Le nuove Gen 2? Un mix tra monoposto e Prototipi...

condividi
commenti
Le nuove Gen 2? Un mix tra monoposto e Prototipi...
Di: Alex Kalinauckas
21 apr 2018, 21:22

A Calafat i nove team iscritti alla Formula E 2018-2019 hanno saggiato le nuove vetture che, oltre a un look grintoso, raggiungeranno 200 kW senza bisogno dei pit-stop: ne parlano Daniel Abt e Mitch Evans.

Mitch Evans, Jaguar Racing
Daniel Abt, Audi Sport ABT Schaeffler
Daniel Abt, Audi Sport ABT Schaeffler
Daniel Abt, Audi Sport ABT Schaeffler
Daniel Abt, Audi Sport ABT Schaeffler
Daniel Abt, Audi Sport ABT Schaeffler
Bruno Spengler, BMW iFE.18
Bruno Spengler, BMW iFE.18
Bruno Spengler, BMW iFE.18

Tra i protagonisti del test di Formula E sul tracciato catalano di Calafat conclusi giovedì 19 aprile c’era anche Mitch Evans. Il neozelandese della Panasonic ha potuto provare per la prima volta la Jaguar I-Type 3 con cui gareggerà l’anno venturo.

“La Formula E è in continua crescita e nella stagione 6 ci saranno tanti ingressi. Già nella prossima vedremo il debutto di BMW e di qualche altro nome. La questione sta diventando seria e le auto sono un passo avanti, un misto tra monoposto e Prototipi. Penso che la tecnologia si evolverà e ciò dovrebbe garantire un bello spettacolo”, ha affermato il 23enne, ammettendo tuttavia di temere che la maggior presenza dell’aerodinamica possa avere un impatto sulle battaglie in gara. 

“Le Gen 2 sono sicuramente più veloci. Specialmente in modalità qualifica, quando raggiungono i 250 kW, lo show dovrebbe essere notevole per chi è in tribuna”, ha proseguito.

“In questo momento è difficile migliorare la qualità delle corse. A Roma stessa abbiamo assistito a duelli davvero ravvicinati: dunque, se l’aerodinamica non ci impedirà di avvicinarci alla macchina che precede, il futuro della categoria sarà roseo”. 

Positivamente impressionato dalle auto del 2018-2019 anche Daniel Abt, in azione con l’Audi. “Sono arrivato in Spagna con grosse aspettative e devo dire che sono state addirittura superate”, il commento euforico del vincitore del round di Città del Messico.

“Guidare è divertentissimo e senz’altro è stato compiuto uno step avanti significativo su ogni fronte. In circuito, la e-tron FE05 è sembrata ancora più spettacolare che nelle foto. Spostarmi tra le altre vetture mi ha fatto sentire in un film di fantascienza”. 

 

 

Prossimo articolo Formula E
Fotogallery: il vernissage Formula E dell'Audi Sport a Zurigo

Previous article

Fotogallery: il vernissage Formula E dell'Audi Sport a Zurigo

Next article

Pascal Derron: “Abbiamo mantenuto le promesse fatte!”

Pascal Derron: “Abbiamo mantenuto le promesse fatte!”
Load comments