La Formula E punta a Giappone, India e California

La Formula E ha identificato nuove gare in Giappone, Cina, India e Stati Uniti come strategiche per i calendari futuri, secondo il CEO Jamie Reigle.

La Formula E punta a Giappone, India e California

Motorsport.com aveva riferito nel 2018 che Tokyo e Yokohama erano state indicate come possibili sedi di gare di Formula 1, nonostante le preocuppazioni del co-fondatore Alejandro Agag per la loro politica "restrittiva".

Si è anche appreso che il circuito di Okayama, che nel 1994 e nel 1995 aveva ospitato anche il Gran Premio del Pacifico di Formula 1, è stata indicata come potenziale riserva per la stagione 2021, nel caso in cui non fosse possibile correre nelle città a causa della pandemia.

Raigle ora ha ammesso che il Giappone è un obiettivo importante per una gara futura, insieme ad un ritorno in Cina, dopo che Pechino (2014-2015) e Sanya (2019) avevano ospitato la serie full electric in passato.

"Guardo ai mercati su cui abbiamo bisogno di avere un impatto", ha detto Raigle a Motorsport.com.

"In nessun ordine particolare, ma il Giappone è su questa lista. Così come su questa lista c'è la Cina, con una delle sue metropoli (Pechino, Shanghai, Guangzhou o Shenzhen)".

Reigle poi è molto attratto dalla prospettiva di un E-Prix in India. Cosa che segue i commenti dei mesi scorsi di Dilbagh Gill, team principal della Mahinda, che aveva sottolineato come il costruttore indiano fosse interessato a sostenere la Formula E nella realizzazione di questo progetto.

Reigle, che aveva pianificato una visita al paese con Gill per lo scorso anno, che poi è stata cancellata a causa del COVID-19, ha aggiunto: "Più penso all'India e più mi eccita".

"Se si guarda a quel mercato, ha una popolazione giovane e una visione internazionalista. Si parla molto la lingua inglese, inoltre ci darebbe l'opportunità di saltare una generazione in termini di mobilità elettrica e di mostrare il futuro".

"Non sto dicendo nulla di controverso, nel senso che è risaputo che quelle città sono molto popolate e c'è molto inquinamento. Le auto elettriche quindi potrebbero davvero cambiare la qualità della vita in quel mercato".

"Ci sono delle sfide, ma sono davvero concentrato su questo e ho parlato molto con i ragazzi della Mahindra per vedere se possiamo accelerare i piani per una gara in India".

Reigle poi ha parlato di una gara in California come il suo ultimo grande obiettivo.

Questo rafforzerebbe la presenza della Formula E in America, accando alla tappa di New York, che si disputa sul Brooklyn Street Circuit, nella zona di Red Hook.

"L'ultima idea è la costa ovest degli Stati Uniti. Quando parliamo con i principali costruttori, tutti vendono tantissime auto in California. Dunque, sarebbe bello poter fare una gara lì".

Anche se il prossimo 24 aprile la Formula E sbarcherà sul Circuito Ricardo Tormo di Valencia, Reigle ha ribadito che l'impegno della serie è quello di utilizzare tracciati cittadini.

"C'è un forte impegno a rimanere fedeli alle nostre gare nel centro delle città", ha detto. "Credo che il nostro campionato abbia delle caratteristiche distintive: essere nelle città è una di queste ed è molto importante".

"Rimarremo fedeli a questo. Siamo avviando dei dialoghi davvero buoni con alcune città per il 2022-23. Cose che spero di poter annunciare questa primavera".

condividi
commenti
Formula E: l'Olanda dà l'ok per una gara ad Eindhoven
Articolo precedente

Formula E: l'Olanda dà l'ok per una gara ad Eindhoven

Articolo successivo

DS Techeetah disposta a fornire team clienti in Formula E

DS Techeetah disposta a fornire team clienti in Formula E
Carica i commenti