Formula E
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
14 feb
-
15 feb
Evento concluso
G
Marrakesh ePrix
27 feb
-
29 feb
Prossimo evento tra
7 giorni
20 mar
-
21 mar
Prossimo evento tra
29 giorni
03 apr
-
04 apr
Prossimo evento tra
43 giorni
G
Paris ePrix
17 apr
-
18 apr
Prossimo evento tra
57 giorni
G
Seoul ePrix
02 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
72 giorni
G
Jakarta ePrix
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
106 giorni
G
Berlin ePrix
20 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
121 giorni
G
New York City ePrix
10 lug
-
11 lug
Prossimo evento tra
141 giorni
G
London ePrix
25 lug
-
25 lug
Prossimo evento tra
156 giorni
G
E-Prix di Londra II
26 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
157 giorni

Santiago E-Prix: secondo trionfo BMW con show di Gunther

condividi
commenti
Santiago E-Prix: secondo trionfo BMW con show di Gunther
Di:
18 gen 2020, 20:22

Prima vittoria nella serie per Maximilian Gunther grazie ad una serie di sorpassi capolavoro. Da Costa cede il primo posto per errata gestione della batteria. Vandoorne è il nuovo leader del campionato.

Continua la striscia positiva della BMW in Formula E. Dopo il successo conquistato con Alexander Sims in occasione del primo round stagionale, la Casa tedesca si è ripetuta anche nell’E-Prix di Santiago del Cile, ma questa volta con un Maximilian Gunther in formato super.

Il pilota tedesco è riuscito a cogliere il primo successo personale nella serie al termine di una gara solida e gestita perfettamente sia a livello psicologico che di gestione della batteria.

Gunther non è stato impeccabile al via, quando ha perso la seconda posizione dopo essere stato sopravanzato dalla Mahindra di Wehrlein, ma si è presto rifatto sbarazzandosi del connazionale senza perdere troppo tempo per poi mettersi all’inseguimento del poleman Evans.

Il pilota della Jaguar ha dominato la prima fase di gara, imponendo il proprio ritmo e prendendo subito un ottimo vantaggio sugli inseguitori, ma Gunther non ha mai perso le speranze e sfruttando l’ultimo secondo di Attack Mode disponibile è riuscito a beffare Evans con un sorpasso capolavoro all’esterno di Curva 9.

Salito al comando, Gunther ha sempre controllato negli specchietti la Jaguar del rivale ma nel finale di gara ha dovuto fare i conti con un Antonio Felix da Costa indemoniato.

Il portoghese della DS Techeetah, dopo essere partito dalla decima posizione, è stato protagonista di una grande rimonta ed è stato abile a tenersi lontano dai guai nel caos dei primi giri.

Da Costa è stato anche in grado di portarsi al comando a 3 giri dal termine, ma un errore nella gestione della batteria da parte del team lo ha privato di una vittoria ampiamente meritata.

Il box della Techeetah, infatti, ha dapprima comunicato al portoghese di spingere al massimo per poi avvisarlo di alzare il ritmo per problemi di surriscaldamento proprio della batteria.

Gunther ha così potuto ripetere la stessa manovra compiuta ai danni di Evans nei confronti di da Costa sempre in Curva 9 riuscendo così a portare a casa il primo successo nella serie con un sorpasso capolavoro effettuato all’ultimo giro.

Da Costa non ha gradito la gestione errata da parte del box ed ha espresso tutta la sua frustrazione via radio, mentre Mitch Evans, nonostante una pole ed una prima parte di gara da assoluto dominatore, è apparso scuro in volto al termine della gara complice, anche in questo caso, una gestione batteria certamente rivedibile.

Chiude ai piedi del podio Pascal Wehrlein. Il tedesco, nonostante una buona prima parte di gara, non è stato in grado di tenere il ritmo dei primi tre ed è riuscito ad avere la meglio su Nyck de Vries solamente sotto la bandiera a scacchi complice l’esaurimento della batteria della Mercedes dell’olandese.

Per la squadra tedesca la trasferta di Santiago del Cile si conclude con un quinto e sesto posto, quest’ultimo firmato Vandoorne, che possono comunque soddisfare dopo una qualifica particolarmente complicata.

Da applausi, ancora una volta, la rimonta messa in mostra da Lucas Di Grassi. Il brasiliano dell’Audi è riuscito a riscattare il grossolano errore commesso in qualifica riuscendo a risalire dal fondo dello schieramento sino al settimo posto conclusivo davanti alla Jaguar di James Calado.

Da dimenticare la gara di Felipe Massa. Il brasiliano della Venturi è stato per buona parte della corsa in lotta con il proprio compagno di team, Mortara, ma ha commesso parecchie sbavature ed è parso piuttosto arrendevole in difesa retrocedendo così dalla quarta posizione di partenza sino alla nona finale davanti a Sam Bird.

