Formula SAE: nei test dinamici spiccano Graz, Tallin ed Augsburg

Nella Classe 3 si aggiudica il primio premio il team UniBo Motorsport Electric dell’Università di Bologna, mentre il team OMR UniBS Motorsport.dell’Università di Brescia guadagna il terzo posto. Secondo e terzo gradino del podio nell’overall della Classe 1C per MoRe Modena Racing dell’Università di Modena e Reggio Emilia e Race UP Combustion dell’Università di Padova. Al terzo posto dell’overall driverless Sapienza Corse dell’Università di Roma La Sapienza.

Formula SAE: nei test dinamici spiccano Graz, Tallin ed Augsburg

Con la closing ceremony delle 20.00, si è chiusa ieri la XVI edizione di Formula SAE Italy - competizione internazionale organizzata da ANFIA in partnership con SAE International, con l’Autodromo “R. Paletti” di Varano de’ Melegari e, da quest’anno, anche Associazione Motor Valley, e con la main sponsorship di Automobili Lamborghini. L’evento ha visto la partecipazione di oltre 300 studenti provenienti da 11 Paesi in rappresentanza di 37 team universitari.

Il podio della Classe 1C (vetture a combustione interna), vede al primo posto il team Joanneum Racing Graz di U.A.S. Graz, che ha ottenuto buoni punteggi sia nelle prove statiche, vincendo il Business Presentation Event, che in quelle dinamiche, soprattutto Autocross ed Endurance. In seconda posizione, MoRe Modena Racing dell’Università di Modena e Reggio Emilia, che ha riportato ottimi piazzamenti in tutte le prove dinamiche (primo posto all’Acceleration) e, in terza posizione, l’Università di Padova, con il team Race UP Combustion, prima classificata all’Autocross.

Nella Classe 1E (vetture elettriche) trionfa il Formula Student Team Tallinn della Tallinn University of Applied Sciences/Tallinn University of Technology, con ottime performance nelle prove dinamiche, in particolare Acceleration ed Endurance, mentre si aggiudica il secondo posto TUfast e-technology di TU München, terza classificata all’Endurance 1E, seguita dal team KARaceIng E del Karlsruhe Institute of Technology, con un buon posizionamento nelle prove dinamiche e la vittoria nell’Autocross.

Nella Classe 3 (presentazione del solo progetto della vettura) ha conquistato la vetta della classifica UniBo Motorsport Electric dell’Università di Bologna, seguita, al secondo posto, dall’AAM Driverless Racing Team dell’Arab Academy for Science, Technology & Maritime Transport e, al terzo, dall’Università di Brescia con il team OMR UniBS Motorsport.

Infine, nella Classe 1D (Driverless), il primo premio è andato a StarkStrom Augsburg Driverless di UAS Augsburg, seguito da Ecurie Aix Formula Student Team di RWTH Aachen e dal team Sapienza Corse dell’Università di Roma La Sapienza. Quest’anno la classe 1D ha visto 6 squadre iscritte – 3 italiane con vetture a combustione e 3 straniere con vetture elettriche - di cui 5 hanno superato le verifiche tecniche e 4 sono riuscite ad affrontare le prove dinamiche. Rispetto al 2019, il livello, anche grazie ad una maggiore affidabilità dei sistemi autonomi, si è alzato, ma non per tutti allo stesso modo: il team di Roma ha mostrato un sistema di guida robusto a affidabile, ma la performance è rimasta sugli stessi livelli dell’edizione passata; Augsburg e Aachen, invece, sono, cresciuti molto e in maniera strutturata, tant’è che Aachen ha riportato il tempo migliore, tra tutte le classi partecipanti, nella prova di Acceleration. Inoltre, l’introduzione, per la prima volta in questa edizione, dell’Autocross anche per la classe driverless, è stata molto apprezzata, sia per poter avere un’ulteriore prova con cui confrontarsi, sia per vedere come si comporta la vettura su brevi distanze e in un territorio poco conosciuto.

