli.

Il campione non si arrende: Alex dopo la cranio plastica in titanio, i medici gli hanno ricostruito la calotta frammento per frammento dopo il fracasso facciale dovuto a quel maledetto incidente in handbike del 19 giugno.

E come ha scritto mirabilmente Carlo Verdelli sul Corriere della Sera, “…il cervello che ci sta dentro, tornato al sicuro, ha ricominciato a tessere i collegamenti. L’impresa impossibile sta diventando possibile. Recordman mondiale di resurrezioni, piano piano sta scalando il secondo Everest che gli si è parato davanti all’improvviso, e questa è una delle poche notizie buone di un anno cattivissimo”.

La ripresa sarà lunga, ma c’è una luce in fondo al tunnel. Il campione bolognese ha una nuova meta, un nuovo traguardo da raggiungere. Il pilota, l’atleta paralimpico, l’uomo Alex segue quel bagliore di vita.

 

condividi
commenti
Giornale Podcast - edizione del 20/12/2020

Articolo precedente

Giornale Podcast - edizione del 20/12/2020

Articolo successivo

Giornale Podcast - edizione del 21/12/2020

Giornale Podcast - edizione del 21/12/2020
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Speciale
Piloti Alex Zanardi
Autore Franco Nugnes