Formula Regional: Saucy sorride a metà al Paul Ricard

Lo svizzero ha dominato entrambe le corse del weekend ma è stato squalificato al termine di Gara 1 per una irregolarità commessa dal team. Minì sfortunato in Gara 2 è costretto al ritiro per un problema tecnico.

Formula Regional: Saucy sorride a metà al Paul Ricard

Poche le emozioni vissute nella prima gara del weekend dominata da Gregoire Saucy. Il pilota della ART Grand Prix, dopo il deludente round di Monaco, si è immediatamente riscattato al Paul Ricard alla sua maniera, conquistando pole e vittoria, ma ha subìto una doccia fredda molte ore dopo.

Scattato dalla prima posizione, Saucy ha mantenuto il comando delle operazioni seguito da Hadrien David, ma la gara è stata immediatamente neutralizzata con l’ingresso in pista della safety car a seguito del contatto avvenuto tra Boya e Fluxa.

La bandiera verde è tornata a sventolare a 18 minuti dal termine e le posizioni sono rimaste congelate fino alla fine.

Saucy ha implementato il suo margine sul pilota del R-ace GP imponendo il proprio ritmo, mentre alle spalle di David un ottimo Belov ha ben impressionato con la monoposto del JD Motorsport precedendo Gabriele Minì e Zane Maloney.

Una seconda safety car è entrata in pista nei minuti conclusivi a causa dell’incidente avvenuto tra Famularo e Gnos ed ha costretto i piloti a concludere le operazioni in fila indiana.

Sacuy è così transitato sotto la bandiera a scacchi festeggiando una vittoria ampiamente meritata, ma nel tardo pomeriggio è stato squalificato. Nel corso delle verifiche tecniche i commissari hanno riscontrato una irregolarità dovuta ad un errore commesso dai meccanici nel ripristinare la vettura dopo il crash di Monaco.

Una svista che non ha fornito performance supplementari alla vettura, ma che è costata carissima a Saucy.

Il successo è così andato ad Hadrien David, alla prima vittoria stagionale, davanti ad un supero Belov ed a Gabriele Minì tornato a podio dopo il round di Barcellona.

Il pilota siciliano si è confermato ancora una volta il miglior rookie in pista ed ha preceduto Maloney, Pasma ed un Alex Quinn apparso lontano parente del pilota aggressivo visto ad inizio stagione.

La prima corsa del Paul Ricard ha finalmente avuto tra i protagonisti Kas Haverkort. Il pilota olandese della MP Motorsport, dopo gli sfortunati appuntamenti iniziali, è riuscito a centrare la settima piazza beffando un Ten Brinke incapace di mantenere la posizione di partenza.

William Alatalo e Dino Beganovic hanno completato la top ten dopo aver beneficiato del KO del protagonista di Monaco, Hadjar. Il pilota francese, infatti, ha accusato un problema tecnico prima del via ed è stato costretto a scattare dalla pit lane concludendo nelle retrovie.

La seconda gara del weekend ha consentito a Gregoire Saucy di riscattare l’amarezza per la squalifica rimediata al sabato. Il pilota della ART Grand Prix, autore ancora una volta della pole, è scattato perfettamente dalla prima casella ed ha avuto vita facile nel prendere il comando delle operazioni complice l’inatteso problema riscontrato sulla vettura di Hadrien David.

Il francese della R-ace GP è stato costretto a prendere il via dalla pit lane ed è stato protagonista di una rimonta sensazionale.

Saucy, però, ha dovuto controllare negli specchietti un Minì scatenato. La gara del siciliano, però, è durata poco. Un problema tecnico ha costretto il rookie della ART Grand Prix a tornare ai box e masticare amaro per un ritiro a sorpresa.

Con Minì fuori dai giochi, e Saucy indisturbato in vetta, la lotta per gli ultimi due gradini del podio ha visto protagonisti Belov ed Alatalo ed a spuntarla è stato il russo che ha così ottenuto il suo secondo podio consecutivo nel weekend di debutto.

Chi ha provato ad inserirsi in questo duello è stato Hadjar, ma il protagonista di Monaco non ha mai trovato lo spunto necessario per mettere in crisi il pilota della Arden.

Ottimo il quinto posto ottenuto da un Andrea Rosso bravissimo a difendersi dagli attacchi di Maloney anche nell’ultimo giro dopo il ritorno ai box della safety car intervenuta per consentire ai commissari di rimuovere la monoposto di Marinangeli.

Alle spalle del pilota delle Barbados hanno chiuso Pasma, Vidales e Aron, ma a prendersi la scena è stato Hadrien David. Scattato dalla pit lane il pilota francese è stato una vera e propria furia ed ha completato la sua rimonta sino ad un incredibile decimo posto.

Al termine del quarto round stagionale la classifica vede Saucy ancora in vetta con 110 punti seguito da Maloney con 87 e Hadjar con 81, mentre Minì, complice il ritiro odierno, è scivolato in ottava piazza a quota 56.

condividi
commenti
F. Regional: Hadjar e Maloney principi di Monte Carlo
Articolo precedente

F. Regional: Hadjar e Maloney principi di Monte Carlo

Articolo successivo

F. Regional: Belov con G4 Racing per l'intera stagione

F. Regional: Belov con G4 Racing per l'intera stagione
Carica i commenti