“Questa edizione di Formula SAE Italy, dopo un anno di fermo a causa della pandemia, rappresenta un positivo segnale di ripartenza, sia per le aziende e i partner che da sempre supportano la manifestazione, sia, soprattutto, per i giovani studenti – ha commentato Gianmarco Giorda, Direttore di ANFIA. Nonostante la necessità di limitare il numero dei partecipanti per svolgere l’evento in sicurezza, applicando un protocollo anti-covid sviluppato ad hoc, l’entusiasmo e la passione dei team hanno animato come sempre le quattro giornate sia durante la fase delle verifiche tecniche delle vetture, sia in quella delle prove dinamiche in pista.

Il confronto diretto con esponenti qualificati delle maggiori aziende della filiera automotive e del motorsport, presenti all’evento come staff e sponsor, rappresenta un enorme valore aggiunto per la formazione dei giovani ingegneri e speriamo quindi che nel 2022 la manifestazione possa tenersi interamente in presenza, riportando a Varano de’ Melegari anche le prove statiche che quest’anno hanno debuttato in versione virtuale su piattaforma online.

Come ANFIA – ha concluso Giorda – lavoriamo ininterrottamente per far crescere l’evento, aumentarne la visibilità a livello worldwide e l’attrattività, valorizzando i rapporti tra università e industria che permette di avviare e coltivare e accrescendo le opportunità di recruitment e networking per le aziende sponsor e partner, a cui va il nostro sentito ringraziamento per aver reso possibile questa edizione 2021”.

Leggi anche:

Ieri si è svolta in pista la prova di Endurance (275 punti sui 1.000 complessivi), che mira a valutare le performance complessive delle singole vetture in gara e rappresenta uno degli eventi principali della competizione. Si svolge lungo un tracciato totale di circa 22 km. Ai componenti del team non è permesso intervenire sul veicolo durante lo svolgimento della prova, mentre è previsto un cambio di pilota a metà prova. L'ordine con cui i singoli team scendono in pista viene stilato in base ai risultati della prova di Autocross, lasciando per ultimi i team più veloci. Il tempo complessivo dell'endurance è dato dalla somma dei tempi di ciascun pilota, cui vanno a sommarsi le eventuali penalità, comparato con quello del team più rapido in pista.

Gli eventi dinamici, nel complesso, hanno evidenziato buone performance. Nella prova di endurance - che in mattinata ha visto coinvolti i team della Classe 1C e nel pomeriggio la classe delle vetture elettriche - il buon livello dei team partecipanti è stato confermato dal basso numero di ritiri, avvenuti praticamente solo agli ultimi giri e per ragioni ordinarie legate alle logiche della competizione. Alcuni team si sono distinti per gli ottimi tempi ottenuti. Il tracciato dell'endurance, molto filante e ritmico e ancora più veloce rispetto agli scorsi anni, con alcuni punti chiave che hanno fatto emergere le abilità dei singoli piloti, è stato particolarmente apprezzato da tutti i team in gara.

Nel dettaglio di questa prova dinamica, nella Classe 1C, si è aggiudicato il primo posto il team Joanneum Racing Graz di U.A.S. Graz, seguito da MoRe Modena Racing dell’Università di Modena e Reggio Emilia e dall’Università di Padova con il team Race UP Combustion.

Nella Classe 1E ha vinto l’endurance il Formula Student Team Tallinn della Tallinn University of Applied Sciences/Tallinn University of TechnologyI, seguito da municHMotorsport della University of Applied Sciences Munich e da TUfast e-technology di TU München.

Nella Classe 1D, che ha affrontato la prova di Trackdrive al posto dell’Endurance, si è aggiudicato il primo premio l’Ecurie Aix Formula Student Team di RWTH Aachen, seguito, in seconda posizione, da StarkStrom Augsburg Driverless di UAS Augsburg, gli unici due team che
hanno completato la prova.

