Qualifiche "no" per il duo Trulli-Liuzzi in California

Jarno partirà 13esimo e Tonio 20esimo dopo un problema idraulico e un misterioso crash in una curva

Qualifiche

Il sole della California non ha baciato la trasferta della scuderia Trulli, almeno sino alle prove di qualifica: il sodalizio pescarese, però con quartier generale a Zurigo, vedrà Jarno Trulli prendere il via in 13esima posizione per l'ePrix di Long Beach, mentre Vitantonio Liuzzi dovrà scattare sette posizioni più indietro.

Il termometro della squadra lo dà il team principal, Lucio Cavuto, ma la temperatura registrata dal mercurio è alquanto bassa, al di là delle dichiarazioni di prammatica: “È stato un vero peccato quello che è successo con la vettura di Tonio nella prove libere di questa mattina, proprio perché sia lui che Jarno erano tutto sommato veloci. Era infatti impossibile prevedere un problema idraulico sulla monoposto di Trulli. Liuzzi ha avuto un normale incidente di corsa, ma mentre parliamo stiamo naturalmente cercando di capirne di più per evitare guai in gara. In ogni caso, per guardare alla metà piena del bicchiere, abbiamo dimostrato che i nostri piloti stavano spingendo duro per ottenere una buona posizione sullo schieramento. Adesso, speriamo di poter riparare il cambio di Jarno senza cambiare nulla degli ingranaggi per evitare una penalizzazione in griglia di dieci posizioni…".

"Purtroppo abbiamo avuto un problema idraulico oggi che ci ha costretto a interrompere uno dei giri più veloci in qualifica, al fine di portare a casa la macchina intatta. Ed è un vero, peccato perché diversamente avremmo potuto facilmente lottare per la pole position, a mio avviso", esclama Jarno Trulli con un certo scoramento.

Altrettanto abbattuto è Vitantonio Liuzzi, confermato al volante dopo il bell'esordio in Florida: "Oggi è stata una giornata difficile. Abbiamo avuto un problema nelle prove libere del mattino che mi è costato tempo prezioso in macchina. L'avaria è stata risolta e la vettura preparata per la Q4, ma una volta entrato in pista ho percepito che avevo poco grip. Dobbiamo analizzare che cosa è successo nelle prove ufficiali perché in una curva, nemmeno troppo impegnativa, io ho regolarmente provato a girare il volante, ma la monoposto è andato diritta e ho finito con il toccare le barriere. Così, ora dobbiamo capire bene la dinamica dell'incidente. Abbiamo ancora una gara lunga davanti a noi, soprattutto perché, come abbiamo visto, in questa categoria può succedere di tutto, e non bisogna mai darsi per vinti...”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Piloti Jarno Trulli , Vitantonio Liuzzi
Articolo di tipo Ultime notizie