Valencia continua ad ospitare i test pre-stagionali di Formula E

condividi
commenti
Valencia continua ad ospitare i test pre-stagionali di Formula E
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
2 set 2019, 11:20

ABB FIA Formula E ha annunciato che tornerà al circuito Ricardo Tormo di Valencia per i tre giorni di test ufficiali pre-stagionali ad ottobre.

I test della Formula E inizieranno ad ottobre ed avranno una durata di tre giorni, dal 15 al 18. Il giovedì sarà dedicato al riposo ed alla stampa. Ogni giornata sarà suddivisa in due sessioni da tre ore, la prima dalle ore 9 alla pausa pranzo delle 12. I test non saranno aperti al pubblico.

Valencia sarà teatro di questi test pre-stagionali per il terzo anno consecutivo, dopo che i test per le prime tre stagioni sono stati svolti a Donington Park.

I team, arrivati quest’anno a 12 con l’ingresso di Porsche in vista della stagione 2019/2020, dovrebbero utilizzare nuovamente la configurazione nazionale del circuito a 1.92 miglia. Nei test dello scorso anno, una sessione è stata messa da parte per provare una ‘gara’ verificando il format ‘attack mode’ – con sistemi informativi TV – in vista della prima stagione dell’era Gen2.

L’attack mode resterà invariato per questa stagione, ma sono cambiate le regole per ridurre la quantità di energia che i piloti hanno a disposizione dopo la Safety Car e le bandiere gialle, sarà un importo stabilito a seconda della lunghezza della gara.

Questo fa parte di un’offerta per ridurre le gare flat-out ed aumentare i finali a basso consumo energetico, come avvenuto nella gara di Città del Messico la scorsa stagione, vinta da Lucas Di Grassi su Audi perché la Mahindra del leader Pascal Wehrlein aveva esaurito i contatori di energia al traguardo.

Quest’anno i costruttori potranno anche alterare l’hardware sui nuovi pacchetti dopo la conclusione dei test di Valencia. Questo perché il termine di omologazione FIA per i propulsori 2019/2020 è stato esteso fino al 31 ottobre.

In precedenza, l’hardware dei propulsori era bloccato durante la stagione – con modifiche consentite solo in casi di estrema inaffidabilità o per motivi di sicurezza – prima dei test ufficiali pre-stagionali. I costruttori avevano un’indennità di programma privato di 15 giorni per lavorare sulle loro nuove tecnologie.

Questa mossa segue il divieto dei propulsori a doppio motore imposto dalla FIA per la prossima stagione, che lascia la squadra Nissan-e.dams con una finestra ridotta per modificare il proprio pacchetto in vista del prossimo campionato.

Articolo successivo
Cronache di Sébastien Buemi - "Vedo squadre come Rebellion essere più veloci di noi"

Articolo precedente

Cronache di Sébastien Buemi - "Vedo squadre come Rebellion essere più veloci di noi"

Articolo successivo

Nissan conferma Buemi e Rowland per la stagione 2019/2020

Nissan conferma Buemi e Rowland per la stagione 2019/2020
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Autore Alex Kalinauckas