Vergne smentisce le ipotesi sul "vantaggio" dell'omologazione FE

Jean-Eric Vergne ha respinto le ipotesi che DS Techeetah ha ottenuto un vantaggio ritardando l'introduzione del suo nuovo powertrain Formula E fino ad aprile.

Vergne smentisce le ipotesi sul "vantaggio" dell'omologazione FE

Con le catene di approvvigionamento che sono state colpite dalla pandemia di coronavirus, ai team di Formula E era stata data la possibilità di omologare i loro nuovi propulsori all'inizio della stagione 2020/21 o in uno dei due punti specificati più tardi nella stagione.

La decisione doveva essere presa tenendo presente che questi propulsori devono durare per due stagioni fino all'introduzione delle auto Gen3 nel 2022/23.

Mentre la stragrande maggioranza delle squadre ha scelto di dare il via alla nuova stagione con il loro ultimo propulsore, DS, Nissan e Dragon/Penske Autosport non omologheranno le loro power unit fino al secondo slot il 5 aprile.

Quando le nuove regole di omologazione sono state concordate con le squadre, il calendario della Formula E 2020/21 prevedeva cinque round prima della finestra di aprile. Tuttavia, a causa dei cambiamenti di programma indotti dalla pandemia, solo le gare dell'Arabia Saudita si svolgeranno in quel periodo.

Con DS Techeetah, Nissan e Dragon/Penske ora solo richiesto di eseguire il loro vecchio powertrain a solo due gare, diverse squadre hanno espresso la loro frustrazione per l'apparente vantaggio che hanno guadagnato - anche se Motorsport.com capisce che queste squadre non sono più così preoccupati per la situazione come lo erano quando il double-header Santiago è stato rinviato.

Tuttavia, Vergne ritiene che non c'è alcun vantaggio da guadagnare dall'omologazione, dicendo che le squadre che hanno fatto tali accuse "meglio concentrarsi sul loro lavoro".

"Un vantaggio? Non so se è un vantaggio, lo scopriremo alla fine dell'anno", ha detto Vergne a Motorsport.com.

"Penso che a molti piacerebbe dire che abbiamo un vantaggio, di sicuro, ma non avevamo previsto che COVID sarebbe durato così tanto, non avevamo previsto che le gare sarebbero state rinviate. Alla fine, non abbiamo nulla a che fare con questo.

"Abbiamo seguito il regolamento, che ci ha dato il tempo di scegliere quando volevamo introdurre il nostro motore. Per un bel po' di ragioni, abbiamo deciso che sarebbe stato nell'aprile 2021. Poi, non è colpa nostra se il calendario è cambiato".

Ha aggiunto: "Sai, è divertente - sono stato in una posizione in cui stavo perdendo, in una posizione in cui stavo vincendo, e quando perdi, trovi sempre delle scuse: gli altri stanno barando, o hai avuto dei problemi.

Quelli che dicono questo è meglio che si concentrino sul loro lavoro e non dicano queste cose". Ma non so chi l'abbia detto, forse nessuno lo dirà di nuovo".

Vergne ha detto che DS ha preso una decisione strategica di utilizzare il secondo slot perché non voleva rischiare di costruire un powertrain difettoso correndo con la sua costruzione.

"L'omologazione comprende la stagione otto - la stagione successiva", ha spiegato il due volte campione FE. "Penso che probabilmente è stata una decisione strategica da parte di DS di aspettare fino a quando non eravamo un po' più sicuri di ciò che volevamo mettere in quel powertrain, dato che avremmo dovuto correre con esso per una stagione e mezzo.

"Quelli che si sono affrettati a fare un powertrain - se lo avessimo progettato male, saremmo stati bloccati con quel powertrain per due anni.

"Penso che DS abbia probabilmente preferito avere possibilità leggermente peggiori per la prima parte di quest'anno e massimizzare le possibilità per la seconda parte della stagione e la prossima".

Il campione di Formula E 2015/16 Sebastien Buemi ha detto che Nissan ha preso in considerazione i potenziali cambiamenti del calendario durante la scelta della seconda finestra di omologazione.
"Non li abbiamo minacciati per omologare il loro powertrain per la prima gara!" ha detto Buemi a Motorsport.com. "Quando abbiamo fatto la chiamata sull'omologazione, sapevamo già che il campionato, nonostante sia stato pubblicato, non si sarebbe mai svolto come previsto.

"Quando abbiamo preso questa decisione, sapevamo perché la stavamo prendendo. Di nuovo, non è che si guadagna un secondo al giro. Poi, è davvero difficile dire quanto si perde o si guadagna aspettando la seconda finestra di omologazione".

condividi
commenti
Formula E: i team clienti cercano maggiore parità nell'era Gen3

Articolo precedente

Formula E: i team clienti cercano maggiore parità nell'era Gen3

Articolo successivo

Formula E: le stagioni 2021 e 2022 in diretta su Sky

Formula E: le stagioni 2021 e 2022 in diretta su Sky
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Piloti Jean-Éric Vergne
Team Techeetah
Autore Rachit Thukral