Lotterer: “La F.E si guida all’opposto delle auto cui sono abituato”

Il tre volte vincitore della 24 Ore di Le Mans e pilota Caterham in F.1 a Spa 2014 farà il suo debutto nella serie "full electric" in Cina il prossimo dicembre con la Techeetah al fianco del francese Jean-Eric Vergne, E dice che...

Lotterer: “La F.E si guida all’opposto delle auto cui sono abituato”
Andre Lotterer
Andre Lotterer, Techeetah
Andre Lotterer, Techeetah
Andre Lotterer, Techeetah
Andre Lotterer, Techeetah inspects the damage to car of James Rossiter, Venturi Formula E Team
Andre Lotterer, Techeetah
Andre Lotterer, Techeetah
Andre Lotterer, Techeetah
Andre Lotterer, Techeetah

Per André Lotterer sarà un tuffo nel passato. Da anni impegnato nel WEC, il pilota tedesco, tra meno di un mese, si troverà a misurarsi di nuovo con le monoposto, già saggiate nel Circus e nella Super Formula giapponese, dove vinse due titoli.

“Le F.E sono l’opposto. Avendo guidato sempre le migliori vetture mi sento viziato ”, ha confidato ad Autosport, prima di riconoscere che in ogni caso bisogna rimboccarsi le maniche .

“La Super Formula e le F.1 sono il massimo in termini di velocità in curva. Ugualmente con le LMP1 ibride, dotate di mille cavalli e quattro ruote motrici, si esce dai cambi idi direzioni come missili. I piloti si creano un concetto astratto della rapidità, per cui si punta costantemente a portare l’auto al limite. Lo stesso è se si dispone di una macchina più lenta. L’impegno mentale è il medesimo”. 

 

Dopo una pausa di 17 anni, ad Hong Kong il 35enne tornerà inoltre a correre su un circuito cittadino.
“Dovrò riprendere dimestichezza e sentirmi a mio agio. In molti dicono che queste macchine non hanno potenza, ma sono certo che sui cittadini siano abbastanza performanti”, ha aggiunto. 

Avendo disputato al volante della Techeetah soltanto i tre giorni di test ufficiali di Valencia e lavorato per lo più al simulatore, trattandosi di un team privato che non può godere di sessioni ad hoc, Lotterer ha dovuto imparare in fretta le diversità rispetto ai mezzi finora utilizzati, dal posteriore carico per la presenza dei motori elettrici, alle gomme "all season" della Michelin, fino ai freni in carbonio.

“Gli pneumatici sono un fattore importante, per cui è difficile individuare e capire le piccole variazioni d’assetto. I freni sono sensibili alla temperature e il bilanciamento varia a seconda della rigenerazione. Quindi se ne perdi un po’ per la temperatura della batteria o per la carica, i freni posteriori diminuiscono l’efficacia e ciò ti costringe a compensare spostando la distribuzione al posteriore”, ha spiegato. 

"E questo a sua volta incide sulle caratteristiche e la temperatura dei freni, per cui alcuni dischi possono restare di buon livello, altri di meno, e crearsi differenze tra sinistra e destra”, ha concluso.

Informazioni raccolte da Katy Fairman

condividi
commenti
Ufficializzate le formazioni di Formula E per la stagione 4
Articolo precedente

Ufficializzate le formazioni di Formula E per la stagione 4

Articolo successivo

L’ePrix di Montréal potrebbe cambiare location

L’ePrix di Montréal potrebbe cambiare location
Carica i commenti