Virginia Raggi: "L'ePrix di Roma proietta la Capitale nel futuro"

condividi
commenti
Virginia Raggi: "L'ePrix di Roma proietta la Capitale nel futuro"
Di:

Le autorità della capitale d'Italia e il CEO e fondatore della categoria Alejandro Agag hanno presentato la gara della serie "full electric" che si svolgerà il 14 aprile 2018, sottolineando i benefici che porterà alla città.

Presentazione dell'ePrix di Roma alla presenza del sindaco di Roma Virgina raggi
Spark-Renault SRT 01E
Spark-Renault SRT 01E
Conferenza stampa
Spark-Renault SRT 01E
Conferenza stampa
Conferenza stampa
Presentazione dell'ePrix di Roma alla presenza del sindaco di Roma Virgina raggi
Spark-Renault SRT 01E
Spark-Renault SRT 01E
Atmosfera
Presentazione dell'ePrix di Roma alla presenza del sindaco di Roma Virgina raggi

Possono accendersi i motori elettrici dell'ePrix di Roma. Nella Sala Promoteca del Palazzo Senatorio in Piazza del Campidoglio a Roma, la sindaca Virginia Raggi, insieme al CEO della Formula E, Alejandro Agag, al Presidente di EUR SpA, Roberto Diacetti, all'Assessore allo sport, politiche giovanili e Grandi eventi, Daniele Frongia, al Presidente dell'Assemblea Capitolina, Marcello De Vito, e al Direttore Funzione Innovazione e Sostenibilità del Gruppo ENEL, Ernesto Ciorra, hanno ufficialmente battezzato la nascita dell'evento, presentando alla stampa come la gara "full electric" diventerà l'esempio per il futuro più eco-sostenibile della città. 

"Roma diventerà protagonista di un evento internazionale - ha dichiarato Virginia Raggi - che proietta la capitale nel futuro. Guardando questi bolidi correre il 14 aprile del 2018 per le strade dell'EUR, i cittadini comprenderanno quali saranno i benefici di  un tipo di mobilità più sostenibile grazie all'elettrico. La Formula E aiuterà Roma a muovere un decisivo passo verso il concetto di 'smart city' con i vantaggi logistici permanenti che la corsa porterà nel IX municipio. L'installazione di nuove colonnine di ricarica e la connessione wifi sono solo il primo passo verso questi obiettivi". 

Per Alejandro Agag è un sogno che si avvera perché il CEO e fondatore della Formula E ha inseguito l'idea di correre nella Capitale d'Italia fin dal 2013: "È una grande emozione per me essere qui - ha affermato - In Roma ho sempre creduto. Devo ringraziare tante persone, con le quali abbiamo cominciato a lavorare un anno fa per realizzare il progetto, ma la cosa veramente bella è vedere come la Formula E generi consenso attorno a sé. Per esempio, ha accomunato gli intenti di persone completamente opposte politicamente come l'ex sindaco di Londra, il conservatore Boris Johnson e la sindaca socialista di Parigi, Anna Hidalgo". 

 

E ancora: "Inoltre, Roma entra in un periodo molto importante per noi, perché la serie è in pieno sviluppo tecnologico: nel prossimo triennio le macchine saranno più efficienti oltre che più performanti. I piloti non saranno più costretti a cambiare macchina e avranno a disposizione monoposto il 20 per cento più potenti. Ma c'è ancora tanto da fare per la sostenibilità e rendere le città meno inquinate e più vivibili. La mobilità elettrica è una parte importante della soluzione. Portando nel cuore delle metropoli, per fare vedere alla gente macchine elettriche veloci e 'cool', vogliamo spingere i diciottenni di adesso a comprare elettrico in futuro".

Il cuore pulsante dell'ePrix di Roma sarà L'EUR, dove verrà realizzato il circuito non permanente. "È un grande evento - ha aggiunto Roberto Diacetti - che metterà in mostra il quartiere facendolo diventare attraente per i partner commerciali più importanti della Formula E, ma non soltanto. Vogliamo che la gente si appassioni alla categoria e, anche se ancora non abbiamo definito i prezzi dei biglietti, abbiamo previsto zone dove i fan potranno vedere la gara gratis".

Di più: "Ci stiamo organizzando affinché l'eVillage, che sorgerà nella Nuvola di Fuksas, non sia soltanto un luogo di intrattenimento per i fan aperto solo nella giornata della gara, ma puntiamo a tenerlo aperto almeno per tutta la settimana precedente per coinvolgere, oltre i tifosi, anche le scuole per far conoscere ai ragazzi come attraverso la Formula E la mobilità elettrica può contribuire a cambiare il mondo".

Alla Città Eterna si presenta una sfida difficile e importante. È qui che, grazie alla capillare rete stradale che collegava il centro dell'Impero alla periferia, è nata l'idea moderna di mobilità. E ora, grazie all'apporto delle nuove tecnologie studiate e sviluppate dal mondo del motorsport, dovrà dimostrare le capacità di reggere il passo e proiettarsi nel futuro per recitare, ancora una volta, il ruolo da protagonista. 

 

Fotogallery: la nuova Mahindra M4Electro di Formula E

Articolo precedente

Fotogallery: la nuova Mahindra M4Electro di Formula E

Articolo successivo

Roberto Diacetti: "Il circuito dell'EUR esalterà i piloti!"

Roberto Diacetti: "Il circuito dell'EUR esalterà i piloti!"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Evento Presentazione ePrix di Roma
Sotto-evento Conferenza stampa
Autore Michele Salvatore