Durante la cerimonia di premiazione sono stati assegnati anche i premi relativi agli eventi statici - Cost Event, Business Presentation Event e Design Event - ufficializzando così il podio dei vincitori. Il Cost Event della Classe 1D vede al primo posto il team StarkStrom Augsburg Driverless di UAS Augsburg, seguito, al secondo posto, da E-Team Squadra Corse Driverless dell’Università di Pisa e, al terzo, da Sapienza Corse dell’Università di Roma La Sapienza.

Nella Classe 1E si è aggiudicato la prima posizione il team StarkStrom Augsburg Electric di UAS Augsburg, seguito, al secondo posto, da KA-RaceIng E del Karlsruhe Institute of Technology e, al terzo, da Dynamis PRC del Politecnico di Milano. Infine, per la Classe 1C: E-Team Squadra Corse dell’Università di Pisa e, a seguire, UniBo Motorsport dell’Università di Bologna e Joanneum Racing Graz di U.A.S. Graz.

Nel Business Presentation Event, per la Classe 1D, si posiziona al primo posto StarkStrom Augsburg Driverless di UAS Augsburg, seguito, al secondo posto, da Ecurie Aix Formula Student Team di RWTH Aachen e, al terzo, da UniNa Corse dell’Università Federico II di Napoli.

Nella Classe 1E si conferma in prima posizione il team Dynamis PRC del Politecnico di Milano, seguito da KA-RaceIng E del Karlsruhe Institute of Technology e da UniPR Racing Team dell’Università di Parma, rispettivamente al secondo e terzo posto. Infine, per la Classe 1C: Joanneum Racing Graz dell’U.A.S. Graz, seguito da E-Team Squadra Corse dell’Università di Pisa e da Race UP Combustion dell’Università di Padova.

Per il Design Event della Classe 1D, al primo posto troviamo l’E-Team Squadra Corse Driverless dell’Università di Pisa, seguito, al secondo posto, da StarkStrom Augsburg Driverless di UAS Augsburg e, al terzo, da UniNa Corse dell’Università Federico II di Napoli.

Nella Classe 1E troviamo in prima posizione KA-RaceIng E del Karlsruhe Institute of Technology, seguito, al secondo posto, da UniPR Racing Team dell’Università di Parma e, al terzo, dal team Superior Engineering della University of Ljubljana.

Infine, per la Classe 1C: UniBo Motorsport dell’Università di Bologna, seguito da Joanneum Racing Graz di U.A.S. Graz e da Polimarche Racing Team dell’Università Politecnica delle Marche.

Ricordiamo anche i premi speciali e i premi istituiti dagli sponsor. Sono stati consegnati il premio Automobili Lamborghini “Best lightweight solution in chassis”, andato a TUfast e-technology di TU München, il premio Dallara “Award for the best Car/Resources balance”, a KA-RaceIng E del Karlsruhe Institute of Technology e il premio Teoresi “Electronics development process: innovative controls, methods and architectures award”, conferito a Dynamis PRC del Politecnico di Milano.

GeicoTaikisha, alla sua prima esperienza come sponsor di Formula SAE Italy, leader mondiale nel settore della progettazione e realizzazione di impianti di verniciatura chiavi in mano per le case automobilistiche, ha contribuito mettendo a disposizione il premio speciale “Top Coating Award”. Il riconoscimento è stato assegnato a Dynamis PRC del Politecnico di Milano, ovvero al team che ha presentato la scocca meglio trattata e verniciata in termini di qualità e innovazione.

In particolare, GeicoTaikisha ha preso in considerazione il tipo di materiali utilizzati, il trattamento delle superfici, l'estetica e la livrea della scocca. Il premio consiste in uno stage retribuito della durata di 6 mesi, con possibilità di assunzione, presso l'Headquarters italiano del Gruppo a Cinisello Balsamo, per uno dei membri del team vincitore.

Prova endurance Formula SAE 2021

Prova endurance Formula SAE 2021

Photo by: Ufficio stampa ANFIA

condividi
commenti
Fotogallery: Formula SAE Italia 2021 a Varano

Articolo precedente

Fotogallery: Formula SAE Italia 2021 a Varano

Carica i commenti