Gara disastrosa, infine, sia per Jean-Eric Vergne che per la Porsche. Il campione in carica ha iniziato la stagione col piede sbagliato ed anche in Cile è stato costretto al ritiro dopo aver danneggiato il passaruota anteriore sinistro vanificando così una ottima rimonta, mentre i due piloti del team tedesco, Jani e Lotterer, sono stati coinvolti nel caos iniziale ed hanno danneggiato seriamente le rispettive monoposto venendo costretti al ritiro. E-Prix amaro anche per Sims ritiratosi nelle battute iniziali e non più leader del campionato.

Al termine della gara odierna la classifica piloti è stata rivoluzionata e vede Stoffel Vandoorne in testa con 38 punti seguito da Sims a quota 35 mentre Bird è terzo a quota 27.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Germany Maximilian Gunther
United States Andretti Autosport 40 46'11.511 25
2 Portugal António Félix Da Costa
China Techeetah 40 46'13.578 2.067 2.067 18
3 New Zealand Mitch Evans
United Kingdom Jaguar Racing 40 46'16.630 5.119 3.052 15
4 Germany Pascal Wehrlein
India Mahindra Racing 40 46'18.561 7.050 1.931 12
5 Netherlands Nyck De Vries
Germany Mercedes 40 46'21.394 9.883 2.833 10
6 Belgium Stoffel Vandoorne
Germany Mercedes 40 46'22.748 11.237 1.354 8
7 Brazil Lucas Di Grassi
Germany Audi Sport Team ABT 40 46'25.948 14.437 3.200 6
8 United Kingdom James Calado
United Kingdom Jaguar Racing 40 46'29.766 18.255 3.818 4
9 Brazil Felipe Massa
Monaco Venturi 40 46'31.941 20.430 2.175 2
10 United Kingdom Sam Bird
United Kingdom Virgin Racing 40 46'33.291 21.780 1.350 1
11 Switzerland Nico Müller
United States Dragon Racing 40 46'35.297 23.786 2.006
12 United Kingdom Oliver Turvey
United Kingdom NIO Formula E Team 40 46'39.289 27.778 3.992
13 Switzerland Sébastien Buemi
France DAMS 40 46'54.768 43.257 15.479
14 Germany Daniel Abt
Germany Audi Sport Team ABT 40 46'58.709 47.198 3.941
15 Netherlands Robin Frijns
United Kingdom Virgin Racing 39 46'47.294 1 Lap 1 Lap
16 China Ma Qing Hua
United Kingdom NIO Formula E Team 39 47'04.523 1 Lap 17.229
17 United Kingdom Oliver Rowland
France DAMS 36 46'43.287 4 Laps 3 Laps
Belgium Jérôme D'Ambrosio
India Mahindra Racing 40 48'09.135 1'57.624 1'25.848
New Zealand Brendon Hartley
United States Dragon Racing 35 41'17.394 5 Laps 5 Laps
France Jean-Éric Vergne
China Techeetah 32 37'19.383 8 Laps 3 Laps
Switzerland Edoardo Mortara
Monaco Venturi 29 34'05.084 11 Laps 3 Laps
Germany André Lotterer
Germany Porsche Team 28 46'59.744 12 Laps 1 Lap
United Kingdom Alexander Sims
United States Andretti Autosport 4 4'49.246 36 Laps 24 Laps
Switzerland Neel Jani
Germany Porsche Team 2 4'05.648 38 Laps 2 Laps
Scorrimento
Lista

Vista sulle Ande che dominano il circuito

Vista sulle Ande che dominano il circuito
1/22

Foto di: Sam Bagnall / Motorsport Images

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2
2/22

Foto di: Alastair Staley / Motorsport Images

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2
3/22

Foto di: Sam Bagnall / Motorsport Images

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2
4/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2
5/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams
6/22

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2

Sébastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IMO2
7/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01
8/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01
9/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01
10/22

Foto di: Sam Bagnall / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01
11/22

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01
12/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06
13/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01
14/22

Foto di: Sam Bagnall / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ
15/22

Foto di: Alastair Staley / Motorsport Images

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06
16/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06
17/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06
18/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06
19/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06
20/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 01
21/22

Foto di: Dan Bathie / Motorsport Images

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06

Sam Bird, Virgin Racing, Audi e-tron FE06
22/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Articolo successivo
Santiago E-Prix: Evans piazza la zampata, disastro per Di Grassi

Articolo precedente

Santiago E-Prix: Evans piazza la zampata, disastro per Di Grassi

Articolo successivo

Fotogallery: l'E-Prix di Santiago di Formula E

Fotogallery: l'E-Prix di Santiago di Formula E
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Evento Santiago ePrix
Autore Marco Di Marco