La FIA fornirà ai team i dettagli sulla nuova "modalità attacco" solo un'ora prima della gara

condividi
commenti
La FIA fornirà ai team i dettagli sulla nuova
Di: Alex Kalinauckas
Tradotto da: Matteo Nugnes
06 dic 2018, 10:34

I team di Formula E saranno avvertiti solo un'ora prima di ogni gara per quanto riguarda la durata ed il numero di attivazioni a disposizione per nuova "modalità attacco".

Come confermato da Motorsport.com, la Formula E sta introducendo una nuova "modalità attacco", provvisoriamente chiamata hyperboost, per l'inizio dell'era delle monoposto Gen2.

La FIA aveva precedentemente spiegato che i dettagli più precisi su queste regole sarebbero stati pubblicati prima dell'inizio della stagione 2018/2019 e il Consiglio Mondiale del Motorsport li ha confermati ieri a San Pietroburgo.

 

Il comunicato diffuso dalla FIA spiega che "il sistema sarà determinato di gara in gara dalla FIA, in base alle caratteristiche dei circuiti e diffusi entro un'ora prima della gara".

La "modalità attacco", che aumenta il livello di potenza a disposizione del pilota da 200 a 225 kW, una volta che è transitato attraverso una zona di attivazione che si trova fuori traiettoria, ha lo scopo di rendere più interessanti le strategie ed aumentare le opzioni di sorpasso in Formula E, ora che le regole non prevedono più il cambio di monoposto durante la gara.

Motorsport.com comprende che la ragione per cui è stato deciso di tenere segreti i dettagli della "modalità attacco" così a lungo nella giornata della gara ha lo scopo di impedire che le squadre possano simulare il modo migliore per utilizzarla.

Resta inteso quindi che le modalità di utilizzo varieranno di pista in pista, con un totale di otto minuti suddivisi in diverse allocazioni temporali. Per esempio, ci potranno essere quattro segmenti da due minuti, due da quattro o addirittura uno solo da otto per gara.

Ai piloti non sarà però permesso di utilizzare questa modalità per i primi due giri della gara.

Come anticipato, è stato inoltre aumentato il numero dei piloti che possono ottenere il fanboost, che può dare un'energia extra di massimo 100 kJ, portandolo da tre a cinque.

I cinque piloti che otterrano il fanboost tramite la votazione sui social network, potranno sfruttarlo dopo il 22esimo minuto della gara, che durerà 45 minuti più un giro dall'inizio della quinta stagione.

La FIA ha inoltre resto obbligatorio per tutti i piloti di Formula E di indossare i guanti biometrici in tutte le gare e nei test a cui partecipa più di un team.

La regola relativa all'utilizzo dei guanti biometrici è allo scopo di aumentare la sicurezza quando un pilota ha bisogno di soccorso.

Articolo successivo
La Formula E estende la durata d'utilizzo della monoposto Gen2 fino alla fine del 2021-2022

Articolo precedente

La Formula E estende la durata d'utilizzo della monoposto Gen2 fino alla fine del 2021-2022

Articolo successivo

Venturi ha ufficializzato l'ingaggio di Norman Nato: nel 2019 sarà il pilota di riserva

Venturi ha ufficializzato l'ingaggio di Norman Nato: nel 2019 sarà il pilota di riserva
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Autore Alex Kalinauckas