Formula E
14 feb
-
15 feb
Evento concluso
27 feb
-
29 feb
Evento concluso
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
61 giorni
G
Berlin ePrix
20 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
76 giorni
G
New York City ePrix
10 lug
-
11 lug
Prossimo evento tra
96 giorni
25 lug
-
25 lug
Prossimo evento tra
111 giorni
G
E-Prix di Londra II
26 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
112 giorni

Vergne: "Io non vedo già l'ora di correre a Parigi...”

condividi
commenti
Vergne: "Io non vedo già l'ora di correre a Parigi...”
Di:
, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
7 apr 2016, 11:13

Il pilota transalpino della DS Virgin Racing, che negli USA ha peggiorato in gara (13esimo) il risultato delle qualifiche (11esimo), vuole gettare alle spalle un inizio di stagione pressoché disastroso.

Jean-Éric Vergne , DS Virgin Racing
Jean-Eric Vergne, DS Virgin Racing
Jean-Eric Vergne, DS Virgin Racing
Jean-Éric Vergne, DS Virgin Racing

Decisamente quest’anno il Campionato FIA di Formula E non fa per Jean-Éric Vergne. L’ex pilota francese di Formula 1, selezionato a metà dello scorso anno per portare al debutto la monoposto DSV-01 figlia del sodalizio tra Virgin Racing e DS Performance, sembra non imbroccarne una o, per lo meno, pare essere il bersaglio preferito della sfortuna.

All’attivo al momento, ha infatti soltanto il settimo posto nell’ePrix di Punta del Este, foriero di sei “punticini”. A Buenos Aires, prendendo a pretesto l’indisposizione alimentare che lo aveva colpito nella notte fra venerdì e sabato, era circolata voce che potesse subentrargli (una tantum?) l’argentino José María López, campione in carica del WTCC e idolo del pubblico locale.

Proseguendo su una china poco favorevole, Jean-Éric Vergne si è infatti qualificato soltanto undicesimo e in gara ha chiuso al tredicesimo posto, complice anche una sospensione piegata, al termine di una battaglia in cui ha dovuto difendersi da António Félix Da Costa, che stava via via risalendo il gruppo.

"Non vedo l'ora di essere a Parigi. In fondo, c’è tutta un’altra metà di stagione per battermi e per dire la mia. Sto lavorando sodo per cercare di capire meglio la mia macchina in modo da poter migliorare", ha detto l’esperto driver transalpino.

Concludendo, pur senza far riferimento al problema al braccetto che lo ha colpito, ha aggiunto: "Poche storie. Sono consapevole di aver vissuto l’ennesimo appuntamento difficile. Credo sia davvero giunto il momento di rovesciare completamente la situazione, guardando avanti verso le gare europee". 

 

Articolo successivo
Da Costa: “Serve più tolleranza sulla pressione gomme”

Articolo precedente

Da Costa: “Serve più tolleranza sulla pressione gomme”

Articolo successivo

Frijns: “I meccanici non meritavano un risultato così”

Frijns: “I meccanici non meritavano un risultato così”
Carica i commenti